Può essere dichiarato lo stato di abbandono del minore, se a prescindere dagli intendimenti, i genitori non sono in grado di offrire una vita adeguata al suo sviluppo psico-fisico

Il diritto del minore a vivere nella propria famiglia di origine incontra un limite, nello stesso interesse del minore, se si accerta la ricorrenza di una situazione di abbandono che legittimi la dichiarazione di adottabilita' qualora, a prescindere dagli intendimenti dei genitori, la vita da loro offerta al figlio sia inadeguata al suo normale sviluppo psico-fisico, cosicche' la rescissione del legame familiare e' l'unico strumento che possa evitargli un piu' grave pregiudizio ed assicurargli assistenza e stabilita' affettiva.

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile, Sentenza 20 settembre 2013, n. 21607



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME' Giuseppe - Presidente

Dott. DOGLIOTTI Massimo - Consigliere

Dott. GIANCOLA Maria Cristina - Consigliere

Dott. DIDONE Antonio - Consigliere

Dott. BISOGNI Giacinto - rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:



SENTENZA

sul ricorso proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell'avv.to (OMISSIS), rappresentato e difeso dall'avv.to (OMISSIS) per procura speciale in calce al ricorso;

- ricorrente -

contro

(OMISSIS), nella qualita' di tutore dei minori (OMISSIS) e (OMISSIS), rappresentata e difesa, per procura in calce al controricorso, dall'avv.to (OMISSIS) (che dichiara di voler ricevere le comunicazioni al fax (OMISSIS) ovvero all'indirizzo (OMISSIS)) e domiciliata presso lo studio dell'avv. (OMISSIS) (OMISSIS);

- controricorrente -

e nei confronti di:

(OMISSIS);

- intimata -

avverso la sentenza n. 64/2012 della Corte d'appello di Venezia emessa il 15 giugno 2012 e depositata il 30 luglio 2012, R.G.V.G. n. 135/2012;

sentito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. RUSSO Rosario Giovanni, che ha concluso come in atti.

FATTO E DIRITTO

Rilevato che:

1. A seguito di segnalazione del servizio sociale di (OMISSIS) e su iniziativa del Pubblico Ministero veniva promossa procedura sullo stato di abbandono di (OMISSIS) e (OMISSIS), figli naturali di (OMISSIS) e (OMISSIS), per le riscontrate inadeguatezze genitoriali nel prestare e assicurare ai figli adeguate cure morali e materiali e per le carenze igieniche riscontrate nell'abitazione di (OMISSIS), madre di (OMISSIS), in cui abitavano la (OMISSIS) e il (OMISSIS) insieme ai figli (OMISSIS) e (OMISSIS). Nel corso del procedimento la (OMISSIS) insieme ai figli veniva inserita nella comunita' alloggio Casa Accoglienza di (OMISSIS).

2. Il Tribunale per i minorenni di Verona con sentenza del 13 - 18 gennaio 2012 ha dichiarato lo stato di adottabilita' dei minori (OMISSIS) e (OMISSIS). Il Tribunale nel constatare la sussistenza di uno stato di abbandono ha rilevato che la madre aveva dimostrato nel corso del procedimento gravi difficolta' a provvedere all'accudimento dei figli e, dopo un periodo di convivenza in comunita', ne era uscita interrompendo ogni contatto con i figli. Il padre aveva, a sua volta, dimostrato scarse capacita' di provvedere al rapporto con i figli mentre questi ultimi avevano dimostrato difficolta' relazionali e vissuti traumatici, ritardi nella crescita, problematiche comportamentali e difficolta' di autoregolazione implicanti la necessita' di un contenimento emotivo, indifferenza nei confronti della madre, relazione inadeguata, perche' limitata al solo contesto ludico, con il padre. Era risultata altresi' la inadeguatezza della figura vicaria rappresentata dalla nonna.

3. Con separati ricorsi (OMISSIS) e (OMISSIS) hanno proposto appello. Il (OMISSIS) ha rilevato nella motivazione della Corte di appello una ingiustificata svalutazione della sua figura genitoriale. La (OMISSIS) ha illustrato le ragioni del suo allontanamento dalla comunita' e dai figli. Ha dedotto di aver reperito una occupazione lavorativa stabile e ha auspicato il ritorno dei figli minori presso di lei.

