E' legttimo il licenziamento del lavoratore che Il lavoratore simulò l'acquisto di un'autovettura per ottenere l'anticipazione del TFR

L'esibizione di una documentazione notarile materialmente falsa a giustificazione della spesa necessaria per ottenere la percezione dell'anticipo sul TFR, è sufficiente ad integrare gli estremi della giusta causa di licenziamento. (Corte di Cassazione Sezione Lavoro Civile, Sentenza del 19 dicembre 2007, n. 26803)



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCIARELLI Guglielmo - Presidente

Dott. DI NUBILA Vincenzo - rel. Consigliere

Dott. D'AGOSTINO Giancarlo - Consigliere

Dott. LA TERZA Maura - Consigliere

Dott. BALLETTI Bruno - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso iscritto al n. R.G. 4820.05 proposto da:

RI. LU. rappresentato e difeso dagli avv. DELLA CHIESA D'ISASCA Flaminia e Riccardo Cirillo per delega a margine del ricorso, elett. dom. in Roma presso lo studio della prima, piazza del Paradiso 55;

- ricorrente -

contro

DE. BA. SPA corr in (OMESSO), in persona del legale rappresentante "pro tempore" Amministratore Delegato sig. De. Bu. Vi., rappresentata e difesa dagli avv. FLORIO Salvatore e Massimo Lotti per procura speciale notarile in data 24.3.2005, elett. in Roma presso lo studio dell'avv. Lotti, via di Ripetta 70;

- intimato controricorrente -

avverso la sentenza della Corte di Appello di Napoli n. 2033.04 in data 29.4.2004, depositata il 7.7.2004;

udita la relazione della causa fatta dal Dott. Vincenzo Di Nubila all'udienza del 14.11.2007;

udito per il resistente l'avv. Florio;

udito il Procuratore Generale in persona del Sostituto Dott. MASSIMO FEDELI, il quale ha concluso per il rigetto del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1. Con ricorso in via di urgenza ex articolo 700 c.p.c., seguito dalla proposizione in via ordinaria della domanda giudiziale, Ri. Lu. conveniva dinanzi al Tribunale di Napoli la De. Ba. spa per sentir dichiarare l'illegittimita' del licenziamento intimatogli dalla convenuta per pretesa giusta causa. L'attore deduceva la mancata affissione del codice disciplinare, la mancanza di una specifica normativa cui far risalire l'addebito, la sproporzione della sanzione irrogata rispetto alla gravita' del fatto contestato, dovuta essa sanzione ad un intento persecutorio nei suoi confronti. Previa costituzione ed opposizione della banca, il Tribunale respingeva la domanda attrice.

2. Proponeva appello il Ri. e ribadiva le proprie deduzioni, aggiungendo l'eccezione di nullita' del procedimento di primo grado e della relativa sentenza, per non essere state trascritte nei verbali di causa le argomentazioni difensive svolte in sede di discussione orale e per essere state disattese le istanze istruttorie di parte attrice. Si costituiva la De. Ba. e si opponeva all'accoglimento dell'appello. La Corte di Appello di Napoli confermava la sentenza di primo grado; questa, in sintesi, la motivazione della sentenza di appello:

- il codice disciplinare risulta essere stato affisso in tutte le sedi dell'impresa convenuta;

- peraltro non e' necessaria tale affissione quanto le mancanze addebitate attengano alla trasgressione di "valori generalmente condivisi";

- risulta nella specie che l'attore ha ottenuto una anticipazione di lire 43 milioni a fronte del TFR, adducendo di dover comperare un'autovettura;

- invitato a provare di avere acquistato detta autovettura, il Ri. ha dapprima prodotto una dichiarazione informale di tale Au. Fr.; di fronte all'insistenza della banca onde ottenere una documentazione ufficiale, ha prodotto documentazione consistente nell'atto di vendita autenticato da notaio, con relativo sigillo: tale documentazione, ad una successiva indagine della banca, risultava falsa;

