Va confermato il reato, ormai prescritto, di "getto pericoloso di cose" a carico di due alti prelati responsabili dell'emittente Radio Vaticana

Corte di Cassazione Sezione 4 Penale, Sentenza del 9 giugno 2011, n. 23262

Va confermato il reato, ormai prescritto, di "getto pericoloso di cose" a carico di due alti prelati responsabili dell'emittente Radio Vaticana, e va riconosciuto il risarcimento delle associazioni ambientaliste e degli abitanti delle zone limitrofe in quanto le emissioni dell'emittente suddetta superavano ampiamente i limiti di cautela, traducendosi in molestie permanenti e invasive. I direttori di Radio Vaticana peraltro non potevano ignorare che l'eccezionale e ampliamente documentata potenza degli impianti era diventata una permanente fonte di disagio e di paura per gli abitanti di Roma Nord. Anche l'istituzione, nel 2000, di una commissione bilaterale tra la Repubblica Italiana e lo Stato città del Vaticano ha verificato un'oggettiva idoneità al disturbo e alla produzione del percolo, dimostrata anche da un ordine di allontanamento, del 1987, per i mezzadri dai terreni della Santa Sede dato dal Collegio Pontificio Germanico e Ungarico - misura motivata dal percolo derivante alle persone dall'aumento di intensità delle emissioni della Radio.
REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE QUARTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRUSCO Carlo G. - Presidente

Dott. ZECCA Gaetanin - Consigliere

Dott. D'ISA Claudio - Consigliere

Dott. VITELLI CASELLA Luca - Consigliere

Dott. PICCIALLI Patrizia - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

1) BO. PA. N. IL (OMESSO);

2) TU. RO. N. IL (OMESSO);

avverso la sentenza n. 8101/2008 CORTE APPELLO di ROMA, del 14/10/2009;

visti gli atti, la sentenza e il ricorso;

udita in PUBBLICA UDIENZA del 24/02/2011 la relazione fatta dal Consigliere Dott. GAETANINO ZECCA;

Letti gli atti;

letta la memoria del 9/2/2011 depositata per l'Avvocato Rienzi;

letta la memoria depositata il 15/2/2004 per l'Avvocato Manna;

letta la memoria di replica dell'Avvocato Rienzi nonche' la istanza di costui intesa ad ottenere autorizzazione alla proiezione di un "documento scientifico" successivamente revocata.

Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. Gabriele Mazzotta il quale ha concluso per la inammissibilita' dei ricorsi ai fini penali. Annullamento ai fini civili per Tu. con rinvio al giudice civile competente;

Uditi per le parti civili (OMESSO) Onlus l'Avvocato Andreozzi Antonio; per (OMESSO) Onlus l'Avvocato Francesca Fragale; l'Avvocato Marini per le parti civili Ma. Ro. , Ro. Au. , An. Ma. , Za. Va. e Pa. Li. ; l'Avvocato Carlo Rienzi per il Codacons e per il Coordinamento dei Comitati di (OMESSO); l'Avvocato Adelmo Manna per (OMESSO) Onlus i quali tutti hanno rassegnato le conclusioni come da scritto depositato e da correlata notula;

Uditi per gli imputati ricorrenti l'Avvocato Franco Coppi e l'Avvocato Marcello Melandri i quali hanno concluso per l'annullamento senza rinvio della sentenza impugnata e in via subordinata hanno formulato conclusioni analoghe a quelle espresse dal Procuratore Generale di udienza.

RILEVATO IN FATTO

La Corte di Appello di Roma all'udienza del 14/5/2009 in sede di rinvio stabilito da Cass. Pen. Sez. 3 13/5/2008, ha dichiarato, con sua sentenza 6492/2009, non doversi procedere nei confronti di Bo.Pa. perche' estinto per morte dell'imputato il reato a lui addebitato e ha per l'effetto revocato le statuizioni civili gia' rese nei suoi confronti. La stessa sentenza del 14/10/2009 ha dichiarato non doversi procedere nei confronti di Tu. Ro. perche' estinto per intervenuta prescrizione il reato a lui addebitato e ha confermato le gia' rese statuizioni civili altresi' condannando il Tu. alla rifusione delle spese sostenute dalle costituite parti civili tutte partitamene nominate. Ha confermato nel resto la sentenza di primo grado impugnata.

