E' illegittimo reiterare il decreto di espulsione

In tema di disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e la condizione dello straniero, dopo una prima condanna per l'inosservanza dell'ordine di lasciare il territorio dello Stato, il successivo ordine di espulsione emesso dal Questore può essere eseguito solo mediante accompagnamento alla frontiera a mezzo della forza pubblica e, qualora ciò non sia possibile con immediatezza, lo straniero deve essere trattenuto presso i centri di accoglienza ai fini della sua completa identificazione o dell'acquisizione dei documenti di viaggio.E' quanto stabilito dalla Corte di Cassazione con sentenza n. 31395/2007, ha ribadito il principio, sancito dalla più recente giurisprudenza di legittimità, secondo cui è illegittimo reiterare il decreto di espulsione.

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 1665 UTENTI