Penale: Guide e Consulenze Legali

Consulenza legale

Ricevi una consulenza in Diritto Penale
in 48 ore comodamente tramite email

Riti alternativi al dibattimento

Il procedimento per decreto è uno dei riti alternativi al dibattimento. Il procedimento si realizza mediante la richiesta, da parte del pubblico ministero, di una condanna ad una pena e nella emissione da parte del Giudice delle Indagini Preliminari richiesto di un proprio decreto, che viene definito appunto decreto penale di condanna.

Il procedimento per decreto è uno dei riti alternativi al dibattimento. Può essere adottato solo per reati procedibili di ufficio o procedibili a querela, quando la parte non abbia dichiarato nel corso della stessa querela di opporvisi, e solo nel caso in cui debba applicarsi una pena pecuniaria, anche in sostituzione di una pena detentiva.

Il procedimento si realizza mediante la richiesta, da parte del pubblico ministero, di una condanna ad una pena (che può essere diminuita sino alla metà), e nella emissione da parte del Giudice delle Indagini Preliminari richiesto di un proprio decreto, che viene definito appunto decreto penale di condanna.

Il decreto penale di condanna può essere opposto nel termine di 15 giorni dal ricevimento dello stesso, mediante una dichiarazione di opposizione rivolta al Giudice delle Indagini Preliminari con indicazione contestuale della richiesta di procedersi con il giudizio immediato, con un procedimento speciale (patteggiamento o rito abbreviato) o con richiesta di oblazione.

La richiesta di opposizione deve essere depositata presso la cancelleria del Giudice delle Indagini Preliminari e deve indicare, a pena di inammissibilità, gli estremi del decreto penale, la data di emissione del medesimo e il giudice che lo ha emesso.

Ai fini della opposizione è prevista la restituzione in termini per il condannato che dimostri di non aver potuto proporre la stessa nel termine di 15 giorni per caso fortuito o forza maggiore.

Nell'ipotesi in cui la persona attinta da decreto penale voglia accedere al patteggiamento, al rito abbreviato o chiedere l'oblazione dovrà farlo nell'atto di opposizione, altrimenti non potrà più richiedere l'applicazione di tali procedimenti alla prima udienza utile nel giudizio conseguente all'opposizione.

Il decreto penale è revocato se non è possibile effettuare la notifica all'imputato e, pertanto, ove sia pronunciato il così detto decreto di irreperibilità, dovrà procedersi con le forme del rito ordinario.

Nel caso in cui il decreto non venga opposto, lo stesso diviene esecutivo ed obbliga al pagamento della somma a titolo di ammenda o di multa. Tuttavia, la condanna con tale procedimento non comporta condanna alle spese di giustizia, né l'applicazione di sanzioni accessorie.

In seguito al pagamento, il reato si estingue nel termine di 5 anni, se si tratta di delitto, e nel termine di 2 anni, se si tratta di contravvenzione.

Leggi piu' importanti in materia

Artt. 459 e ss. codice di procedura penale.

INDICE
DELLA GUIDA IN Penale

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 571 UTENTI