4. Sia il tutore dei minori, (OMISSIS), che il Pubblico Ministero hanno concluso per il rigetto dell'appello.

5. La Corte di appello di Venezia ha respinto gli appelli rilevando che la sentenza impugnata ha correttamente rilevato le gravi carenze riscontrate dagli operatori del servizio sociale e consistite nelle insufficienti attenzioni e cure prestate da entrambi i genitori. La Corte di appello ha rilevato che, a parere del consulente tecnico, entrambi i genitori non appaiono in grado di intraprendere un percorso di cambiamento che permetta alla madre di riavvicinarsi ai figli e al padre di rendersi maggiormente coinvolto nel rapporto genitoriale. La possibilita' di intraprendere tale percorso da parte dei genitori sarebbe comunque incompatibile con le esigenze e i tempi di crescita dei bambini che, a loro volta, hanno mostrato di avere sofferto di carenze affettive e di averne risentito sensibilmente nel loro processo evolutivo.

6. Propone ricorso per cassazione (OMISSIS) che si affida a un motivo di impugnazione con il quale deduce la violazione della Legge n. 184 del 1983, articoli 1, 8, 12 e 15, e la insufficienza, inesistenza, apparenza della motivazione su punti decisivi della controversia. Secondo il ricorrente la sentenza della Corte di appello contraddice l'orientamento giurisprudenziale consolidato secondo cui la dichiarazione di adottabilita' presuppone l'accertamento dell'impossibilita' della crescita del minore nella sua famiglia naturale nonostante gli interventi praticabili da parte dei servizi sociali. Contraddice inoltre il disposto della Legge n. 184 del 1983, articolo 1, secondo cui deve essere attribuito carattere prioritario all'esigenza del minore di vivere nella famiglia di origine. In altri termini la dichiarazione di adottabilita' non deve discendere dalla mera constatazione della inidoneita' dei genitori e parenti del minore senza che essa si accompagni all'ulteriore accertamento che tale inidoneita' abbia provocato danni gravi e irreversibili alla equilibrata crescita dei minori.

7. Propone controricorso (OMISSIS) nella sua veste di tutore dei minori (OMISSIS) e (OMISSIS) ed eccepisce la inammissibilita'/improponibilita' del ricorso per violazione dell'articolo 348 ter c.p.c., comma 5, e dell'articolo 360 c.p.c., n. 5, introdotto dalla novella contenuta nel Decreto Legge n. 83 del 2012, convertito in Legge n. 134 del 2012, che ha reso censurabile la sentenza per omessa motivazione. La controricorrente contesta poi nel merito le censure mosse alla sentenza e rileva che la Corte territoriale ha certamente applicato correttamente la normativa in materia di adozione constatando che i minori all'apertura del procedimento si trovavano in stato di abbandono e gravemente deprivati, che le indagini svolte avevano consentito di affermare gravi inadeguatezze di entrambi i genitori tali da poter essere ritenute non facilmente superabili in tempi compatibili con le esigenze di crescita dei figli gia' esposti a un grave pregiudizio derivante dall'accertato stato di abbandono.

Ritenuto che:

8. Il ricorso e' infondato. Il diritto del minore a vivere nella propria famiglia di origine incontra un limite, nello stesso interesse del minore, se si accerta la ricorrenza di una situazione di abbandono che legittimi la dichiarazione di adottabilita' qualora, a prescindere dagli intendimenti dei genitori, la vita da loro offerta al figlio sia inadeguata al suo normale sviluppo psico-fisico, cosicche' la rescissione del legame familiare e' l'unico strumento che possa evitargli un piu' grave pregiudizio ed assicurargli assistenza e stabilita' affettiva.

9. A questi principi si sono attenuti il Tribunale per i minorenni di Verona e la Corte di appello di Venezia nel decidere la controversia relativa alla dichiarazione di adottabilita' dei minori (OMISSIS) e (OMISSIS).

