Penale: Guide e Consulenze Legali

Consulenza legale

Ricevi una consulenza in Diritto Penale
in 48 ore comodamente tramite email

È possibile proporre una nuova richiesta di patteggiamento se il giudice, poi astenutosi dalla causa, ha rifiutato la prima proposta

È possibile che, dopo il rigetto di una prima richiesta di applicazione della pena da parte del giudice del dibattimento, a una successiva udienza cui il dibattimento sia stato rinviato, le parti si accordino per una diversa richiesta davanti a un diverso decisore, sempre che ciò avvenga prima dell'apertura del dibattimento. Nulla osta infatti a che il nuovo giudice del dibattimento prenda in considerazione la diversa richiesta, essendo d'altro canto irrilevante che il pubblico ministero di udienza avesse espresso dissenso, dato che una volta che consenso sia prestato da qualunque delle parti sulla proposta formulata dall'altra, esso è irretrattabile.

Corte di Cassazione Sezione 6 Penale, Sentenza del 4 luglio 2011, n. 26058



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AGRO' Antonio S. - Presidente

Dott. IPPOLITO Francesco - Consigliere

Dott. LANZA Luigi - Consigliere

Dott. CONTI Giovanni - rel. Consigliere

Dott. CALVANESE Ersilia - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

Bi. Gi. , nato a (OMESSO);

avverso la sentenza del 19/06/2008 della Corte di appello di Genova;

visti gli atti, la sentenza denunziata e il ricorso;

udita in pubblica udienza la relazione svolta dal Consigliere Dott. Giovanni Conti;

udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale Dott. IACOVIELLO Francesco Mauro, che ha concluso per l'annullamento con rinvio limitatamente all'attenuante di cui all'articolo 73, comma 5, Testo Unico stup., e per il rigetto nel resto;

udito l'avv. Mauro Giaquinto, in sostituzione dell'avv. Francesca Meucci, che ha concluso per l'accoglimento del ricorso.

RITENUTO IN FATTO

1. Con sentenza del 19 giugno 2008, la Corte di appello di Genova, in parziale riforma della sentenza del 20 aprile 2005 del Tribunale di Massa, appellata da Bi.Gi. , riduceva ad anni sei, mesi due di reclusione ed euro 26.100 di multa la pena inflitta al medesimo in quanto responsabile del reato di cui al Decreto del Presidente della Repubblica n. 309 del 1990, articolo 73, per avere detenuto a fini di cessione a terzi gr. 10 circa di cocaina, suddivisi in dieci confezioni (in (OMESSO)).

2. La Corte di appello, rigettate alcune questioni di natura processuale tra cui quella relativa alla revoca da parte del pubblico ministero di primo grado del consenso prestato ad una pena patteggiata, e ritenuta manifestamente infondata una questione di costituzionalita' sollevata dall'appellante relativamente al 73, comma 5, Testo Unico stup., considerato anche che una precedente sentenza di applicazione di pena su ricorso del Procuratore generale distrettuale, era stata annullata dalla Corte di cassazione Proprio su tale punto.

3. Ricorre per cassazione l'imputato, con atto sottoscritto personalmente recante l'autentica del difensore avv. Francesca Meucci.

3.1. Con un primo motivo ripropone la questione di costituzionalita' in riferimento all'articolo 77 Cost., del Decreto Legge n. 92 del 2008, articolo 2, convertito nella Legge n. 125 del 2008, che ha abrogato l'articolo 599 c.p.p., commi 4 e 5, disciplinanti il c.d. patteggiamento in appello, denunciando anche la irritualita' della statuizione della corte di appello che aveva dichiarato manifestamente infondata la questione non con separata ordinanza ma in sentenza e comunque la illogicita' della motivazione di essa, e rilevando che il decreto-legge in questione si ispirava alla esigenza del contrasto con fenomeni di criminalita' connessi alla immigrazione illegale e alla criminalita' organizzata, con la quale nulla aveva a che fare la soppressione dell'istituto in questione.

3.2. Con un secondo motivo denuncia la violazione di legge e il vizio di motivazione in punto di mancata qualificazione della fattispecie in esame come detenzione personale o come uso di gruppo di sostanze stupefacenti, come tali non punibili, evidenziando che nella sentenza impugnata si disattende sbrigativamente e illogicamente la deposizione del fratello dell'imputato, Ma. , secondo cui la droga era stata acquistata da un gruppo di amici che avevano versato 500 euro a testa per farne consumo personale, il fatto che l'imputato stava andando in discoteca in compagnia di altre persone e la circostanza, documentata, circa le sue condizioni economiche e di consumatore di sostanze stupefacenti.

3.3. Con un terzo motivo denuncia la violazione di legge e il vizio di motivazione in punto di mancata qualificazione del fatto come fattispecie attenuata a norma dell'articolo 73, comma 5, Testo Unico stup., che ben poteva essere ravvisata, tenuto conto della occasionalita' della presenza dell'imputato, residente in (OMESSO), nel territorio di (OMESSO), del fatto che egli era in compagnia di altre persone cui era destinato lo stupefacente, del non particolarmente rilevante quantitativo complessivo, pari a gr. 9,250 e dell'assenza di indici indicativi di un commercio illecito.

