Penale: Guide e Consulenze Legali

Consulenza legale

Ricevi una consulenza in Diritto Penale
in 48 ore comodamente tramite email

E' truffa promettere il matrimonio per ottenere del denaro

Commette il reato di truffa chi inizia una relazione sentimentale con una donna promettendo di sposarla per ottenere somme di denaro necessarie per la futura casa coniugale e destinandole invece a necessità personali.
E' qaunto stabilito dalla Corte di Cassazione con sentenza n. 23857/2009.



- Leggi la sentenza integrale -

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE SECONDA PENALE

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

OSSERVA

[…] per il tramite dei proprio difensore ricorre per Cassazione avverso la sentenza 9.5.2008 con la quale la Corte d’Appello di Messina, confermando parzialmente la decisione 6.12.2006 del Tribunale di Barcellona pozzo di Gotto, lo condannava, per il reato di cui agli artt. 81 c. p. 640, 61 n. 7 cp. alla pena di mesi otto di reclusione, ritenute le circostanze attenuanti generiche equivalenti alla contestata aggravante, e lo condannava altresì al pagamento, in favore della parte civile costituita al pagamento di una provvisionale di €. 20.000.00 nonché alla rifusione delle spese da questa sostenute nella fase determinale in € 3.000,00 oltre Iva e cp.
In particolare la difesa del ricorrente richiede la pronuncia di annullamento della sentenza impugnata per violazione degli artt. 640, 61 a. 7 cp e 192 cpp in relazione all’art 606 lett. b) ed e) §2.) violazione degli artt. 640 e 61 n. 7 cp. 530 e 192 cpp in relazione all’art. 606 lett. b) ed e)cpp.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Va premesso, in fatto, che l’imputato, a seguito di proposizione di denuncia - querela è stato accusato e tratto a giudizio per rispondere del delitto ditruffa aggravata [1], perchè con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, con artifici e raggiri consistiti nel manifestare a […] la falsa intenzione di iniziare una relazione sentimentale a scopo di matrimonio con la stessa e di avere necessità di denari per preparare la futura casa coniugale e per sostenere le sue spese personali, procurava a sé un ingiusto profitto con pari danno per la parte offesa che gli consegnava la somma di 100.000.000 (cento milioni) tra contanti e assegni. Condannato in primo grado, l’imputato, appellando la sentenza eccepiva che il giudice di primo grado avrebbe dovuto mandarlo assolto, quantomeno ai sensi del II comma dell’art. 530 cpp. avendo il giudice dubitato della credibilità oggettiva della parte offesa. Sul punto, la Corte d’Appello ha affermato che la ricostruzione dei farti fornita dalla parte offesa in ordine all’abile raggiro operato dall’imputato ai suoi danni, ha provato una serie di riscontri, oltreché apparire verosimile e dotata di intrinseca logicità. Infatti la Corte d’Appello, dopo avere rilevato che non è emersa alcuna ragione di astio, ovvero di altro tipo per la quale la […] avrebbe dovuto accusare ingiustamente il prevenuto, ha affermato che elementi di riscontro dovevano essere rinvenuti nelle dichiarazioni di […]e di […] oltre che da […]. Dal complesso del materiale probatorio, la Corte d’Appello, confermando sostanzialmente la decisione con la quale il giudice di primo grado aveva altresì assolto l’imputato dal più grave delitto di estorsione (capo b della originaria rubrica della imputazione, ha dedotto, che il rapporto tra l’ imputato e la denunciante non era di semplice conoscenza, ma ben più profondo, costruito intorno ad un progetto comune con la prospettazione del quale, l’imputato ha risucchiato i risparmi della povera donna e non solo (pare che si si sia fatto consegnare 3 milioni dalla madre della parte offesa), senza dare corso alla realizzazione del progetto stesso.
Con il primo motivo di ricorso la difesa denuncia che i parametri adoperati dal giudice dell’Appello, nella valutazione della prova appaiono censurabili, perché non trovano riscontro e hanno solo valore di indizi. Il ricorrente inoltre si duole del fatto che la Corte d’Appello avrebbe valorizzato la deposizione della persona offesa, la cui credibilità è stata oggetto di censura non valutata in modo soddisfacente dai giudice del gravame.
Le censure mosse sono infondate, in termini corretti la Corte d’Appello (come peraltro il giudice di primo grado), prendendo sostanzialmente atto che la parte offesa denunciante era costituita anche parte civile (quindi titolare di pretese giuridiche verso l’imputato) ha valutato in modo particolarmente accurato le dichiarazioni di quest’ultima conformemente ai dettami della giurisprudenza di legittimità (Cass. sez. VI, 3.6.2004 Patella; Cass., sez VI, 4.U.2004 Zamberlan; Cass., sez. IV, 13.11.2003 Verardi), posto che, nell’ambito della vicenda processuale, assumevano un ruolo di assoluta centralità.
Dalla lettura della sentenza impugnata si evince infatti che la Corte territoriale ha sottoposto le dichiarazioni della parte offesa ad un vaglio di credibilità e coerenza intrinseca, sondando, fino ad escluderlo, se potessero sussistere ragioni recondite che potessero avere costituito da detonatore di una vendetta. La Corte inoltre ha dato conto di avere operato una verifica estrinseca delle dichiarazioni della stessa parte offesa, indicando ulteriori e diverse fonti di prova rappresentate da testimoni che, per la estraneità alla vicenda, sono stati considerati particolarmente attendibili. Poiché il giudice del merito ha dato pienamente conto dei criteri adottati e dei risultati acquisiti nella valutazione della credibilità e attendibilità della parte offesa, la valutazione del Giudice dell’appello non appare censurabile in questa sede, con la conseguenza che il motivo di ricorso, con il quale non sono denunciati specifici vizi della motivazione del provvedimento impugnato, deve essere rigettato. Con il secondo motivo il ricorrente sostiene che la sentenza di condanna va censurata perché si fonderebbe su una prova assolutamente indiziaria, mancando elementi di certezza in ordine alla prova del fatto.
La censura è manifestamente infondata e deve essere dichiarata inammissibile. Il giudizio di penale responsabilità dell’imputato si fonda su una prova che è costituita dalla deposizione della parte offesa come nella dichiarazione testimoniale della parte offesa deve essere considerata, per il suo contenuto, una prova storico - rappresentativa dei fatti oggetto del giudizio e non può essere degradata, per il suo contenuto in mero indizio. Come già affermato, tale dichiarazione testimoniale è stata sottoposta al vaglio di credibilità e, superandolo, può essere considerata pienamente utilizzabile nei suoi risultati. Di qui consegue che il riferimento probatorio assunto dalla Corte d’Appello (come dal giudice di primo grado) appare del tutto esaustivo e il fatto ascritto appare sufficientemente provato senza che vi sia m necessita di acquisire ulteriori elementi indiziari che lo confermino ulteriormente. Per tali ragioni il ricorso deve essere rigettato e il ricorrente deve essere condannato al pagamento delle spese processuali nonché alla rifusione delle spese sostenute dalla parte civile nel grado e che liquida in € 3.000.00 oltre Iva e Cpa e accessori di legge.

P. Q. M.

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e alla rifusione alla parte civile di spese e compensi che liquida in € 3.000,00 oltre Iva. Cpa e accessori di legge.

DEPOSITATA IN CANCELLERIA IL 9 GIUGNO 2009

INDICE
DELLA GUIDA IN Penale

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 1588 UTENTI