10. La prognosi negativa sulle capacita' genitoriali e le potenzialita' di recupero di (OMISSIS) e di (OMISSIS) si basa in primo luogo sulla valutazione espressa dal consulente tecnico e risulta confermata dal riscontro delle relazioni dei servizi sociali del Comune di (OMISSIS) che hanno compiuto una continuativa attivita' di osservazione del nucleo familiare per oltre due anni e specificamente nel periodo dal (OMISSIS) al (OMISSIS) in cui la (OMISSIS) e' rimasta insieme ai figli presso la Casa Accoglienza di (OMISSIS).

11. Per quanto riguarda le capacita' genitoriali la Corte di appello ha menzionato l'accertato difetto in entrambi i genitori della capacita' di comprendere le necessita' dei minori. In particolare la necessita' di una guida e di un sostegno educativo da parte dei genitori e di contatti piu' profondi e significativi con loro, indispensabili per poter comprendere e farsi comprendere. Questa necessita' di instaurare un rapporto continuativo e profondo con i figli non e' mai stata compresa e attuata (e nemmeno tentata di attuare) dai genitori negli oltre due anni di durata del periodo di osservazione all'interno della struttura di accoglienza. Inoltre la Corte di appello,. sempre attenendosi alle valutazioni del consulente tecnico,, ha riscontrato la incapacita' di entrambi i genitori di intraprendere un percorso di cambiamento che permetta alla madre di riavvicinarsi ai figli e al padre di modificare la sua personalita' al fine di poter coinvolgersi pienamente nel rapporto genitoriale. Rileva la Corte di appello che il padre, da quanto emerso nel periodo di osservazione, pur avendo continuato a incontrare i figli nelle visite protette, ha mantenuto con loro solo rapporti superficiali non interessandosi ai loro bisogni e dimostrando al servizio sociale di non volersi assumere la responsabilita' genitoriale sino al punto di non pagare la retta della mensa scolastica nonostante avesse trovato una occupazione lavorativa. A fronte di queste considerazioni derivate dal lungo periodo di osservazioni la Corte di appello ha concluso che ulteriori accertamenti, specificamente per quanto riguarda la tardivamente dichiarata volonta' del padre di voler finalmente assumere un vero ruolo genitoriale, comporterebbero soltanto un inutile protrarsi della permanenza nella struttura di accoglienza non compatibile con le esigenze e i tempi di crescita dei bambini.

12. Per quanto riguarda infatti i danni che sono derivati ai figli da questo stato di abbandono la Corte ha rilevato come sia stato accertato dal consulente che entrambi hanno sofferto delle carenze affettive con conseguenze negative sul loro processo evolutivo: " (OMISSIS) appare inibito e controllato nelle manifestazioni emotive, evidentemente preoccupato di non fare emergere il momento doloroso da lui affrontato e far figurare una svalorizzazione di se'; (OMISSIS) presenta un ritardo psico-motorio e difficolta' comportamentali, da un punto di vista cognitivo e nel linguaggio appare piu' piccolo della sua eta', mostra aggressivita' verso la madre. I due minori restano bloccati nella loro crescita e come in attesa di un cambiamento della propria situazione di vita per tornare a investire nelle figure genitoriali".

13. Alla luce di queste motivazioni della Corte di appello appaiono infondate le censure del ricorrente alla decisione confermativa della sentenza del Tribunale per i minorenni. In particolare e' infondato che sia mancato un positivo accertamento di danni gravi e irreversibili alla crescita dei minori derivanti dalle carenze genitoriali. Ne' puo' condividersi che sia mancata una concreta verifica delle risorse del padre e in particolare sia mancata l'offerta di un supporto adeguato per poter effettuare un cambiamento costruttivo del suo comportamento e della sua personalita' a favore dei figli.

14. Il ricorso va pertanto respinto. La considerazione della delicatezza della controversia e della posizione socialmente sfavorevole del ricorrente nonche' della responsabilita' primaria della madre nella strutturazione di uno stato di abbandono dei figli, fattori che hanno avuto una decisiva importanza nella tardiva comprensione della gravita' della situazione e delle proprie manchevolezze, come egli stesso ha riconosciuto, giustifica la integrale compensazione delle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e compensa interamente le spese del giudizio di cassazione. Dispone che in caso di diffusione del presente provvedimento siano omesse le generalita' e gli altri dati identificativi a norma del Decreto Legislativo n. 196 del 2003, articolo 52.

INDICE
DELLA GUIDA IN Minorile

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 253 UTENTI