Privacy: Guide e Consulenze Legali

Consulenza legale

Ricevi una consulenza in Tutela della Privacy
in 48 ore comodamente tramite email

Non viola la privacy del dipendente la perizia grafica disposta del datore per individuare l'autore di scritti offensivi ricevuti da colleghi

Il datore di lavoro può consentire l'accesso ai dati personali riguardanti un dipendente quando, rispetto all'interesse alla riservatezza del lavoratore, possa ritenersi prevalente altro interesse dei terzi che abbiano chiesto accesso a quei dati. Infatti la comunicazione dei dati personali relativi a un soggetto non realizza automaticamente una violazione della legge, ma impone un giudizio di comparazione degli interessi in gioco. (Corte di Cassazione Sezione Lavoro Civile, Sentenza del 30 giugno 2009, n. 15327)



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIDIRI Guido - Presidente

Dott. PICONE Pasquale - Consigliere

Dott. STILE Paolo - rel. Consigliere

Dott. NAPOLETANO Giuseppe - Consigliere

Dott. BALLETTI Bruno - Consigliere

ha pronunciato la seguente:



SENTENZA

sul ricorso 5717/2006 proposto da:

RU. LU. , elettivamente domiciliato in ROMA, VIA G. NICOTERA 29, presso lo studio dell'avvocato NOBILONI ALESSANDRO, che lo rappresenta e difende unitamente all'avvocato LAVATELLI MARIO, giusta mandato in calce al ricorso;

- ricorrente -

contro

TR. S.P.A., in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, LUNGOTEVERE MICHELANGELO 9, presso lo studio dell'avvocato ZUCCHINALI PAOLO (studio TRIFIRO' E PARTNERS), rappresentata e difesa dall'avvocato TRIFIRO' SALVATORE, giusta mandato a margine del controricorso;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 434/2005 della CORTE D'APPELLO di MILANO, depositata il 21/06/2005 R.G.N. 941/03;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 08/04/2 009 dal Consigliere Dott. STILE PAOLO;

udito l'Avvocato NOBILONI ALESSANDRO;

udito l'Avvocato BRUNO PIERFRANCESCO per delega TRIFIRO' E ZUCCHINALI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CICCOLO Pasquale Paolo Maria, che ha concluso per l'accoglimento del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del 29 marzo 2003 il Tribunale di Milano rigettava la domanda di Ru.Lu. contro la S.p.A. Tr. diretta ad ottenere il risarcimento del danno derivatogli dall'avere, il datore di lavoro, messo a disposizione di terzi documenti con la sua sottoscrizione o da lui scritti a mano, al fine di rendere possibile una perizia grafica volta ad accertare se egli fosse o meno l'autore di scritti ingiuriosi anonimi inviati ad alcuni colleghi.

Secondo il Tribunale era da escludere che la scrittura manuale di un soggetto costituisse un suo dato personale, come tale trattabile dalla Legge n. 675 del 1996.

Avverso tale decisione proponeva appello il Ru. , lamentando come il primo Giudice avesse, innanzitutto, erroneamente concentrato l'attenzione sulla scrittura, disinteressandosi del contenuto dei dati, consistenti in informazioni di natura economica e relative alle modalita' e ai tempi di lavoro.

Il Tribunale aveva ancora errato - sempre ad avviso dell'appellante - nell'individuare la nozione di dati personali, che se correttamente intesa alla luce della legislazione nazionale, comunitaria e svizzera - quest'ultima applicabile in materia alla stregua delle regole del diritto internazionale privato (la maggior parte dei documenti in questione si trovava presso la stazione di Chiasso, ove l'attore risiedeva)-, avrebbe dovuto condurre a ritenere contra legem la condotta della societa' e a riconoscere all'attore il danno, biologico e patrimoniale, derivatogli da detta censurabile condotta. L' appellata si costituiva, resistendo al gravame.

Con sentenza del 31 maggio - 21 giugno 2005, l'adita Corte di Appello di Milano, disposta una consulenza grafologica, confermava la decisione di primo grado, osservando che la normativa sulla privacy andava coordinata con l'obbligo per l'imprenditore di adottare tutta le misure necessarie a tutelare l'integrita' fisica e la personalita' morale dei prestatori di lavoro alle sue dipendenze, ai sensi dell'articolo 2087 c.c., sicche', di fronte a tre lettere anonime pesantemente ingiuriose indirizzate a tre dipendenti, la consegna agli stessi, che ne avevano fatta richiesta, di documenti idonei a consentire una perizia grafologica, trovava piena giustificazione nella esigenza di ripristinare un clima sereno in azienda; tanto piu'

che i documenti consegnati erano di contenuto pressoche' insignificante (richieste di istruzioni, di cambio del turno, riconoscimento di premi di produzione, bolle doganali compilate dal Ru. nell'espletamento del servizio), come scarsamente significante era la stessa sottoscrizione su alcuni di essi.

