La legittimazione a eccepire il difetto di legittimazione del fallito spetta soltanto alla massa dei creditori

La legittimazione a eccepire il difetto di legittimazione del fallito spetta soltanto alla massa dei creditori e, per essa, al curatore, sì che quando questi non sia parte del giudizio, la incapacità del fallito non può essere rilevata di ufficio, né può essere eccepita dalle altre parti presenti in giudizio. (Corte di Cassazione Sezione 1 Civile, Sentenza del 6 agosto 2008, n. 21250)



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITRONE Ugo - Presidente

Dott. RORDORF Renato - Consigliere

Dott. BERNABAI Renato - Consigliere

Dott. PANZANI Luciano - rel. Consigliere

Dott. DEL CORE Sergio - Consigliere

ha pronunciato la seguente:



SENTENZA

sul ricorso proposto da:

PR. El., elettivamente domiciliato in Roma, via Tagliamento 14, presso l'avv. Barone Carlo Maria, che lo rappresenta e difende giusta delega in atti;

- ricorrente -

contro

CA. DI. RI. DI. OR. s.p.a., in persona del Presidente avv. Gu. Gi., elettivamente domiciliata in Roma, via Silvio Pellico 16, presso l'avv. Morcella Manlio, che la rappresenta e difende giusta delega in atti;

- controricorrente ricorrente incidentale -

ME. Gi., elettivamente domiciliato in Roma, via Tuscolana 9, presso l'avv. Rosellina Ricci, rappresentato e difeso dall'avv. Festa Emilio del foro di Orvieto, che lo rappresenta e difende giusta delega in atti;

- controricorrente ricorrente incidentale -

FALLIMENTO di PR. El., in persona del curatore Dott. Pa. Gi.;

- intimato -

avverso la sentenza della Corte d'appello di Perugia n. 307/2003 del 6 agosto 2003.

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 20/6/08 dal Relatore Cons. Dr. Luciano Panzani;

Udito l'avv. Carlo Maria Barone per il ricorrente, che ha concluso per l'accoglimento del ricorso principale ed il rigetto del ricorso incidentale della Ca. di. Ri. di. Or. s.p.a.;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. ABBRITTI Pietro, che ha concluso per l'accoglimento del ricorso principale, assorbito il ricorso incidentale del Me., e per il rigetto del ricorso incidentale della Ca. di. Ri. di. Or..

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Pr. El. conveniva in giudizio la Ca. di. Ri. di. Or. spa e Me. Gi. chiedendone la condanna in solido al risarcimento dei danni in quanto il suo stato di insolvenza, cui era seguito il (OMESSO) il fallimento, era stato determinato dall'improvvisa e brutale revoca dell'affidamento da parte della banca, imitata da altri istituti di credito, mentre il Me., che era anche il suo commercialista, quale Presidente della banca aveva omesso di rappresentare alla banca stessa l'effettiva consistenza del patrimonio di esso Pr., idonea a garantire la soddisfazione di ogni credito.

Chiamato in causa il curatore del Fallimento, rimasto contumace, il Tribunale di Orvieto respingeva le domande, rilevando che la legittimita' del recesso della banca risultava dalla mancata opposizione ai decreti ingiuntivi richiesti dalla banca stessa e alla dichiarazione di fallimento. Non vi era prova di un comportamento illecito del Me..

La Corte di appello di Perugia con sentenza 6.4.2003 respingeva l'appello del Pr.. Osservava la Corte che l'appellante aveva sostenuto che le modalita' di esercizio del recesso non erano illegittime, ma costituivano violazione dei principi della buona fede contrattuale e che per tale ragione gli era dovuto il risarcimento dei danni. In tali termini l'appello era contraddittorio perche' la violazione dei doveri di correttezza e buona fede, ove non considerati in forma primaria ed autonoma da una norma di legge, non poteva essere reputata illegittima e fonte di responsabilita' ove al tempo non concretizzasse violazione di un diritto altrui.

Il comportamento sotteso alla dichiarazione di recesso non poteva aver rilievo autonomo, ma soltanto in quanto causa dell'illegittimita' del recesso stesso. L'appellante aveva peraltro riconosciuto che il recesso era legittimo, si' che sul punto si era formato il giudicato.

