Penale: Guide e Consulenze Legali

Consulenza legale

Ricevi una consulenza in Diritto Penale
in 48 ore comodamente tramite email

La coltivazione diretta di cannabis è reato anche se la coltivazione è destinata all'uso personale

Costituisce condotta penalmente rilevante qualsiasi attivita' non autorizzata di coltivazione di piante dalle quali sono estraibili sostanze stupefacenti, anche quando sia realizzata per la destinazione del prodotto a uso personale, essendo irrilevante ai fini della sussistenza del reato la distinzione tra coltivazione tecnico-agraria e coltivazione domestica. Resta fermo che il giudice di merito avra' ampio spazio di valutazione circa la sussistenza del requisito della offensivita' concreta del fatto, in quanto spetta al giudice di merito verificare se la condotta accertata sia assolutamente inidonea a porre a repentaglio il bene giuridico protetto; con la precisazione che la condotta e' "inoffensiva" se il bene tutelato non e' stato leso o messo in pericolo anche in grado minimo; e, nello specifico reato qui considerato, se la sostanza ricavabile dalla coltivazione non e' idonea a produrre un effetto stupefacente in concreto rilevabile.

Corte di Cassazione Sezione 6 Penale, Sentenza del 4 maggio 2010, n. 16843



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AGRO' Antonio S. - Presidente

Dott. CORTESE Arturo - Consigliere

Dott. LANZA Luigi - Consigliere

Dott. CONTI Giovanni - Consigliere

Dott. FAZIO Anna Maria - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

Procuratore generale della Repubblica presso la Corte di appello di Cagliari, nei confronti di:

DE. MO. Da. , n. a (OMESSO);

avverso la sentenza in data 28 settembre 2007 del Tribunale di Cagliari;

Visti gli atti, la sentenza denunziata e il ricorso;

Udita in pubblica udienza la relazione fatta dal Consigliere Dott. CONTI Giovanni;

Udito il Pubblico ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale dott. SELVAGGI Eugenio, che ha concluso per l'annullamento con rinvio, e l'Avv. CAMPANELLI G..

FATTO E DIRITTO

Con la sentenza in epigrafe, il Tribunale di Cagliari, all'esito di giudizio abbreviato, assolveva DE. MO.Da. , perche' "il fatto non sussiste", dal reato di cui al Decreto del Presidente della Repubblica n. 309 del 1990, articoli 26 e 73, per avere coltivato nel suo giardino due piante di cannabis indica, alte rispettivamente m. 1,60 e 1,80.

Riteneva il Tribunale che la coltivazione domestica di due sole piante, fatte crescere in vaso, da cui poteva ricavarsi un limitato quantitativo di sostanza stupefacente, non e' inquadrabile nell'attivita' vera e propria di coltivazione, rivolta al mercato e quindi incompatibile con l'uso personale. Nella situazione in esame, la condotta rientrava dunque nel concetto di "detenzione", scriminata dalla ritenuta finalizzazione all'uso personale, desunto da vari indici obiettivi.

Ricorre direttamente per cassazione il Procuratore generale della Repubblica presso la Corte di appello di Cagliari, che denuncia la inosservanza ed erronea applicazione del Decreto del Presidente della Repubblica n. 309 del 1990, articoli 26, 28 e 73, osservando che costituisce condotta penalmente rilevante qualsiasi attivita' non autorizzata di piante dalle quali siano estraibili sostanze stupefacenti, anche quando sia realizzata per la destinazione del prodotto ad uso personale; condotta normativamente non assimilata a quella di detenzione, per la quale sola puo' tenersi conto della finalizzazione all'uso personale. Tale interpretazione era in linea con le pronunce in materia della Corte costituzionale (citandosi in particolare la sent. n. 360 del 1995) e da recente orientamento della giurisprudenza di legittimita'.

Osserva la Corte che il ricorso e' fondato, dovendosi aderire al principio di diritto espresso dalle Sezioni unite con la sentenza su 24 aprile 2008, ric. Di Salvia, seguita dalla successiva giurisprudenza di legittimita' (v. da ultimo Sez. 6, 9 dicembre 2009, Cammarota), secondo cui costituisce condotta penalmente rilevante qualsiasi attivita' non autorizzata di coltivazione di piante dalle quali sono estraibili sostanze stupefacenti, anche quando sia realizzata per la destinazione del prodotto a uso personale, essendo irrilevante ai fini della sussistenza del reato la distinzione tra coltivazione tecnico-agraria e coltivazione domestica.

La sentenza impugnata deve dunque essere annullata, con rinvio per nuovo giudizio al Tribunale di Cagliari, che si conformera' a detto principio di diritto, fermo restando che il Tribunale avra' ampio spazio di valutazione circa la sussistenza del requisito della offensivita' concreta del fatto, avendo le Sezioni unite, nella riferita sentenza, avuto cura di puntualizzare che spetta al giudice di merito verificare se la condotta accertata sia assolutamente inidonea a porre a repentaglio il bene giuridico protetto; con la precisazione che la condotta e' "inoffensiva" se il bene tutelato non e' stato leso o messo in pericolo anche in grado minimo; e, nello specifico reato qui considerato, se la sostanza ricavabile dalla coltivazione non e' idonea a produrre un effetto stupefacente in concreto rilevabile.

P.Q.M.

Annulla la sentenza impugnata e rinvia al Tribunale di Cagliari per nuovo giudizio.

INDICE
DELLA GUIDA IN Penale

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 310 UTENTI