Per la cassazione di tale pronuncia ricorre Ru.Lu. con tre motivi.

Resiste Tr. S.p.A. con controricorso.

Entrambe le parti hanno presentato memorie ex articolo 378 c.p.c..

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo di ricorso Ru.Lu. , denunciando violazione o falsa applicazione della Legge n. 675 del 1996, articolo 11 e articolo 2087 c.c., lamenta che il Giudice d'appello, nel valutare gli accadimenti che avevano originato il giudizio, pur riconoscendo l'illiceita' della condotta della societa' datrice di lavoro, aveva "inferito una sorta di esimente da un preteso (mai esplicitato) intento di Tr. "; cio' in quanto - secondo la Corte territoriale - il datore avrebbe consegnato i dati "al benevolo fine di tutelare una presunta armonia nei luoghi di lavoro e cio' in applicazione del principio di tutela dell'integrita' fisica e della personalita' morale dei lavoratori, sancito dall'articolo 2087 c.c., ed elevato a sorta di causa di giustificazione".

Accanto alla dedotta violazione di legge, il ricorrente lamenta, con il secondo motivo, omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione in relazione alla pretesa eccezione alla regola generale posta dalla legge sulla privacy.

Entrambi i motivi, strettamente connessi, sono infondati.

Giova premettere che, ai sensi della Legge n. 675 del 1996, articolo 11, comma 1, e con le esclusioni di cui al successivo articolo 12, "il trattamento di dati personali da parte di privati o di enti pubblici economici e' ammesso solo con il consenso espresso dell'interessato."

Costituisce trattamento, in base del dell'articolo 1, comma 2, lettera b), della legge stessa, "qualunque operazione o complesso di operazioni, svolti con o senza l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati". Dato personale e poi recita la lettera c) sempre del richiamato comma 2 qualunque informazione relativa a persona fisica, persona giuridica, ente od associazione, identificati o identificabili, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale".

Il piano coordinamento tra i testi sopra riportati - come correttamente osservato nella impugnata decisione - conduce a ritenere che l'avere consegnato, e quindi comunicato, ad alcuni compagni di lavoro dell'attore copia di alcuni documenti, da lui compilati e/o sottoscritti, dei quali la societa' era in possesso in quanto datore di lavoro, abbia realizzato trattamento di dato personale senza consenso. In particolare, l'informazione relativa a persona fisica riguarda, innanzitutto, il contenuto dei documenti predetti, e la loro riferibilita' al Ru. .

Del resto - come ancora correttamente rilevato dalla Corte territoriale e contrariamente a quanto ritenuto dal Tribunale, la stessa, sola firma dell'attore integra un'informazione di tal tipo, tant'e' che l'autorita' giudiziaria penale svizzera, al fine di identificare l'autore anonimo, aveva disposto una consulenza d'ufficio grafologica appunto sulla base della sottoscrizione apposta su quei documenti ovvero sulla base della compilazione a mano di essi, e che sempre di questi si erano serviti ancor prima i compagni di lavoro dell'attore per far predisporre l'elaborato in base al quale, allegato alla denuncia - querela, si era poi aperto il procedimento penale, conclusosi, pur se dubitativamente, in senso favorevole al Ru. , proprio utilizzandosi le sottoscrizioni e quindi le informazioni ad esse connesse.

La Corte di merito, precisato, dunque, che, nella specie, era in discussione il trattamento di dati personali tout court, che di per se richiedeva il consenso espresso dell'interessato e negato che la fattispecie concreta rientrasse tra i casi di esclusione del consenso, previsti dall'articolo 12 cit., si e' preoccupata di dar conto

delle ragioni per le quali, nella specie, nonostante le operate puntualizzazioni, non era necessario il consenso.

A tal proposito ha sostenuto che, nel quadro del sistema normativo, come appena delineato, occorreva tener conto della peculiarita' delle relazioni giuridiche che con esso vanno ad intrecciarsi.

Ha osservato che, da tale angolazione, i rapporti di lavoro inseriti in un'organizzazione versano in una situazione davvero particolare, in quanto al responsabile dell'organizzazione e quindi all'imprenditore, titolare dei relativi poteri, incombe, proprio percio', l'obbligo - la cui portata e pregnanza si sono progressivamente arricchite nel corso degli anni- di adottare tutte le misure necessarie a tutelare l'integrita' fisica e la personalita' morale dei prestori di lavoro alle sue dipendenze (articolo 2087 c.c.).

Ha, quindi, puntualizzato che la normativa generale in tema di privacy debba essere coordinata con tale specificita', alla stregua del criterio di ragionevolezza e, in particolare, tenendo conto del tipo di diritti degli altri lavoratori che si contrappongono al diritto alla privacy del dipendente.