- il procedimento disciplinare si e' svolto in maniera corretta: esso e' iniziato nell'ottobre 1999, il Ri. ha fornito le giustificazioni nel marzo 2000 ed il licenziamento e' stato intimato nell'aprile 2000;

- nel contesto di tale procedimento, si rileva una contestazione supplementare, consistita nell'avere il Ri. effettuato pressioni per bloccare un protesto;

- l'episodio inerente al falso acquisto dell'autovettura risulta grave, tale da incrinare il rapporto fiduciario tra lavoratore e datore di lavoro;

- non sussiste alcuna nullita' della sentenza di primo grado, dato che non e' prevista la trascrizione delle argomentazioni difensive nel verbale di udienza;

- il Giudice di primo grado ha fatto buon governo dei propri poteri istruttori nel non ammettere le prove richieste, che ha ritenuto superflue ai fini del decidere, posto che la prova fornita era documentale.

3. Ha proposto ricorso per Cassazione Ri. Lu., deducendo quattro motivi. Resiste con controricorso la spa De. Ba., la quale ha presentato memoria integrativa.

MOTIVI DELLA DECISIONE

4. Col primo motivo del ricorso, il ricorrente deduce violazione e falsa applicazione, a sensi dell'articolo 360 c.p.c., n. 3, dell'articolo 2909 c.c., articolo 324 c.p.c., Legge n. 300 DEL 1970 articolo 7 articolo 2119 c.c.; nonche' omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione circa punti decisivi della controversia, ex articolo 360 c.p.c., n. 5. Sostiene il Ri. che la Corte di Appello non ha dato atto del giudicato formatosi su parte della controversia, vale a dire sull'infondatezza della contestazione di addebito in data 19.1.2000, ribadita il 17.3.2000, dato che sul punto la sentenza di primo grado ha affermato essere stato citato l'episodio "ad abundantiam" e non avendo la banca proposto appello incidentale al riguardo. Trattasi del preteso intervento del Ri. onde evitare il protesto a carico di tale Di. Le..

5. Il motivo e' infondato. Va evidenziato che la contestazione e' unitaria e che parimenti unitario e complessivo e' stato l'esame compiuto dal Giudice di primo grado. L'episodio inerente al mancato acquisto dell'autovettura ed alla produzione di documentazione notarile materialmente falsa e' stato ritenuto sufficiente a giustificare il licenziamento. Il comportamento del Ri. in ordine al protesto e' stato valutato "ad abundantiam": non e' dato quindi vedere come possa formarsi un giudicato interno su di un punto che non rappresenta un capo autonomo di decisione, ma che viene indicato a supporto della decisione della causa con motivazione "ad adundantiam". Posto che l'episodio inerente all'acquisto dell'autovettura e' stato ritenuto sufficiente ad integrare gli estremi della giusta causa, cio' non significa che il giudice abbia ritenuto senz'altro insussistente l'episodio relativo al protesto, il quale e' rimasto neutro ai fini della decisione. La sentenza di primo grado e' stata confermata in appello ed essa si limita a rigettare la domanda attrice.

6. Con il secondo motivo del ricorso, il ricorrente deduce violazione e falsa applicazione, a sensi dell'articolo 360 c.p.c., n. 3, dell'articolo 2119 c.c., Legge n. 300 del 1970 articolo 7 articolo 1362 c.c. e ss., in particolare articoli 1372 e 1375 c.c., nonche' carenza di motivazione: tutto il procedimento disciplinare si e' articolato sulla violazione dell'accordo sindacale relativo all'anticipazione del TFR; il Ri. avrebbe posto in essere una frode in danno della banca, per avere avuto accesso ad un prestito non dovuto. Ma in realta' il Ri. non si e' appropriato del danaro della banca, al massimo non ha restituito danaro che era gia' suo, trattandosi del TFR maturato. Il suo comportamento non puo' essere definito come contrario a norme imperative; nella lettera di licenziamento non viene piu' fatto riferimento alla produzione di documenti falsi, onde la relativa contestazione deve ritenersi rinunciata. La banca e' in mala fede, quando trascura di valutare la disponibilita' del lavoratore a restituire la somma percepita.