Il rigetto dell'appello in ordine alla responsabilita' della banca comportava anche il rigetto del gravame in ordine all'assoluzione del Me. dalle pretese del Pr.. Questi d'altra parte non poteva farsi promotore degli interessi della banca che, nella sua prospettazione, sarebbero stati obliterati dall'appellato che, nella sua qualita' di presidente dell'istituto bancario, avrebbe omesso di far presente la buona situazione patrimoniale del Pr..

Avverso la sentenza ricorre per cassazione il Pr. articolando due motivi. Resistono con controricorso la Ca. di. Ri. di. Or. ed il Me.. La prima ha proposto ricorso incidentale con unico motivo, mentre il Me. ha formulato ricorso incidentale condizionato con unico motivo. Ad entrambi ha replicato il Pr. con separati controricorsi, illustrati da memoria. La curatela del Fallimento del Pr. non ha svolto attivita' difensiva.

MOTIVI DELLA DECISIONE

l. Con il primo motivo il ricorrente principale deduce violazione degli articoli 1175, 1218, 1375, 1845, 2043, 2697, 2909 c.c.; articoli 99, 100, 112, 115, 116, 324, 342, 345 c.p.c., in relazione all'articolo 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 4, nonche' difetto e contraddittorieta' della motivazione.

Afferma il ricorrente di aver prospettato con l'atto di appello la contrarieta' alle regole di correttezza e buona fede del recesso operato dalla banca deducendone l'illegittimita', pur se altrimenti formalmente legittimo in quanto discendente dall'esercizio di un diritto di natura legale e/o pattizia. Osserva che il dovere di buona fede enunciato dagli articoli 1175 e 1375 (per quanto attiene all'esecuzione del contratto) costituisce il limite interno di ogni situazione giuridica soggettiva, anche sotto il profilo dei doveri di solidarieta' per cui ciascuno dei contraenti e' tenuto a salvaguardare l'interesse dell'altro, se cio' non comporti un apprezzabile sacrificio dell'interesse proprio.

La violazione del dovere di buona fede si pone quindi come fonte della responsabilita', anche risarcitoria, per la parte cui essa e' imputabile. Rammenta che questa Corte ha affermato la sindacabilita', proprio sotto il profilo degli obblighi di buona fede, del diritto potestativo di recesso, ancorche' cio' non implichi l'invalidita' della clausola perche' oggetto di sindacato e' il suo concreto esercizio.

Sarebbe stato quindi onere della Corte di merito sindacare nel merito l'avvenuto esercizio del recesso, attivita' cui invece il giudice di appello non aveva provveduto, essendo tale recesso repentino, tautologicamente motivato, in assenza di alcun elemento di anomalia nello svolgimento del rapporto di conto corrente. Il Pr. infatti godeva di ampio credito e non era protestato.

Non era poi vero quanto affermato dalla Corte di appello e cioe' che si fosse ormai formato il giudicato sulla legittimita' del recesso. Il Pr. infatti aveva riconosciuto soltanto l'astratta legittimita' del recesso, intesa come riconducibilita' dello stesso ad un diritto astrattamente previsto da una norma di legge e/o pattizia. Aveva pero' lamentato che le modalita' con cui in concreto tale diritto era stato esercitato costituivano violazione del dovere di buona fede ed erano fonte di responsabilita'. Il giudicato, se formatosi, riguardava soltanto la titolarita' in capo alla Cassa del diritto di recedere, ma non le modalita' con cui la banca si era avvalsa di tale diritto. Con il secondo motivo il ricorrente deduce violazione degli articoli 1175, 1218, 1375, 1845, 2043, 2697, 2909 c.c.; articoli 99, 100, 112, 115, 116, 324, 342, 345 c.p.c., in relazione all'articolo 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 4, nonche' difetto e contraddittorieta' della motivazione. La Corte avrebbe errato nel ritenere travolto, in conseguenza del rigetto dell'appello nei confronti della Cassa, anche il gravame proposto per quanto concerneva la domanda formulata nei confronti del Me.. Non essendosi avveduti dell'autonomia di tale impugnazione, i giudici di appello avrebbero violato anche l'articolo 112 c.p.c..

