Infortunistica stradale: Guide e Consulenze Legali

Hai subito un incidente stradale?

Ottieni il giusto risarcimento del danno
a Zero rischi e Zero spese

Risulta superata la presunzione di concorso di colpa di cui all'articolo 2054 cod. civ., comma 2, se è eccartato il mancato rispetto del segnale di stop

Il segnale di "stop" pone a carico dei conducenti di autoveicoli l'obbligo di arrestare sempre e comunque la marcia del proprio mezzo, quand'anche la strada nella quale intendano confluire sia sgombra da veicoli; ne consegue che se il giudice di merito accerti che un sinistro stradale e' da ascriversi, sotto il profilo eziologico, esclusivamente al comportamento colpevole del conducente che ha omesso di rispettare il segnale di stop, risulta superata la presunzione di concorso di colpa di cui all'articolo 2054 cod. civ., comma 2, avendo tale presunzione funzione meramente sussidiaria, operante solo se non sia possibile in concreto, accertare le rispettive responsabilita' (cfr. Cass. n. 4055/2009).

Corte di Cassazione Sezione 3 Civile, Sentenza del 31 marzo 2011, n. 7439



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PREDEN Roberto - Presidente

Dott. SEGRETO Antonio - rel. Consigliere

Dott. AMATUCCI Alfonso - Consigliere

Dott. SPIRITO Angelo - Consigliere

Dott. AMENDOLA Adelaide - Consigliere

ha pronunciato la seguente:



SENTENZA

sul ricorso proposto da:

CI. MA. (OMESSO), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CASSIODORO 9, presso lo studio dell'avvocato BLASI SERGIO, rappresentato e difeso dall'avvocato FRANCESCHINI ROSELLA giusta delega a margine del ricorso;

- ricorrente -

contro

CA. AS. S.P.A. (OMESSO) in persona del legale rappresentante pro tempore BE. FA. , elettivamente domiciliata in ROMA, VLE MAZZINI 114/B, presso lo studio dell'avvocato MELUCCO GIORGIO, che la rappresenta e difende giusta delega a margine del controricorso;

DI. DO. SE. (OMESSO), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA LEONIDA RECH 76, presso lo studio dell'avvocato POERIO GIUSEPPE, rappresentato e difeso dall'avvocato TRIVELLIZZI PIERLUIGI giusta delega a margine del controricorso;

- controricorrenti -

avverso la sentenza n. 800/2005 della CORTE D'APPELLO di L'AQUILA, emessa il 16/3/2005, depositata il 22/09/2005, R.G.N. 42/2003;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 16/02/2011 dal Consigliere Dott. ANTONIO SEGRETO;

udito l'Avvocato SERGIO BLASI per delega dell'Avvocato ROSELLA FRANCESCHINI;

udito l'Avvocato FEDERICA MELUCCO per delega dell'Avvocato GIORGIO MELUCCO;

udito l'Avvocato FEDERICA MELUCCO per delega dell'Avvocato PIERLUIGI TRIVELLIZZI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. SGROI Carmelo che ha concluso per il rigetto del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Ca. Ma. conveniva davanti al tribunale di Teramo Di. Do. Se. e la No. As. per sentirli condannare in solido al risarcimento dei danni, conseguenti a sinistro stradale tra l'auto del Di. Do. ed il ciclomotore dell'attore.

Il tribunale rigettava la domanda.

La corte di appello di L'Aquila, adita dall'attore, con sentenza depositata il 22.9.2005 rigettava l'appello sul rilievo che andava affermata la responsabilita' esclusiva dell'attore, che aveva invaso la corsia opposta, dove viaggiava il convenuto, e che non si era fermato allo stop.

Avverso questa sentenza ha proposto ricorso per cassazione l'attore, che ha anche presentato memorie.

Resistono con rispettivi controricorsi sia Di. Do. che la Ca. As. s.p.a..

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo di ricorso il ricorrente lamenta la violazione degli articoli 132 e 161 c.p.c., in relazione all'articolo 360 c.p.c., n. 3, per non avere il giudice di appello ritenuta la nullita' della sentenza di primo grado, pur in assenza della trascrizione delle conclusioni.

2. Il motivo e' infondato.

Infatti la mancata trascrizione delle conclusioni delle parti non costituisce di per se motivo di nullita' della sentenza occorrendo che a tal fine l'omissione abbia in concreto inciso sull'attivita' del giudice nel senso di avere determinato o una mancata pronuncia sulle domande o sulle eccezioni oppure un difetto di motivazione in ordine a punti decisivi prospettati (Cass. n. 12036/2000).

La sentenza impugnata ha rilevato correttamente che la sentenza di primo grado si e' pronunziata su tutte le questioni prospettate con le conclusioni in tema di responsabilita' dell'incidente, con la conseguenza che correttamente i giudici di appello hanno rilevato che era assorbita ogni ulteriore questione sulla congruita' della somma richiesta come danno.

3. Con il secondo motivo di ricorso il ricorrente lamenta la violazione dell'articolo 2054 c.c., nonche' il vizio di motivazione della sentenza in tema di ricostruzione di incidente, ai sensi dell'articolo 360 c.p.c., n. 3 e 5.

Il ricorrente sostiene che la corte territoriale abbia erratamente valutato le risultanze processuali ed in ogni caso che non abbia tenuto conto della presunzione di colpa di cui all'articolo 2054 c.c. gravante anche sull'altro conducente fino a prova contraria.

4. Il motivo e' infondato.

Come costantemente affermato da questa Corte, in tema di responsabilita' da sinistri derivanti dalla circolazione stradale, l'apprezzamento del giudice del merito in ordine alla ricostruzione delle modalita' di un incidente e al comportamento delle persone alla guida dei veicoli in esso coinvolti si concretizza in un giudizio di mero fatto che resta insindacabile in sede di legittimita', quando sia adeguatamente motivato e immune da vizi logici e da errori giuridici (Case. 2/03/2004, n. 4186; Cass. 05/04/2003, n. 5375).

Nella fattispecie il giudice di appello ha ricostruito l'incidente stradale sulla base degli accertamenti effettuati dai C.C. nonche' delle deposizioni dei testi ed ha ritenuto che l'incidente si e' verificato per colpa esclusiva dell'attore che non si era arrestato al segnale di stop ed aveva invaso la corsia opposta. Il segnale di "stop" pone a carico dei conducenti di autoveicoli l'obbligo di arrestare sempre e comunque la marcia del proprio mezzo, quand'anche la strada nella quale intendano confluire sia sgombra da veicoli; ne consegue che se il giudice di merito accerti che un sinistro stradale e' da ascriversi, sotto il profilo eziologico, esclusivamente al comportamento colpevole del conducente che ha omesso di rispettare il segnale di stop, risulta superata la presunzione di concorso di colpa di cui all'articolo Cass. n. 4055/2009).

L'incidente si e' verificato ben all'interno della corsia di marcia del Di. Do. e non in quella dell'attore, il quale non si era arrestato al segnale di stop e non aveva dato la precedenza all'auto antagonista.

Trattasi di valutazione fattuale, che rientra negli esclusivi poteri del giudice di merito mentre la censura sul punto si risolve in una diversa lettura delle risultanze processuali, che non puo' essere effettuata da questa corte di legittimita'.

5. Il ricorso va rigettato ed il ricorrente va condannato al pagamento delle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso. Condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione sostenute dai resistenti e liquidate per ciascuno in complessivi euro 1200,00, di cui euro 200,00, per spese, oltre spese generali ed accessori di legge.

 

INDICE
DELLA GUIDA IN Infortunistica stradale

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 356 UTENTI