I decreti di espulsione debbono essere motivati soprattutto quando il clandestino versa in gravi difficoltà economiche

I decreti di espulsione debbono essere motivati soprattutto quando il clandestino versa in gravi difficoltà economiche. L' obbligo di motivazione non può essere soddisfatto […] attraverso il mero richiamo al provvedimento prefettizio di espulsione perché diversi sono i presupposti dell’uno e dell’altro provvedimento e diverso ne è l’oggetto. Il provvedimento del Questore opera inoltre una scelta tra diverse opzioni (espulsione coattiva immediata; espulsione coattiva previo trattenimento; intimazione) specificamente previste e tassativamente individuate quanto a ragioni giustificatrici, rimesse a valutazioni connotate da discrezionalità tecnica, che danno luogo a situazioni assolutamente diverse, nessuna delle quali è ‘indifferente’ o priva di conseguenze giuridicamente rilevanti per l’espulso. E, la normale situazione di disagio in cui versa il migrante economico, in genere, e lo straniero privo del permesso di soggiorno, in particolare, non consente davvero di presumere che l’ordine di allontanarsi con i propri mezzi entro cinque giorni pena la commissione di un delitto per il quale è rintracciata (oggi) una pena minima di un atto di reclusione, sia per lui evenienza ‘favorevole’
REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHIEFFI Severo - Presidente

Dott. SIOTTO Maria Cristin - Consigliere

Dott. VECCHIO Massimo - Consigliere

Dott. DI TOMASSI M. Stefania - Consigliere

Dott. BONITO Francesco Mar - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

SOSTITUTO PROCURATORE GENERALE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE D'APPELLO DI VENEZIA;

avverso la sentenza pronunziata il 30.1.2008 dal Tribunale di Verona, sezione di Legnago;

nei confronti di:

ST. Ju., nato il (OMESSO).

Visti gli atti, la sentenza denunziata e il ricorso;

Udita la relazione fatta dal Consigliere Dott. M. Stefania Di Tomassi;

Udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. BUA Francesco, che ha concluso chiedendo l'annullamento con rinvio del provvedimento impugnato.

RITENUTO IN FATTO

1. Con la sentenza in epigrafe il Tribunale di Verona ha assolto St. Ju. dal reato di cui al Decreto Legislativo n. 286 del 1998, articolo 14, comma 5 ter, con la formula il fatto non sussiste.

1.1. Osservava, dopo ampia premessa sulle ragioni della sindacabilita' dell'atto amministrativo e sui limiti di tale sindacato, che il provvedimento del 2.8.2008 mediante il quale il Questore di Parma aveva intimato all'imputato di allontanarsi entro cinque giorni dal territorio nazionale era carente di motivazione quanto alla impossibilita' di trattenere il soggetto presso un centro di permanenza temporanea - secondo quanto previsto dal Decreto Legislativo n. 286 del 1998, articolo 14 comma 1 - detta impossibilita' essendo affermata in modo apodittico con la frase "non e' possibile trattenere lo straniero in questione presso un centro di permanenza temporanea", ripetendo cioe' la sola formula normativa e senza indicarne le cause.

2. Ricorre il Procuratore generale di presso la Corte d'appello di Venezia, che chiede l'annullamento della sentenza denunziando violazione di legge.

Concordando (apparentemente) sulla sindacabilita' del provvedimento del questore ove sia mancante di motivazione, il ricorrente rileva che e' tuttavia sufficiente una motivazione succinta, che nel caso in esame sussisterebbe, essendo sufficiente che s'alleghino gli elementi per cui l'autorita' di polizia ha deciso di procedere all'espulsione mediante intimazione. Sostiene quindi che allorche' e' stata adottata tale forma di espulsione, mediante intimazione anziche' mediante accompagnamento alla frontiera immediato o previo trattenimento, l'espulso non ha ragione di dolersi delle modalita' sicuramente meno gravose; la qual cosa, assieme al fatto che il provvedimento del Questore costituisce mera attuazione del provvedimento del Prefetto, non piu' in discussione, escluderebbe in radice la necessita' di "attente motivazioni".