Contrariamente a quanto ritenuto dalla Corte di merito, l'affermazione dell'appellante che il Me., nella qualita' di presidente della Cassa, avesse concorso ad adottare la deliberazione di recesso, contra ius e lesiva dei diritti del debitore, collegata al rilievo che egli avrebbe omesso di rappresentare all'istituto di credito l'effettiva situazione patrimoniale del Pr. di cui era a completa conoscenza ed alla sottolineatura che recedere sarebbe stato contro gli interessi della banca, non significava per il ricorrente "farsi promotore degli interessi della parte avversa", ma sottolineare l'esistenza di un nesso di causalita' adeguata fra la decisione della banca di recedere ed il comportamento, quantomeno colposo, del suo presidente, donde la dedotta responsabilita' ex articolo 2395 c.c. ed ex articolo 2043 c.c., perche' contrario al principio di buona fede ed al generale dovere del neminem laedere. Sotto questo profilo la Corte d'appello non avrebbe neppure assolto l'onere di motivazione.

2. Con l'unico motivo del ricorso incidentale la Ca. di. Ri. di. Or. deduce violazione dell'articolo 43 L.F.

Lamenta che la Corte di appello non si sia avveduta che il Pr., in quanto fallito, era privo di capacita' processuale perche' in suo luogo avrebbe potuto stare in giudizio soltanto il curatore, trattandosi di controversia a contenuto patrimoniale non afferente i rapporti previsti dalla L.F., articolo 46. Nella specie il principio affermato dalla giurisprudenza che il difetto di legittimazione del fallito non puo' essere rilevato d'ufficio e non puo' esser fatto valere da soggetti diversi dal curatore, non troverebbe applicazione nel caso di specie perche' gli organi fallimentari avrebbero valutato la non convenienza dell'avvio dell'iniziativa giudiziale. L'inerzia del curatore, corrispondente a sua scelta ponderata, si potrebbe ricavare dal fatto che egli non ha proposto opposizione ai decreti ingiuntivi chiesti nei confronti del Pr. da parte della banca ricorrente incidentale e da altre banche. Analoghe conclusioni si potrebbero ricavare dalle comunicazioni dirette alla banca dal curatore e dal fatto che egli non ha ritenuto di costituirsi nel presente giudizio.

4. Con il ricorso incidentale condizionato Me. Gi. deduce difetto di motivazione e violazione dell'articolo 112 c.p.c., lamentando che la Corte di appello non abbia pronunciato sulle difese nel merito che egli aveva sviluppato e che ripropone. Osserva che il ricorrente non ha chiarito se la sua responsabilita' deriverebbe dalla condotta posta in essere quale amministratore della banca ovvero al di fuori dell'attivita' riferibile a tale carica o per entrambi i titoli. Sotto il primo profilo rammenta che lo statuto della banca non attribuisce alcuna delega operativa al presidente; che egli si astenne dalle deliberazioni ogni qual volta era questione della posizione del Pr. onde evitare il conflitto di interessi che derivava dall'essere anche commercialista di quest'ultimo. Ne' era sostenibile che il Me. fosse tenuto a rappresentare alla banca le condizioni economiche del Pr. perche' in tale ipotesi avrebbe agito in conflitto di interessi, ponendo addirittura in essere un fatto di reato.

Quale libero professionista il Me. doveva invece rispettare anzitutto il segreto professionale e pertanto non avrebbe potuto riferire alla banca le condizioni patrimoniali del Pr., che neppure conosceva completamente posto che il ricorrente gli aveva taciuto la sua esposizione verso altra banca.

4. Va disposta la riunione dei ricorsi ex articolo 335 c.p.c..

Occorre esaminare preliminarmente il ricorso incidentale della assa di Risparmio di Orvietoche eccepisce il difetto di legittimazione attiva del fallito in relazione al suo status, alla luce dell'attribuzione al curatore della legittimazione relativamente ai rapporti patrimoniali non ricompresi nell'ambito della L.F., articolo 46 (arg. L.F., articolo 43).

Il ricorso non e' fondato.

