Danno biologico

LA lesione all'integrità psico-fisica, suscettibile di valutazione medico legale.

L’art. 13 d.lgl 38/2000 ha esteso la tutela del danno biologico definito come “lesione all’integrità psico-fisica, suscettibile di valutazione medico legale".

Un esempio di danno biologico riconducibile ad un infortunio sul lavoro è quello di un infarto cagionato da stress da superlavoro. Il risarcimento del danno biologico è determinato con riferimento alle menomazioni prodotte dall' infortunio (indennizzo reddituale) in misura indipendente dalla capacità di produzione di reddito del soggetto danneggiato.

La lesione della integrità psico - fisica è valutata sulla base di apposite tabelle in cui si tiene conto degli aspetti dinamico relazionali. Le prestazioni stabilite in presenza di danno biologico sono le seguenti:

  • Indennizzo in capitale - quando la menomazione riportata dal danneggiato è di grado compreso tra il 6° e 15°;
  • Rendita - per il danno biologico specifico
  • Rendita - per indennizzo delle conseguenze dell’infortunio: quando la menomazione riportata dal danneggiato è di grado pari o superiore al 16°;

Viene generalmente ricompreso nella categoria del danno biologico il c.d. MOBBING che la dottrine più recente individua in una situazione di disagio profondo e in vere e proprie turbe derivanti dalla discriminazione e dalla emarginazione patite del lavoratore negli ambienti di lavoro. A seguito dei reiterati ed illeciti comportamenti posti in essere dal datore di lavoro o, dai superiori gerarchici o dai colleghi . Comportamenti tendenti a allontanare espellere emarginare il dipendente non gradito. Tra questi ad es. il mancato rispetto delle norme contrattuali sul mansionamento, la dequalificazione professionale, visite fiscali assillanti, sanzioni disciplinari reiterate, ecc.


INDICE
DELLA GUIDA IN Infortuni sul lavoro

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 263 UTENTI