3.4. Con un quarto motivo denuncia la violazione di legge e il vizio di motivazione in punto di illegittimita' della dichiarazione di inammissibilita' della istanza di patteggiamento adottata alla udienza del l6 febbraio 2005 dal Tribunale di Massa, dato che la nuova richiesta era formulata in termini diversi da quella avanzata nella precedente udienza del 21 gennaio 2005, allora rigettata, ed aveva ricevuto il consenso del pubblico ministero.

3.5. Con un quinto motivo denuncia la violazione di legge in punto di ritenuta legittimita' della revoca, da parte del pubblico ministero onorario di udienza, del consenso prestato dal pubblico ministero titolare del procedimento.

3.6. Con un sesto motivo denuncia la mancanza di motivazione in punto di riconoscimento delle attenuanti generiche, che aveva fatto oggetto di un motivo nuovo, non considerato dalla Corte di appello.

3.7. Con un settimo motivo denuncia il vizio di motivazione in punto di regolarita' delle operazioni del consulente tecnico di analisi della sostanza stupefacente, dato che dal relativo verbale risulta che la sostanza analizzata fu presa a campione da un unico reperto, e quindi non venne sottoposto a distinta analisi il contenuto delle dieci confezioni in sequestro.

4. Successivamente l'avv. Francesca Meucci ha depositato memoria, con la quale illustra ulteriormente le ragioni poste a fondamento del ricorso, in particolare, dei motivi relativi alla prospettata ipotesi dell'uso di gruppo e al mancato riconoscimento della ipotesi lieve di cui all'articolo 73, comma 5, Testo Unico stup., allegando dichiarazione della AUSL di Lucca circa il programma terapeutico intrapreso dall'imputato.

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Il quarto motivo di ricorso, che ha natura assorbente rispetto a ogni altro, e' fondato.

2. Risulta dagli atti che alla udienza del 16 febbraio 2005 (foll. 82 s), davanti al Tribunale di Massa, in composizione monocratica, venne presentata dal difensore dell'imputato, avv. Francesca Meucci, richiesta di applicazione di pena (anni due, mesi due di reclusione ed euro 4.000 di multa, qualificato il fatto ai sensi dell'articolo 73, comma 5, Testo Unico stup., senza sospensione condizionale della pena), cui era unito un atto con il quale il pubblico ministero, precedentemente alla udienza, in data 4 febbraio 2005, aveva prestato il proprio consenso.

Il pubblico ministero di udienza aveva pero' negato il consenso, e il Tribunale, in persona di diverso giudice monocratico, rilevato che una precedente richiesta di pena patteggiata era stata rigettata alla udienza del 21 gennaio 2005 (dal precedente giudice, che si era poi astenuto), e ritenuto che non era consentita la reiterazione di applicazione della pena "una volta che la stessa sia stata respinta da giudice di pari grado", dichiarava inammissibile la richiesta.

3. Deve in contrario affermarsi che nulla impedisce che dopo il rigetto di una prima richiesta di applicazione della pena da parte del giudice del dibattimento, a una successiva udienza cui il dibattimento sia stato rinviato le parti si accordino per una diversa richiesta davanti a un diverso giudice, sempre che cio' avvenga (come nella specie), prima dell'apertura del dibattimento (v. Sez. 5, n. 5154 del 19/02/1992, Fresta; e analoga ratio appare ricorrere nel caso di annullamento di sentenza di applicazione della pena da parte della corte di cassazione e successiva riproposizione della domanda ex articolo 444 cod. proc. pen., come affermato da Sez. U, n. 35738 del 27/05/2010, Calibe', Rv. 247841).

Nel caso in esame, la precedente richiesta di pena patteggiata era diversa (anni due di reclusione, senza esclusione della sospensione condizionale della pena). Nulla dunque ostava che il nuovo giudice del dibattimento la prendesse in considerazione, essendo d'altro canto irrilevante che il pubblico ministero di udienza avesse espresso dissenso, dato che una volta che il consenso sia prestato da una qualunque delle parti sulla proposta formulata dall'altra, esso e' irretrattabile (ex plurimis, Sez. 3, n. 39730 del 04/06/2009, Bevilacqua; Sez. 1, n. 1066 del 77/72/2008, dep. l3/01/2009, Quintano).

4. Conseguentemente, sia la sentenza impugnata sia quella di primo grado devono essere annullate, con rinvio al Tribunale di l'4assa, che dovra' prendere in esame la richiesta di applicazione della pena formulata dall'imputato, con il consenso del pubblico ministero, alla udienza del 16 febbraio 2005.

P.Q.M.

Annulla la sentenza impugnata nonche' quella del 20 aprile 2005 del Tribunale di Massa e rinvia al Tribunale predetto per il giudizio.

INDICE
DELLA GUIDA IN Penale

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 305 UTENTI