I difensori di Tu.Ro. e di Bo.Pa. , nella loro qualita', propongono ricorso per cassazione, specificamente concludono per l'annullamento (della sentenza appena sopra menzionata) anche nei confronti di Bo.Pa. non piu' vivente.

All'udienza pubblica del 24/2/2011 il ricorso e' stato deciso con il compimento degli incombenti imposti dal codice di rito.

RITENUTO IN DIRITTO

Obbligo di chiarezza impone di rammentare in rapidissima sintesi la complessa vicenda attraverso la quale si e' snodato il processo che ne occupa.

Il capo di imputazione addebitava al cardinale Tu. e a monsignor Bo. di avere, in concorso tra loro e quali responsabili della gestione e del funzionamento della Radio (OMESSO), diffuso tramite gli impianti di (OMESSO) radiazioni elettromagnetiche atte ad offendere o a molestare le persone residenti nelle aree circostanti, e in particolare a (OMESSO), arrecando alle stesse disagio, disturbo, fastidio, e turbamento cosi' violando l'articolo 674 c.p..

Il Tribunale di Roma con sentenza del 19/2/2002 dichiaro' il difetto di giurisdizione del giudice italiano, richiamando il Trattato 11/2/1929 noto come Patti Lateranensi. La Corte di Cassazione annullo' la declinatoria di giurisdizione. Il Tribunale di Roma, con sentenza 9/5/2005, dichiaro' i due imputati responsabili della contravvenzione ad essi addebitata e li condanno' alla pena ritenuta adeguata , nonche' al risarcimento dei danni in favore delle parti civili costituite, danni da liquidare in separata sede.

La Corte di Appello di Roma con sentenza 4/6/2007, reputando che il Tribunale avesse raggiunto la convinzione della consumata violazione dell'articolo 674 c.p., in forza di una interpretazione analogica non consentita per le norme incriminatrici, assolse gli imputati "perche' il fatto non e' previsto dalla legge come reato".

La Corte di cassazione, Sez. 3 Penale ha, da ultimo, pronunziato (all'udienza del 13/5/2008) la sentenza n. 36845 su ricorsi proposti dal Procuratore Generale presso la Corte di Appello, dalla Associazione (OMESSO), da (OMESSO) Onlus, da Codacons Coordinamento dei comitati e delle associazioni di tutela dei consumatori nonche' dai soggetti individuali M. C. , Ma. Ro. , Ro. Au. e An. Ma. , nonche' Za. Va. e Pa. Li. .

Tale sentenza ha annullato la sentenza impugnata e ha rinviato ad altra Sezione della Corte di Appello di Roma, enunziando, come misura di linea decisionale per il giudice di rinvio, il seguente principio di diritto: "il fenomeno della emissione di onde elettromagnetiche rientra, per effetto di interpretazione estensiva, nella previsione dell'articolo 674 cp.. Detto reato e' configurabile soltanto allorche' sia stato, in modo certo e oggettivo, provato il superamento dei limiti di esposizione o dei valori di attenzione previsti dalle norme speciali e sia stata obbiettivamente accertata una effettiva e concreta idoneita' delle emissioni ad offendere o molestare le persone esposte ravvisata non in astratto, per il solo superamento dei limiti, ma soltanto a seguito di un accertamento (da compiersi in concreto) dell'effettivo pericolo oggettivo e non meramente soggettivo.

La Corte di Appello, nella sentenza che in questa sede e' impugnata, ha adottato i provvedimenti conseguenti alla accertata morte di uno dei due imputati e alla consumata prescrizione del reato addebitato all'altro e accertato consumato fino e non oltre il (OMESSO). Nel verificare la inesistenza di cause di immediato proscioglimento ex articolo 129 c.p.p., la Corte di appello ha accertato un superamento dei limiti e dei valori di attenzione delle emissioni addebitate, una consapevolezza della intensita' delle emissioni su onde corte e medie obbiettivata nella istituzione (nel (OMESSO)) di una commissione bilaterale tra Repubblica Italiana e Stato citta' del Vaticano, una oggettiva idoneita' al disturbo e alla produzione di pericolo obbiettivata nell'ordine di allontanamento (del (OMESSO)) dei mezzadri dai terreni della Santa Sede, ordine dato dal concedente Pontificio Collegio Germanico e Ungarico, a causa del pericolo per le persone derivante dall'aumento della intensita' delle emissioni della Stazione radio trasmittente, nonche' obbiettivata dalle testimonianze raccolte sui disturbi radioelettrici registrati sugli apparecchi domestici della zona e sui timori di leucemia insorti tra la gente.

