Anche il danno da fumo derivante da pubblicità ingannevole di sigarette lights deve essere provato

Il danneggiato che alleghi il diritto al risarcimento per danno da fumo derivante da pubblicità ingannevole di sigarette lights deve fornire prova della sussistenza di detto danno.
Difatti, anche in tema di risarcimento del danno da responsabilità aquiliana (sia esso patrimoniale che non patrimoniale) occorre che sia provata l'esistenza di questo danno di cui si chiede il risarcimento, non potendosi ritenere che il danno sia in re ipsa, cioè coincida con l'evento, poiché il danno risarcibile è pur sempre un danno conseguenza anche nella responsabilità aquiliana, giusti i principi di cui agli artt. 2056 e 1223 c.c., e non coincide con l'evento, che è invece un elemento del fatto, produttivo del danno.

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 2106 UTENTI