I tifosi violenti, se armati, debbono essere puniti anche senza querela

E' vietato portare allo stadio qualunque oggetto con il quale e' possibile provocare lesioni e il tifoso che ne fa uso puo' essere processato anche senza che ci sia una querela della persona offesa. E’ quanto ha stabilito la quinta sezione penale della Corte di Cassazione con sentenza n. n. 35649/2007. Il Collegio ha, altresì, precisato che deve essere considerata arma qualsiasi strumento anche se non considerato espressamente come arma da punta o da taglio, che sia chiaramente utilizzabile, per le circostanze di tempo e di luogo, per l'offesa della persona. Sulla bas eid tale assunto la Corte ha accolto il ricorso promosso dal P.M. avverso la pronuncia di assoluzione di un tifoso reo di aver scagliato contro un avversario una sedia provocandogli lesioni. Secondo i giudici di legittimità, non c'e' dubbio che una sedia possa essere utilizzata per l'offesa alla persona se scagliata sulla testa dell'avversario e quindi che il suo porto senza giustificato motivo non e' consentito.

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 2421 UTENTI