Su cosi' fatte considerazioni la Corte di appello ha dichiarato la intervenuta prescrizione del reato addebitato negando la possibilita' di qualsiasi pronunzia ex articolo 129 c.p.p. e ha confermato le statuizioni civili nei confronti del solo imputato vivente.

Il nuovo ricorso per cassazione e' proposto con espressa richiesta di annullamento della sentenza anche per le statuizioni rese nei confronti di Padre Bo. .

Anzitutto e' da ritenere che non sussista legittimazione dei difensori dell'imputato a impugnare successivamente alla morte di costui, una sentenza, atteso che la morte avvenuta fa cessare ogni effetto di precedente nomina (Cass. Pen. Sez. 3 11/4/2007 n 35217 e, ancora, Cass. Pen. Sez. 6 19/3/2007 n. 14248 ) e, per altro verso, non deve essere dimenticato che il ricorso per cassazione avverso pronunzia di estinzione del reato per morte dell'imputato, non e' suscettibile di impugnazione posto che all'atto della proposizione di quel ricorso, manca ormai lo stesso soggetto nei cui confronti e' stata esercitata l'azione penale (Cass. Pen. Sez. 6 7/6/2001 n. 34400). Ancorche' il decesso di un imputato nel corso del procedimento, non esclude che a norma dell'articolo 129 c.p.p., e abbia dichiarato invece non doversi procedere per morte dell'imputato (Cass. Pen. Sez. 6 3/11/1999 n. 14631). Nel caso che ne occupa, la sentenza di appello 6492/2009 esclude espressamente, con motivazione focalizzata sullo specifico punto, l'evidenza che il fatto addebitato non sussista o che l'imputato non lo abbia commesso o che il fatto non costituisca reato e anzi positivamente verifica la raggiunta pienezza della prova della esistenza e della addebitabilita' anche al Bo. dei fatti a suo tempo contestati.

Il ricorso avverso le statuizioni rese segnatamente per la posizione di responsabilita' e garanzia di Bo.Pa. deve dunque pianamente essere ritenuto infondato senza possibilita' di pronunzia alcuna per le relative spese del procedimento e per l'eventuale sanzione pecuniaria in favore della cassa delle ammende ex articolo 627 c.p.p., comma 3 per inosservanza delle statuizioni della sentenza della Corte di cassazione 13/5/2008 e ancora nullita' per difetto di motivazione.

La Corte di Appello per un verso non avrebbe motivato in ordine al superamento dei limiti di esposizione e di attenzione previsti dalla legge e, per altro verso, avrebbe apprezzato turbamenti e vissuti soggettivi invece che situazioni obbiettivamente riscontrate.

La sentenza di appello, pur di fronte a specifiche analisi della Suprema Corte sul rapporto tra dichiarazione di estinzione per prescrizione, diritto al proscioglimento pieno e necessita' di una disamina piena del merito commessa al giudice di rinvio, avrebbe risolto la questione innocenza/colpevolezza del Tu. in poche battute, oltretutto dimenticando che il Tu. aveva cessato al (OMESSO) di ricoprire la carica da cui derivava l'addebito, sicche' privi di rilievo dovevano essere considerati i fatti collocati dalla sentenza nel periodo 2002/2004. La sentenza di appello aveva ancora ignorato la posizione del Tu. che non curava la gestione tecnica della Radio (OMESSO) ma i rapporti tra Segreteria di Stato ed emittente, sicche' non aveva alcuna obbligazione di sicurezza o di garanzia in ordine alla diffusione delle onde provenienti dalla emittente, con la conseguenza che la assenza di motivazione sul punto era innegabile riguardo alla posizione di questo ricorrente. La sentenza di rinvio non era scesa sul piano delle ricerca della prova dei dati concreti caratterizzanti il fatto addebitato e non aveva dato risposta alle censure mosse con i motivi dell'appello relativi non solo alla specifica posizione del Cardinale Tu. rispetto alla emissione di onde elettromagnetiche della radio (OMESSO), ma, di piu' rispetto alla verifica del tempo del verificarsi dei fatti contestati e del tempo dei fatti provati, nonche' alla comparazione tra quel tempo e quello di incarico del Cardinale gia' nominato (specialmente motivi 4 e 5 dell'appello alle pgg. 24 e ss.). Da ultimo era addebitato alla seconda sentenza di appello il fatto che fosse mancata ogni prova della possibilita' per il Cardinale Tu. e per il Padre Bo. di evitare l'evento costitutivo del reato e della configurabilita' dell'elemento soggettivo del reato. Questa Corte rileva:

