Gli studi professionali non devono pagare i produttori fonografici per la diffusione di trasmissioni radiofoniche

Corte di Giustizia dell'Unione Europea, Causa C-135/10 - Sentenza 15 marzo 2012

La nozione di «comunicazione al pubblico», ai sensi dell'articolo 8, paragrafo 2, della direttiva 92/100, deve essere interpretata nel senso che essa non comprende la diffusione gratuita di fonogrammi effettuata all'interno di uno studio odontoiatrico privato, esercente attività economica di tipo libero-professionale, a beneficio della relativa clientela e da questa fruita indipendentemente da un proprio atto di volontà. Siffatta diffusione non dà pertanto diritto alla percezione di un compenso in favore dei produttori fonografici.

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 1647 UTENTI