Disciplina dell'attività di agente e rappresentante di commercio

Norme di attuazione della legge 3 maggio 1985, n. 204

(1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 settembre 1985, numero 212.

(2) Riportata al n. A/VI.

(3) Si ritiene opportuno riportare anche la premessa del presente decreto.

IL MINISTRO DELL'INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO

di concerto con

IL MINISTRO DI GRAZIA E GIUSTIZIA

Vista la legge 3 maggio 1983, n. 204, concernente «Disciplina dell'attività di agente e

rappresentante di commercio»;

Ritenuta la necessità di provvedere, ai sensi dell'art. 11 della detta legge, ad emanare le previste

norme di attuazione;

Sentite le organizzazioni nazionali di categoria e quelle a carattere generale dell'industria, del

commercio e dell'artigianato;

Decreta:

------------------------

1.

------------------------

(2) Riportata al n. A/VI.

Nel presente decreto col termine legge si intende la legge 3 maggio 1985, n. 204 (2).

2.

regola con l'imposta di bollo, alla camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura -

commissione per il ruolo degli agenti e rappresentanti di commercio - della provincia nella quale

risiede, nella quale deve dichiarare di essere cittadino italiano o cittadino di uno degli Stati membri

della Comunità economica europea, ovvero straniero residente nel territorio della Repubblica

italiana; di non svolgere attività in qualità di dipendente da persone, associazioni o enti pubblici o

privati; di non svolgere attività per la quale è prescritta l'iscrizione nei ruoli dei mediatori.

Alla domanda devono essere allegati:

Per l'iscrizione nel ruolo di cui all'art. 2 della legge l'interessato deve presentare domanda, in

a

) certificato di residenza;

b

C.E.E.;

) certificato di cittadinanza per i cittadini italiani e per quelli di uno degli Stati membri della

c

I cittadini degli Stati della C.E.E. e gli stranieri debbono allegare l'originale o una copia autenticata

di un titolo di studio che il Ministero della pubblica istruzione abbia riconosciuto equipollente a

quello richiesto dalla legge;

) titolo di scuola secondaria di primo grado o di grado superiore in originale o in copia autenticata.

d

) ricevuta comprovante il pagamento della tassa di concessione governativa;

e

articolo 3; oppure certificazione relativa allo svolgimento dell'attività di viaggiatore piazzista o di

dipendente qualificato addetto al settore vendite esercitata per almeno un biennio nel quinquennio

precedente alla data di presentazione della domanda; ovvero ancora titolo di studio di scuola

secondaria di secondo grado di indirizzo commerciale o certificato di laurea in materie commerciali

o giuridiche in originale o in copia autentica.

------------------------

) certificazione relativa al superamento dell'esame finale dei corsi professionali di cui al successivo

3.

commercio (Enasarco), le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, ed altri enti

pubblici o privati, che abbiano tra i fini istituzionali la formazione professionale, nonché le imprese

o loro consorzi, di cui all'art. 5, comma 4, della

corsi professionali di cui all'art. 5, comma 2, n. 1, della legge. Tali corsi devono prevedere un

numero minimo di ottanta ore di insegnamento, da svolgersi al massimo in un trimestre e per non

più di otto ore al giorno, ed avere un piano di studio comprendente obbligatoriamente le seguenti

materie: nozioni di diritto commerciale; disciplina legislativa e contrattuale dell'attività di agente e

rappresentante; nozioni di legislazione tributaria; organizzazione e tecnica di vendita; tutela

previdenziale ed assistenziale degli agenti e rappresentanti di commercio

I corsi devono assicurare il livello professionale degli istruttori ed il loro svolgimento deve essere

coordinato da un direttore responsabile in possesso di diploma di laurea in materie giuridiche o

economiche.

L'esame finale sarà sostenuto dinanzi ad una commissione nominata con i criteri di cui all'art. 14

della citata

Le regioni fissano in sede di riconoscimento dei corsi eventuali oneri da porre a carico dei

partecipanti.

------------------------

(4) Comma così sostituito dal

in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione.

Previo riconoscimento delle regioni, l'Ente nazionale di assistenza agenti e rappresentanti diL. 21 dicembre 1978, n. 845, possono organizzare i(4).legge 21 dicembre 1978, n. 845.D.M. 17 dicembre 1986 (Gazz. Uff. 17 gennaio 1987, n. 13), entrato

4.

addetto al settore vendita richiesta dall'art. 5 della legge, deve essere effettuata mediante atto

notorio o dichiarazione sostitutiva resi dagli aspiranti all'iscrizione e dai rispettivi datori di lavoro, o

mediante certificazione dell'ufficio provinciale del lavoro.