Ha, infine, concluso, - aggiungendo l'ultimo anello del ragionamento - rilevando che, nella specie, vi erano state tre lettere anonime pesantemente ingiuriose indirizzate ai tre dipendenti che avevano richiesto i documenti in questione per poi far fare perizia grafologica e denunciare l'attore.

Da un lato, quindi, erano in gioco diritti della persona degli altri dipendenti, di rilievo costituzionale; da un altro, tali diritti non potevano trovare attuazione se non individuando Fautore degli anonimi; da un altro ancora, cio' poteva avvelenare l'ambiente di lavoro; da un altro, infine, i documenti consegnati erano di contenuto pochissimo significante (richieste di istruzioni, di cambio del turno, riconoscimento di premi di produzione, bolle doganali compilate da Ru. nell'espletamento del servizio), come pochissimo significante e' la stessa sottoscrizione su alcuni di essi la quale puo' essere apposta anche alle cartoline di saluti non imbustate.

Ne' la societa' poteva investire direttamente della vicenda il giudice penale perche' procedesse contro ignoti con tutti i suoi poteri e responsabilita', trattandosi di reati procedibili a querela. Ne' appariva ragionevole rimettere ai tre dipendenti di far cio', al buio e inasprendo, magari senza motivo, il clima aziendale ed esponendoli ad un'accusa di calunnia.

Osserva il Collegio che, comportandosi come ha fatto, la societa' ha adempiuto all'obbligo di cui all'articolo 2087 cit., il cui contenuto, in una situazione e con le modalita' di cui sopra, costituisce il legittimo limite al diritto al consenso espresso di cui alla Legge n. 675 cit., articolo 1.

Invero - come affermato da questa Corte in analoghe occasioni - in tema di trattamento dei dati personali, l'interesse alla riservatezza, tutelato dall'ordinamento positivo, recede quando quest'ultimo sia esercitato per la difesa di un interesse giuridicamente rilevante e nei soli ovvi limiti in cui esso sia necessario alla tutela. La Legge n. 675 del 1996, infatti, non configurando uno "statuto generale della persona", non si applica generalizzatamente ad ogni situazione soggettiva comunque riconducibile al novero dei diritti della persona, ma soltanto a quelle tra le predette situazioni soggettive che rientrano nell'ambito di applicazione della Legge n. 675 del 1996 come normativamente delineato in relazione al fenomeno del "trattamento dei dati personali", precludendo l'accesso solo per quei documenti relativi ai dati sensibili della persona (vita privata, riservatezza sullo stato di salute, fede religiosa, difesa della dignita' umana) (Cass. 24 maggio 2003 n. 8239).

Di conseguenza deve escludersi che sempre ed in ogni caso, quando si abbia una divulgazione dei dati relativi alla persona, si realizzi una violazione della Legge n. 675 del 1996 a tutela del legittimo trattamento dei dati personali, non potendosi prescindere da un giudizio di comparazione, rimesso al giudice di merito, degli interessi in gioco.

Nella specie, la Corte territoriale, con argomentazione in fatto adeguata e coerente, si e' allineata all'orientamento di questa Corte, calibrando gli opposti interessi, dando atto, in questa valutatone, che sul punto si era anche tenuto presente il giudizio del Garante per la protezione dei dati personali, enunciato su di un ricorso del Ru. inerente "la richiesta di accesso ai dati personali (comprensiva della richiesta di conoscere le finalita' del trattamento e di cancellare i dati trattati in violazione di legge, nonche' l'attestazione che detta cancellazione e' stata portata a conoscenza di coloro ai quali tali dati sono stati comunicati o diffusi)" e risoltosi in una dichiarazione di non luogo a provvedere per avere, la societa', dato tutte le informazioni al riguardo.

Infondato e' anche il terzo motivo con cui il ricorrente denuncia omessa motivazione in merito all'applicazione della normativa nazionale e transnazionale. Invero, il Giudice di appello ha motivato la sua decisione sul punto, osservando che le conclusioni raggiunte -ossia, la necessita' in astratto del consenso, ma la non necessita' in concreto dello stesso, quale effetto del giudizio di comparazione - rendevano inutile qualsiasi approfondimento circa l'applicazione alla specie della legge svizzera piuttosto di quella italiana, come al contrario sostenuto dal Ru. "per far rientrare la consegna dei documenti e le sottoscrizioni in questione nel (sopra gia' ritenuto) trattamento dei dati personali richiedente il consenso".

Il ricorso va, pertanto, rigettato.

La peculiarita' della fattispecie, caratterizzata da risvolti non privi di difficolta' interpretative, inducono a compensare tra le parti le spese del presente giudizio.

P.Q.M.

La Corte:

Rigetta il ricorso e compensa le spese.

INDICE
DELLA GUIDA IN Privacy

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 2152 UTENTI