7. Il motivo e' infondato. Esso finisce per prospettare una ricostruzione del fatto diversa e contraria a quella che il Giudice di merito ha compiuto con motivazione esauriente, immune da vizi logici o contraddizioni, talche' essa si sottrae ad ogni censura in sede di legittimita'. Costituisce invero giurisprudenza costante di questa Corte di Cassazione il principio per cui l'apprezzamento delle fonti di prova e la valutazione della giusta causa di recesso costituiscono questioni di fatto, denunciabili solo per vizio di motivazione: vedi al riguardo, "ex multis", Cass. 2.11.2005 n. 21213, Cass. 25.2.2005 n. 3994; Cass., 8.9.2006 n. 19270, Cass. 24.7.2006 n. 16864. Il giudizio di merito ha stabilito che il lavoratore ha commesso le mancanze addebitategli (indebita percezione dell'anticipo sul TFR, esibizione di una documentazione notarile materialmente falsa a giustificazione della spesa) sufficienti ad integrare gli estremi della giusta causa; "ad abundantiam" era contestato l'intervento onde evitare un protesto.

8. Col terzo motivo del ricorso, il ricorrente deduce violazione e falsa applicazione, a sensi dell'articolo 360 c.p.c., n. 3, dell'articolo 2119 c.c., e carenza di motivazione, sotto il profilo che la Corte di Appello non ha valutato la disponibilita' di esso dipendente a restituire la somma percepita, onde il fatto assume minore gravita'. Piu' in generale, il ricorrente evidenzia la proporzione tra mancanza e sanzione.

9. Replica in punto la De. Ba. che la disponibilita' a restituire costituisce una mera intenzione, nella specie non seguita da alcun fatto concreto.

10. Il motivo e' infondato. La disponibilita' a restituire non vale restituzione, la manifestazione di intenzione costituisce questione di fatto sottratta al riesame da parte della Corte di Cassazione; l'accertamento di sussistenza della giusta causa e' questione di merito, non riproponibile in questa sede. Valgono le considerazioni formulate a proposito del motivo di ricorso che precede.

11. Col quarto motivo del ricorso, il ricorrente deduce violazione e falsa applicazione, a sensi dell'articolo 360 c.p.c., n. 3, degli articoli 113, 115, 116 c.p.c., e carenza di motivazione, dato che il Giudice di merito non ha ammesso le prove proposte dall'attore onde dimostrare l'intento' persecutorio. Infatti il licenziamento era stato deciso sino da prima della anticipazione del TFR richiesta dall'attore ed esso era preceduto da una riduzione delle responsabilita' del Ri..

12. Il motivo e' infondato. Esso attiene al merito e costituisce potesta' del giudice di merito dare ingresso alle prove proposte dalle parti se ed in quanto esse siano ritenute rilevanti ai fini del decidere. Nella specie, il Giudice di merito risulta essersi avvalso di tale facolta', avendo ritenuto irrilevanti le prove orali dinanzi ad un'istruttoria documentale, onde la prova, anche se favorevole al lavoratore, non avrebbe potuto inficiare le

risultanze di prove scritte.

13. Il ricorso, per i suesposti motivi, deve essere rigettato. Le spese del grado seguono la soccombenza e vengono liquidate in dispositivo.

P.Q.M.

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

rigetta il ricorso e condanna il ricorrente Ri. Lu. a rifondere alla controricorrente spa De. Ba. le spese del giudizio di Cassazione, che liquida in euro 20,00 oltre euro tremila per onorari, piu' spese generali, IVA e CPA nelle misure di legge.

INDICE
DELLA GUIDA IN Previdenziale

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 1789 UTENTI