Va premesso che questa Corte ha piu' volte affermato, con riferimento ai rapporti tributari, che sussiste l'eccezionale legittimazione sostitutiva del fallito ad agire avanti al giudice tributario in luogo del curatore, in caso di inerzia di quest'ultimo, tutte le volte che tale inerzia non corrisponda in realta' ad una scelta consapevole di non impugnare l'accertamento effettuato dall'Amministrazione (Cass. 16.4.2007, n. 8990; Cass. 3.4.2006, n. 7791; Cass. 12.5.2006, n. 11068; Cass. 20.12.2006, n. 27263; Cass. 19.3.2007, n. 6476). A fondamento di tale orientamento si e' sottolineato da un lato che il fallito non e' privato, a seguito della dichiarazione di fallimento, della sua qualita' di soggetto passivo del rapporto tributario e resta esposto ai riflessi della definitivita' dell'atto impositivo e dall'altro che la perdita della capacita' processuale derivante dalla dichiarazione di fallimento non e' assoluta, ma relativa alla massa dei creditori, alla quale soltanto - e per essa al curatore - e' concesso di eccepirla.

Tali principi sono stati estesi da questa Corte anche al di fuori della materia tributaria, ad esempio in caso di inerzia del curatore in materia di diritti ereditari (Cass. 22.7.2005, n. 15369) e, in materia affine a quella in esame, in tema di azione di responsabilita' contro gli amministratori di societa' (Cass. 27.10.1994, n. 8860).

Come si e' detto, la legittimazione ad eccepire il difetto di legittimazione del fallito spetta soltanto alla massa dei creditori e per essa al curatore, si' che, quando questi non sia parte del giudizio, l'incapacita' del fallito non puo' essere rilevata d'ufficio (Cass. 16.4.2007, n. 8990) ne' puo' essere eccepita dalle altre parti presenti in giudizio.

5. Il primo motivo del ricorso principale e' fondato. E' indubbio il vizio di motivazione in cui e' incorsa la sentenza impugnata.

La Corte d'appello ha ritenuto di poter affermare l'infondatezza del gravame perche' esso sarebbe stato diretto a sostenere l'illegittimita' del comportamento tenuto dalla banca con il recesso immotivato e brutale dall'affidamento concesso a fronte del giudicato che si sarebbe ormai formato sulla legittimita' di tale recesso. Cio' perche' lo stesso appellante aveva chiarito che le sue doglianze non avevano ad oggetto ".- l'illegittimita' del recesso, inteso nella sua formale ed asettica valenza negoziale ... ma piuttosto si appuntavano sul rilievo della illiceita' del comportamento sotteso alla dichiarazione di recesso", affermazione cui conseguiva, ad avviso della Corte di merito, il riconoscimento che il recesso in parola era legittimo.

In realta' il Tribunale, come risulta dalla stessa narrativa della sentenza impugnata, aveva ritenuto la legittimita' del recesso della banca in ragione della mancata opposizione ai decreti ingiuntivi di recupero dei crediti ed alla sentenza dichiarativa di fallimento che ne erano seguiti, si' che sul punto si sarebbe formato il giudicato. A fronte di tale statuizione, il Pr. con l'atto di appello aveva in realta' insistito sulle tesi gia' sviluppate nell'atto introduttivo del giudizio, perche' se in citazione aveva lamentato "... la assoluta ingiustificatezza, imprevedibilita' e brutalita' del recesso ...", sottolineando che esso era sindacabile restando ".. pur sempre da rispettare il fondamentale principio dell'esecuzione dei contratti secondo buona fede (articolo 1375 c.c.), si' che il recesso era "da considerare illegittimo, ove in concreto esso assuma connotati del tutto imprevisti ed arbitrari", con l'appello aveva osservato che le sue doglianze non riguardavano il recesso "nella sua formale ed asettica valenza negoziale, quasi che, ad esempio, lo stesso fosse stato esercitato senza il rispetto dei termini e delle forme previsti dalla legge o dal contratto. Ma piuttosto si appuntavano sul rilievo dell'illiceita' del comportamento sotteso alla dichiarazione di recesso" per violazione del dovere di buona fede nell'esecuzione del contratto.

In conclusione la Corte di appello non si e' avveduta che il ricorrente aveva posto a fondamento della domanda e dell'appello la medesima causa petendi, vale a dire la contrarieta' al dovere di buona fede nell'esecuzione del contratto del comportamento della banca, tenuto in violazione dell'articolo 1375 c.c..

