Il venir meno del rapporto fiduciario è rilevante, ai fini di integrare una giusta causa di revoca del mandato, solo quando i fatti che hanno determinato il venire meno dell’affidamento siano oggettivamente valutabili come fatti idonei a mettere in forse la correttezza e le attitudini gestionali dell’amministratore

In tema di revoca del mandato di amministratore non vige un diverso regime giuridico nel caso in cui la società sia a partecipazione pubblica. Al fine di integrare una giusta causa di revoca del mandato il venir meno del rapporto di fiducia è rilevante solo quando i fatti che hanno determinato il venire meno dell'affidamento siano oggettivamente valutabili come fatti idonei a mettere in forse la correttezza e le attitudini gestionali dell'amministratore. Nel caso di specie, i fatti dedotti come lesivi del pactum fiduciae (il rifiuto opposto dagli amministratori ad alcuni consiglieri comunali che avevano richiesto di accedere agli atti della società, il non aver ottemperato a direttive impartite alla società dal Comune, l'aver proposto citazioni in giudizio per crediti vantati dalla società ma contestati dal Comune, l'inottemperanza agli indirizzi formulati dall'assemblea, la mancata presentazione della situazione reddituale e della relazione semestrale richieste dal bando per l'incarico di gestione del servizio affidato alla società) non sono stati ritenuti indicatori di un comportamento inadempiente, o inadeguato sotto il profilo delle capacità gestionali, degli amministratori.

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile, Sentenza 15 ottobre 2013, n. 23381



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME' Giuseppe - Presidente

Dott. DI AMATO Sergio - Consigliere

Dott. RAGONESI Vittorio - Consigliere

Dott. BISOGNI Giacinto - rel. Consigliere

Dott. DE CHIARA Carlo - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

(OMISSIS) s.p.a., elett.te dom.ta in (OMISSIS), presso l'avv. (OMISSIS), rappresentata e difesa dall'avv.to (OMISSIS) per mandato a margine del ricorso;

- ricorrente -

contro

(OMISSIS), elett.te dom.to in (OMISSIS), presso l'avv. (OMISSIS), rappresentato e difeso dagli avv.ti (OMISSIS) e (OMISSIS) per procura a margine del controricorso;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 639/2007 della Corte d'appello di Napoli emessa il 9 febbraio 2007 e depositata il 5 marzo 2007, R.G. n. 40/06;

sentito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. PATRONE Ignazio, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

FATTO E DIRITTO

Rilevato che:

1. Con citazione del 6 aprile 2005 (OMISSIS) ha convenuto in giudizio la societa' (OMISSIS) s.p.a., societa' a partecipazione pubblica, costituita, ai sensi della Legge n. 142 del 1990, articolo 22, per l'organizzazione e la gestione del servizio di nettezza urbana, esponendo i seguenti fatti.

2. L'esponente era stato nominato membro del Consiglio di Amministrazione della societa' e a tale nomina era seguita quella a Presidente dell'organo amministrativo della societa'. Nonostante il suo impegno nello svolgimento di tale incarico il Comune di (OMISSIS), socio di maggioranza della (OMISSIS) s.p.a., con nota del 19 novembre 2004, aveva chiesto la convocazione dell'assemblea per deliberare la revoca degli amministratori in carica. L'assemblea convocata a tal fine aveva deliberato, in data 10 gennaio 2005, la revoca di sei dei sette componenti del c.d.a., fra cui il (OMISSIS), con motivazioni del tutto infondate.

3. In conseguenza di tali fatti (OMISSIS) ha chiesto la condanna della societa' (OMISSIS) s.p.a. al risarcimento dei danni ex articolo 2383 c.c., comma 3, per l'assenza di giusta causa ai fini della revoca deliberata.

4. La societa' convenuta si e' costituita contestando la pretesa insussistenza della giusta causa. In particolare ha rilevato il rifiuto opposto dagli amministratori ad alcuni consiglieri comunali che avevano richiesto di accedere agli atti della societa', il non aver ottemperato a direttive impartite alla societa' dal Comune di (OMISSIS), l'aver proposto due citazioni in giudizio per crediti vantati dalla societa' ma contestati dal Comune, l'inottemperanza agli indirizzi formulati dall'assemblea del 2 dicembre 2004, la mancata presentazione della situazione reddituale e della relazione semestrale richieste dal bando per l'incarico di gestione del servizio affidato alla societa'.

