Penale: Guide e Consulenze Legali

Consulenza legale

Ricevi una consulenza in Diritto Penale
in 48 ore comodamente tramite email

La distinzione tra critica ed invettiva è che la prima è validamente argomentata

Con sentenza n. 11662 del 20 marzo 2007, la Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione ha dettato i criteri distintivi tra critica ed invettiva o insulto, statuendo che l’elemento caratterizzante della critica, e tale da distinguerlo dall’insulto o invettiva, è l’argomentazione logica posta a suo fondamento. Nello specifico, a detta della S.C., affinché un giudizio critico possa ritenersi validamente  argomentato, occorre che esso sia  corredato da una “spiegazione”,  che renda manifesta al destinatario del messaggio la ragione della censura. Ne consegue, pertanto, che deve giudicarsi configurabile l’esimente del diritto di critica, nell’ipotesi in cui il discorso giornalistico abbia un contenuto prevalentemente valutativo e si sviluppi nell'alveo di una polemica intensa e dichiarata, su temi di rilevanza sociale, senza trascendere in attacchi personali, finalizzati all'unico scopo di aggredire la sfera morale altrui, non richiedendosi neppure, a differenza di quanto si verifica con riguardo al diritto di cronaca , che la critica sia formulata con riferimento a precisi dati fattuali, sempre che il nucleo ed il profilo essenziale di questi non siano strumentalmente travisati e manipolati.

INDICE
DELLA GUIDA IN Penale

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 1640 UTENTI