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Il ricorso appare infondato.

1.1. L'affermazione del ricorrente (logicamente preliminare) che il decreto del Questore che intima allo straniero di allontanarsi dal territorio nazionale non abbisognerebbe di specifiche motivazioni perche' meramente attuativo del provvedimento prefettizio e perche' meno invasivo rispetto alla espulsione coattiva e', per le ragioni gia' esposte dal Tribunale del tutto apoditticamente criticate, manifestamente infondata.

La sentenza impugnata ricorda bene i principi di diritto per i quali ogni provvedimento amministrativo, compresi quelli concernenti l'organizzazione amministrativa, deve essere motivato e per i quali spetta al giudice penale, che dell'atto debba fare applicazione, il sindacato sui vizi dell'atto (cfr. sul punto, sia pure incidentalmente, da ultimo S.U. 28.2.2008, Niccoli).

Detto obbligo di motivazione non puo' essere soddisfatto - nel caso che qui interessa - attraverso il mero richiamo al provvedimento prefettizio di espulsione perche' diversi sono i presupposti dell'uno e dell'altro provvedimento e diverso ne e' l'oggetto. Il provvedimento del Questore opera inoltre una scelta tra diverse opzioni (espulsione coattiva immediata; espulsione coattiva previo trattenimento; intimazione) specificamente previste e tassativamente individuate quanto a ragioni giustificatrici, rimesse a valutazioni connotate da discrezionalita' tecnica, che danno luogo a situazioni assolutamente diverse, nessuna delle quali e' "indifferente" o priva di conseguenze giuridicamente rilevanti per l'espulso. E la normale situazione di disagio in cui versa il migrante economico, in genere, e lo straniero privo del permesso di soggiorno, in particolare, non consente davvero di presumere che l'ordine di allontanarsi con i propri mezzi entro cinque giorni pena la commissione di un delitto per il quale e' minacciata (oggi) una pena minima di un anno di reclusione, sia per lui evenienza "favorevole".

2. Quanto alla motivazione del decreto del Questore nel caso in esame, risulta dalla sentenza impugnata che essa non rispondeva ai requisiti minimi di legittimita', non contenendo il decreto altro che l'affermazione della impossibilita' di trattenere lo straniero, senza alcuna indicazione, sia pure concisa, delle ragioni di tale impossibilita' (per indisponibilita' di posti o per qualsivoglia altro evento materiale).

Ora, secondo la giurisprudenza piu' recente, ma ormai consolidata di questa Corte, la motivazione che assiste il provvedimento di intimazione a lasciare il territorio nazionale puo' essere anche particolarmente stringata e meramente enunciativa, giacche' la impossibilita' di trattenere lo straniero presto un centro di permanenza temporaneo e' conseguenza di fatti aventi carattere obiettivo che non necessitano di una particolare o diffusa illustrazione. E' tuttavia sicuramente necessario, al fine di assicurare il controllo di legalita', che questi fatti vengano indicati, non bastando invece che il decreto si limiti a riprodurre letteralmente la formula della legge (tra molte, cfr. piu' di recente Sez. 1, n. 11489 del 11.1.2007, Melniciuc, e sostanzialmente conformi: Sez. 1, n. 11714 del 28/02/2008; n. 38679 del 28.9.2007; Sez. 1, n. 15259 del 12/04/2006).

In realta' una "motivazione" che ripeta le sole parole della norma non e' soltanto carente, quanto piuttosto apparente, giacche' la prima funzione di garanzia della motivazione sta proprio nell'individuazione della specifica situazione concreta cui la fattispecie astratta si riferisce.

3. Correttamente dunque e' stata affermata la illegittimita' del decreto e la sua inapplicabilita' dal giudice penale.

Consegue il rigetto del ricorso.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso.

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 2882 UTENTI