5. Il Tribunale di Napoli con sentenza n. 11345/2005 ha accolto la domanda del (OMISSIS) e condannato la (OMISSIS) s.p.a. al pagamento a titolo di risarcimento del danno della somma di 46.500 euro, oltre interessi e spese.

6. Ha proposto appello la societa' rilevando che la giusta causa di revoca puo' ben consistere non solo nell'inadempimento dell'amministratore ai suoi obblighi ma anche in situazioni sopravvenute che compromettano il necessario rapporto di affidamento con la compagine dei soci.

L'appellante ha inoltre sottolineato la qualita' di societa' a partecipazione pubblica della (OMISSIS) s.p.a. e ha affermato che tale qualita' imponeva una particolare attenzione al soddisfacimento dell'interesse del socio pubblico che gli amministratori non avevano dimostrato ponendo in essere i comportamenti gia' rappresentati al giudice di primo grado.

7. La Corte di appello di Napoli ha respinto il gravame rilevando come i comportamenti imputati agli amministratori, e in particolare al (OMISSIS), rappresentano una mera manifestazione dell'autonomia attribuita dall'articolo 2364 c.c., agli amministratori delle societa' nell'impostazione dell'azione amministrativa. Per altro verso la Corte napoletana ha contestato la fondatezza dell'assunto secondo cui gli amministratori di societa' a partecipazione pubblica siano tenuti a rispettare le direttive dell'ente pubblico o a derogare alla disciplina relativa all'accesso agli atti della societa' o a privilegiare l'interesse del socio pubblico nei rapporti con la societa' e ha inoltre rilevato che la dedotta inottemperanza agli obblighi derivanti dal bando di incarico o dalle direttive indicate dall'assemblea appaiono strumentali dati i tempi assolutamente ristretti nei quali e' avvenuta la revoca del (OMISSIS) rispetto a quelli ben piu' lunghi e ancora disponibili per l'adempimento dei predetti obblighi e direttive.

8. Contro la sentenza della Corte di appello ricorre per cassazione (OMISSIS) s.p.a. affidandosi a due motivi di ricorso, illustrati con memoria difensiva.

9. Si difende con controricorso (OMISSIS).

10. Con il primo motivo di ricorso si deduce la violazione e falsa applicazione dell'articolo 2383 c.c., e l'insufficiente e contraddittoria motivazione. La ricorrente ritiene che l'accertamento della giusta causa di revoca dell'amministratore da parte dell'assemblea di societa' di capitali, ai sensi dell'articolo 2383 c.c., non possa arrestarsi al riscontro di inadempimenti formali da parte dei gerenti e della sussistenza in questi di requisiti di professionalita', diligenza e di attitudine all'adempimento mentre deve avere ad oggetto anche l'accertamento dell'eventuale logoramento dei rapporti anche umani derivante da comportamenti ostili posti in essere dagli amministratori nei confronti della maggioranza che li ha eletti.

11. Il motivo e' palesemente infondato dato che comporta una valutazione meta-giuridica del comportamento degli amministratori e del rapporto fiduciario con la societa' che e' assolutamente estraneo alla normativa cui la ricorrente si richiama e che peraltro devierebbe gli amministratori dal loro compito istituzionale della gestione nell'interesse generale della societa' e non dei singoli soci. La Corte di appello ha ricostruito in termini giuridici il rapporto di fiducia che lega gli amministratori alla societa' e che si basa sulla possibilita' di revoca del mandato che l'articolo 2383 c.c., comma 3, attribuisce all'assemblea richiedendo una giusta causa consistente non solo in fatti integranti un significativo inadempimento degli obblighi derivanti dall'incarico ma anche in fatti di carattere oggettivo che minino il pactum fiduciae elidendo l'affidamento riposto al momento della nomina sulle attitudini e capacita' dei gestori. Erra quindi la societa' ricorrente quando ritiene che la Corte si doveva limitare ad accertare il venir meno del rapporto fiduciario perche' tale presupposto, che del resto e' implicito nella delibera di revoca, e' rilevante, ai fini di integrare una giusta causa di revoca del mandato, solo quando i fatti che hanno determinato il venire meno dell'affidamento siano oggettivamente valutabili come fatti idonei a mettere in forse la correttezza e le attitudini gestionali dell'amministratore. Altrimenti lo scioglimento del rapporto fiduciario deriva da una valutazione soggettiva della maggioranza che legittima da un lato il recesso ad nutum ma legittima altresi' l'amministratore revocato senza una giusta causa a richiedere il risarcimento del danno derivatogli dalla revoca del mandato.