La giurisprudenza di questa Corte ha chiarito, fin da Cass. Pen. Sez. 1 29/11/1999 n. 5626 che il fenomeno della propagazione delle onde elettromagnetiche e' astrattamente riconducibile alla previsione dell'articolo 674 c.p., sicche' la sentenza di Cass. Sez 3 13/5/2008 n. 36845 si colloca entro un indirizzo ben chiaro di questa Corte di legittimita'.

La sentenza di primo grado e la sentenza 2009 di appello che ne conferma le statuizioni in tema di esistenza accertata dei fatti addebitati e di loro addebitabilita agli imputati poi esentati da condanna con formule processuali di diversa struttura, ancorche' non costituiscano un unicum motivazionale per effetto dell'annullamento intervenuto in sede di legittimita' con la recisione di ogni vincolo di unitarieta' provvedimentale, devono tuttavia essere valutate alla luce dei richiami dettagliatamente operati dalla sentenza di appello del 2009. In questo contesto la sentenza del giudice di rinvio funziona come messa a fuoco di accertamenti gia' svolti e di valutazioni gia' espresse in quanto richiamati in appello con il limite delle necessita' di verifica imposto dalla sentenza di annullamento. Il capo di incolpazione evidenziava un ruolo degli imputati di responsabili della gestione e del funzionamento della radio (OMESSO) dal (OMESSO), mentre la sentenza 17919/2005 del Tribunale di Roma, evidenziava che le condotte del Tu. erano cessate il (OMESSO) con il cessare del suo ruolo di responsabile della gestione e del funzionamento della Radio (OMESSO). L'accertamento era compiuto mediante analisi critica della circostanza che nessuna delle parti avesse esplicitato contestazioni sul punto, mediante l'esame degli Annuari pontifici per gli anni dal 1999 al 2004, dal quale emergeva che il Cardinale Tu.Gi. era stato Presidente del Comitato di Gestione della emittente per gli anni (OMESSO) con incidenza sui rapporti istituzionali tra Segreteria di Stato e la Radio (OMESSO), e sovraordinazione funzionale rispetto alla carica di Direttore Generale rivestita dal Padre Bo. .