Può essere considerato dipendente qualificato addetto al settore vendite il lavoratore di concetto con

mansioni di direzione ed organizzazione delle vendite.

Il requisito di cui al punto 2) dell'art. 5 della legge deve intendersi posseduto anche da coloro che

abbiano cumulato un biennio di attività, come agenti e rappresentanti di commercio iscritti nel ruolo

disciplinato dalla

domanda.

In tal caso, la relativa documentazione sarà rilasciata dalle competenti camere di commercio,

industria, artigianato e agricoltura.

------------------------

L'attestazione del biennio di attività in qualità di viaggiatore piazzista o di dipendente qualificatolegge n. 316/1968, entro i cinque anni precedenti la data di presentazione della

5.

lettere

Dette commissioni provvedono altresì d'ufficio ad espletare gli accertamenti previsti dalla

normativa contro la delinquenza mafiosa.

------------------------

Le commissioni provinciali provvedono d'ufficio ad accertare i requisiti di cui all'art. 5, comma 1,b) e c) della legge nonché la non iscrizione nel ruolo dei mediatori.

6.

novanta giorni dalla fissazione della sua nuova residenza, l'iscrizione nel ruolo della provincia nella

quale fissa la propria residenza.

In tal caso la commissione provinciale competente provvede a chiedere alla commissione della

provincia di provenienza la relativa documentazione.

In costanza di posizione giuridica soggettiva la predetta commissione concede l'iscrizione

provvedendo contemporaneamente a richiedere la cancellazione dell'istante dal ruolo di

provenienza.

------------------------

In caso di trasferimento in altra sede da parte dell'iscritto nel ruolo, questi deve chiedere, entro

7.

sessanta giorni dalla richiesta, dando notifica del relativo provvedimento adottato entro i quindici

giorni successivi alla data del provvedimento stesso.

L'interessato, ove successivamente alla cancellazione dal ruolo, faccia richiesta di nuova iscrizione,

deve presentare alla competente commissione provinciale istanza, soggetta a imposta di bollo,

corredata della documentazione prevista alle lettere

------------------------

Nel caso di cancellazione dal ruolo su richiesta dell'interessato, la commissione provvede entrob), c) ed e) dell'art. 2.

8.

a livello nazionale delle organizzazioni sindacali di categoria degli agenti e rappresentanti di

commercio sarà indicata, di volta in volta, dai competenti uffici provinciali del lavoro per la scelta

dei membri delle commissioni provinciali e dal Ministero del lavoro e della previdenza sociale per

la scelta dei membri della commissione centrale.

------------------------

Ai fini dell'istituzione delle commissioni di cui agli articoli 4 e 8 della legge, la rappresentatività

9.

industria, artigianato e agricoltura è nominata con deliberazione della giunta camerale, nella quale

verrà indicato, per ogni membro effettivo, il membro supplente che è destinato a sostituirlo in caso

di assenza o impedimento.

Per la validità delle deliberazioni delle commissioni provinciali è necessaria la presenza di almeno

due terzi dei componenti, effettivi o supplenti, fra i quali il presidente o il vice presidente.

Le commissioni deliberano a maggioranza assoluta dei presenti.

In caso di parità prevale il voto del presidente.

Alle sedute delle commissioni potrà essere chiamato a partecipare, senza diritto di voto ed in

relazione a singole questioni, un rappresentante dell'Enasarco.

------------------------

La commissione istituita, ai sensi dell'art. 4 della legge, presso ciascuna camera di commercio,

10.

due terzi dei componenti, effettivi o supplenti, fra i quali il presidente.

La commissione centrale delibera a maggioranza assoluta dei presenti. In caso di parità prevale il

voto del presidente.

------------------------

Per la validità delle deliberazioni della commissione centrale è necessaria la presenza di almeno

11.

consecutive delle commissioni centrale o provinciale decadono automaticamente dall'incarico.

------------------------

I membri della commissione che non partecipano, senza giustificato motivo a tre sedute

12.

nel nuovo ruolo dopo aver verificato la sussistenza dei requisiti richiesti per la permanenza nel

ruolo disciplinato dell'abrogata

------------------------

Nell'applicazione dell'art. 10 della legge le commissioni provinciali provvederanno ad iscriverelegge n. 316/1968.

13.

loro richiesta, una tessera personale di riconoscimentto soggetta a rinnovo annuale.

------------------------

Le camere di commercio, industria, artigianato, e agricoltura rilasciano agli iscritti nel ruolo, su

14.

Ufficiale della Repubblica italiana.

 

Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella Gazzetta

INDICE
DELLA GUIDA IN Agenti

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 655 UTENTI