Ne' appare fondata l'ulteriore argomentazione della Corte di merito che ha sostenuto che la violazione dei doveri di correttezza e buona fede non rileva, ove essi non siano considerati in forma primaria ed autonoma da una norma che direttamente tuteli un diritto altrui.

Tale principio si pone in pieno contrasto con quanto affermato da questa Corte che ha riconosciuto che l'esercizio del diritto di recesso, contrattualmente stabilito, deve essere valutato nel complessivo contesto dei rapporti intercorrenti tra le parti, onde accertare se detto recesso sia stato o meno esercitato secondo modalita' e tempi che non rispondono ad un interesse del titolare meritevole di tutela, ma soltanto allo scopo di arrecare danno all'altra parte, incidendo sulla condotta sostanziale che le parti sono obbligate a tenere per preservare il reciproco interesse all'esatto adempimento delle rispettive prestazioni (Cass. 16.10.2003, n. 15482). E piu' in generale si e' affermato che il principio di correttezza e buona fede, il quale secondo la Relazione ministeriale al Codice Civile, "richiama nella sfera del creditore la considerazione dell'interesse del debitore e nella sfera del debitore il giusto riguardo all'interesse del creditore", deve essere inteso in senso oggettivo ed enuncia un dovere di solidarieta', fondato sull'articolo 2 Cost., che, operando come un criterio di reciprocita', esplica la sua rilevanza nell'imporre a ciascuna delle parti del rapporto obbligatorio, il dovere di agire in modo da preservare gli interessi dell'altra, a prescindere dall'esistenza di specifici obblighi contrattuali o di quanto espressamente stabilito da singole norme di legge. Dalla violazione di tale regola di comportamento puo' discendere "ex se", ove provato, un danno risarcibile (Cass. 27.10.2006, n. 23273; Cass. 28.9.2005, n. 18947; Cass. 11.2.2005, n. 2855).

Va in particolare sottolineato che questa Corte ha affermato che la clausola di buona fede nell'esecuzione del contratto opera come criterio di reciprocita', imponendo a ciascuna delle parti del rapporto obbligatorio di agire in modo da preservare gli interessi dell'altra e costituisce un dovere giuridico autonomo a carico delle parti contrattuali, a prescindere dall'esistenza di specifici obblighi contrattuali o di quanto espressamente stabilito da norme di legge; ne consegue che la sua violazione costituisce di per se' inadempimento e puo' comportare l'obbligo di risarcire il danno che ne sia derivato (Cass. 11.2.2005, n. 2855).

Era quindi obbligo della Corte d'appello verificare se, secondo l'allegazione del ricorrente, il recesso della banca potesse essere qualificato come illegittimo o potesse in ogni caso costituire titolo per l'azione di danni, indagine che dovra' ora essere compiuta dal giudice di rinvio.

Vero e' che la Corte di merito ha affermato che l'illegittimita' del recesso non sarebbe piu' ravvisabile per essersi formato "il giudicato sul contrario riconoscimento di legittimita'", ma tale affermazione appare equivoca perche' non e' chiaro se con essa i giudici di merito hanno inteso trarre conseguenze dalla precedente qualificazione dell'appello del Pr. come diretto a sostenere l'illegittimita' del comportamento della banca a prescindere dalla validita' dell'atto di recesso, o se invece hanno inteso affermare che sulla legittimita' del recesso si sarebbe formato il giudicato, come affermato dal Tribunale, in ragione della mancata opposizione ai decreti ingiuntivi ottenuti dalla banca ed alla dichiarazione di fallimento.

La motivazione della Corte d'appello su questo punto e' cosi' sintetica da risultare incomprensibile, si' che sul punto dovra' pronunciarsi il giudice di rinvio.

La sentenza impugnata va pertanto cassata con rinvio alla Corte di Appello di Perugia, in diversa composizione, che pronuncera' anche sulle spese del giudizio di cassazione.

Il secondo motivo del ricorso principale ed il ricorso incidentale del Me. rimangono assorbiti.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso incidentale della Ca. di. Ri. di. Or.; accoglie il primo motivo del ricorso principale, assorbiti il secondo ed il ricorso incidentale del Me.; cassa la sentenza impugnata con rinvio alla Corte di Appello di Perugia in diversa composizione, anche per le spese.

INDICE
DELLA GUIDA IN Fallimento

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 1575 UTENTI