La sentenza di appello, che tutto ha richiamato in tema di legittimazione e responsabilita' degli imputati secondo i loro incarichi, ha individuato in una serie di episodi a diverso titolo contenziosi la consapevolezza degli imputati in ordine alla molestia che le trasmissioni della radio e la immissione di onde provocarono a partire dall'anno (OMESSO) e ha individuato in una complessa serie di episodi che attraversano una stagione temporale che ampiamente precede il (OMESSO) e ampiamente segue il (OMESSO), la esistenza delle molestie, la causazione di esse ad opera delle emissioni della radio (OMESSO), il superamento (peraltro fuori contestazione) dei valori di cautela dei campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici di cui al Decreto Ministeriale n. 381 del 1998 dal 1998, articolo 4, comma 2 in poi Ma la sentenza di appello attraverso una ricognizione che eccede volutamente i confini temporali della contestazione penale per meglio significare con il criterio del "prima" del "durante" e del "dopo" il carattere permanente e invasivo delle molestie, ha poi richiamato circostanze oggettive suscettibili di provare il carattere indubitabile, intenso e disturbante delle emissioni di onde, registrate per la loro intensita' e rivelate oggettivamente da risonanze le piu' insolite e insospettabili in ordinari strumenti del vivere quotidiano diventati, (in connessione con la intensita' delle immissioni moleste), anomali e incontrollabili apparecchi di ricezione e amplificazione (non costituiscono dunque pilastro della decisione le analisi delle misurazioni e dei metodi anche discordanti, tutti criticamente riferiti e analizzati dalla sentenza di primo grado alle pagg. 31/42 a partire dalle misurazioni effettuate per la Regione Lazio dal 1999). La consapevolezza degli imputati e' stata accertata con adeguato richiamo di documenti relativi alla eccezionale potenza degli impianti di trasmissione, alle pubbliche manifestazioni di disagio portate da singoli cittadini o da associazioni di cittadini anche mediante l'uso di mezzi di comunicazione di massa, alle lamentele espresse con lettera inviata da un gruppo di cittadini costituito in comitato, direttamente al Pontefice (ed evasa da un Ufficio del Vaticano) tutto nella prospettiva del rinvio operato dalla sentenza di appello ai contenuti e ai percorsi motivazionali della sentenza di primo grado.

In conclusione la sentenza impugnata ha fornito, anche mediante richiamo esplicito o implicito dei percorsi motivazionali della decisione di primo grado, adeguata risposta ai compiti commessi dalla sentenza di annullamento e in particolare ha fornito compiuta e logica motivazione circa le responsabilita' proprie del Tu. e del Bo. per ragione degli specifici incarichi ad essi attribuiti e dei poteri a quegli incarichi correlati; ha fornito, anche mediante richiamo esplicito o implicito dei percorsi motivazionali della decisione di primo grado, compiuta e logica motivazione circa il tempo nel quale gli incarichi e le responsabilita' appartenenti ai due imputati coincisero con la causazione di molestie per effetto delle trasmissioni della Radio (OMESSO); ha fornito, anche mediante richiamo esplicito o implicito dei percorsi motivazionali della decisione di primo grado, compiuta e logica motivazione circa la consapevolezza dei due imputati circa la entita' della molestia arrecata e la diffusione del disturbo arrecato nonche' circa il riscontro oggettivo delle esistenza delle molestie e del ruolo svolto dai due imputati che, pur responsabili delle emissioni della Radio, non ne dismisero la produzione; egualmente la sentenza impugnata ha fornito, anche mediante richiamo esplicito o implicito dei percorsi motivazionali della decisione di primo grado, compiuta e logica motivazione circa il superamento dei valori di attenzione delle emissioni prodotte e ha riscontrato tale superamento con la evidenziazione di fenomeni eccezionali e abnormi di risonanza e amplificazione. La sentenza impugnata risulta pienamente esente dai vizi contestati con le censure dell'ultimo ricorso per cassazione.

In conclusione i ricorsi devono essere rigettati con la condanna di Tu. Ro. al pagamento delle spese processuali oltre alla rifusione delle spese in favore delle parti civili che liquida in complessivi euro:

2.500,00 a favore di Codacons e Coordinamento Comitati (OMESSO);

2.000,00 a favore di (OMESSO) Onlus; 2.000,00 Associazione (OMESSO) Onlus 2.000,00 (OMESSO) Onlus 3.000,00 a Ma. Ro. , Ro. Au. , An. Ma. , Za. Va. e Pa. Li. ;

oltre accessori, come per legge, per ciascuna delle medesime parti civili.

P.Q.M.

Rigetta i ricorsi e condanna Tu. Ro. al pagamento delle spese processuali oltre alla rifusione delle spese in favore delle parti civili che liquida in complessivi euro: 2.500,00 a favore di Codacons e Coordinamento Comitati (OMESSO);

2.000,00 a favore di (OMESSO) Onlus;

2.000,00 Associazione (OMESSO);

2.000,00 (OMESSO) Onlus;

3.000,00 a Ma. Ro. , Ro. Au. , An. Ma. , Za. Va. e Pa. Li. ;

oltre accessori, come per legge, per ciascuna delle medesime parti civili.
 

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 1748 UTENTI