12. La Corte di appello, con motivazione ampia e priva di incongruenze logiche, ha dimostrato le ragioni per le quali ha ritenuto che i fatti dedotti come lesivi del pactum fiduciae non avessero affatto la qualita' di indicatori di un comportamento inadempiente, o inadeguato sotto il profilo delle capacita' gestionali, degli amministratori. A fronte di tali motivazioni la societa' ricorrente ripropone le stesse argomentazioni che vanno ritenute inidonee a comprovare un vizio motivazionale della sentenza impugnata.

13. Con il secondo motivo di ricorso si deduce la violazione e falsa applicazione degli articoli 2383 e 2449 c.c., sistematicamente interpretati ai sensi dell'articolo 360 c.p.c., n. 3. Secondo la ricorrente, nel caso di una societa' di capitali costituita per il raggiungimento di un oggetto sociale, consistente nello svolgimento di un servizio pubblico e partecipata, solo per questo, in via maggioritaria, da un ente pubblico territoriale, come il Comune di (OMISSIS), il rapporto di fiducia che lega l'assemblea dei soci agli amministratori presenta profili di delicatezza maggiori rispetto alle societa' di capitali che non hanno come oggetto sociale lo svolgimento di un servizio pubblico e impone al giudice di merito una valutazione piu' ampia ai fini dell'accertamento della giusta causa di revoca, comprendendo anche il semplice logoramento dei rapporti fra amministratori e soci.

14. Il motivo e' infondato per le stesse ragioni esposte relativamente al primo motivo. La societa' ricorrente pretende in sostanza di annullare il concetto di giusta causa e di imporre una fedelta' degli amministratori al socio pubblico che snaturerebbe completamente la natura privata della societa' in danno degli interessi della societa' e della minoranza oltre che, in ipotesi, nel caso di societa' partecipata per motivi di pubblico interesse, anche degli stake-holders a cui vantaggio la partecipazione pubblica e' prevista. Cosi, nel caso in esame, la Corte di appello ha ben messo in rilievo come il comportamento degli amministratori, risultato sgradito a una componente dell'amministrazione comunale sia pure maggioritaria, sia stato coerente con i doveri assunti a seguito del mandato ad amministrare la societa'. In particolare, a fronte di un comportamento inadempiente del Comune quale contraente della societa', gli amministratori non potevano che agire in giudizio perche' fossero rispettati i diritti della societa' derivanti dal rapporto contrattuale con il Comune. Allo stesso modo la pretesa dei consiglieri di accedere direttamente alla contabilita' sociale o' incontestabilmente una pretesa giuridicamente illegittima e un comportamento collusivo degli amministratori avrebbe posto in essere una violazione delle norme che regolano i rapporti fra societa' e soci.

Si tratta quindi palesemente di comportamenti che lungi dal dimostrare inadempimenti o inadeguatezze degli amministratori evidenziano invece la pretesa del Comune quale socio di maggioranza di godere di una situazione di privilegio nei rapporti con la societa' assolutamente ingiustificata. Infine la Corte di appello ha argomentato congruamente e esaustivamente sul carattere strumentale delle altre doglianze sia perche' espressive dell'imputazione di inadempimenti inesistenti in relazione al mancato decorso dei termini per il compimento dei doveri gravanti sugli amministratori sia perche' espressive di una inesistente soggezione degli amministratori alle direttive del Comune quale socio di maggioranza.

15. il ricorso va pertanto respinto con condanna della societa' ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione liquidate in 5.200,00 euro di cui 200,00 per spese.
 

INDICE
DELLA GUIDA IN Societario

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 1641 UTENTI