Penale: Guide e Consulenze Legali

Consulenza legale

Ricevi una consulenza in Diritto Penale
in 48 ore comodamente tramite email

La testimonianza del minore abusato è valida, anche laddove gli siano state poste domande suggestive.

Le prescrizioni contenute nella c.d. "Carta di Noto", pur essendo tale atto di autorevolissima rilevanza nella interpretazione delle norme che disciplinano l'audizione dei minori, rappresentano delle mere indicazioni metodologiche non tassative, con la conseguenza che l'eventuale inosservanza di dette prescrizioni non comporta la nullita' dell'esame, sia perche', in virtu' del principio di tassativita' delle nullita' vigente nel codice di rito, l'inosservanza di tali prescrizioni non e' riconducibile ad alcuna delle previsioni delineate dall'articolo 178 c.p.p., sia perche', come si e' detto, ai principi posti dalla "Carta di Noto" non puo' riconoscersi alcun valore normativo, trattandosi di "suggerimenti diretti a garantire l'attendibilita'... delle dichiarazioni" del minore e la "protezione psicologica" dello stesso, come si legge nella premessa della Carta stessa (cfr. Cass. Sez. 3, 14/12/2007 n. 6464, Granillo; Sez. 3, 10/4/2008 n. 20568, Gruden ed altro).

Corte di Cassazione Sezione 3 Penale, Sentenza del 8 marzo 2010, n. 9157



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ONORATO Pierluigi - Presidente

Dott. TERESI Alfredo - Consigliere

Dott. GENTILE Mario - Consigliere

Dott. SENSINI Maria Silvi - rel. Consigliere

Dott. MULLIRI Guicla I. - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

1) CO. ST. , N. IL (OMESSO);

avverso la sentenza n. 1483/2008 CORTE APPELLO di ROMA, del 11/06/2008;

visti gli atti, la sentenza e il ricorso;

udita in PUBBLICA UDIENZA del 28/10/2009 la relazione fatta dal Consigliere Dott. MARIA SILVIA SENSINI;

Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. SINISCALCHI Antonio, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

Udito, per la parte civile, l'Avv. Picchiani Angelo;

uditi i difensori avv. Arico' Giovanni, avv. Ferri Attilio Francesco.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1 - Con sentenza in data 11/6/2008, la Corte di Appello di Roma confermava la pronuncia del Tribunale di Rieti del 20/11/2007, con la quale Co. St. era stato condannato alla pena di anni sei di reclusione, oltre che alle pene accessorie ed al risarcimento dei danni in favore delle costituite parti civili, in quanto riconosciuto colpevole:

a) del reato di cui all'articolo 609 quater c.p., comma 1, n. 1 e comma 4 per aver compiuto, con piu' azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso ed in tempi diversi, atti sessuali con la minore di anni (OMESSO) Nu.Je. , consistiti nel toccarla nelle parti intime, nell'invitarla ad avere con lui rapporti sessuali di tipo orale e, in una occasione, nell'avere con la stessa un rapporto di tipo anale;

b) del reato di cui all'articolo 609 quinquies c.p., perche', con piu' azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso ed in tempi diversi, compiva atti sessuali in presenza della minore Nu.Je. , consistiti nel masturbarsi, al fine di farla assistere;

c) del reato di cui all'articolo 56 e 610 c.p. per aver compiuto atti idonei, diretti in modo non equivoco a costringere Nu.Je. ad omettere la denuncia nei suoi confronti.

Fatti commessi in (OMESSO) a partire dall'estate dell'anno (OMESSO), sino a data antecedente al (OMESSO).

2- Avverso la sentenza della Corte territoriale ha proposto ricorso per Cassazione il Co. , a mezzo dei difensori, deducendo:

2.1) difetto di motivazione rispetto alle doglianze difensive mosse con l'atto di appello; illogicita' e vizio della motivazione in ordine alla valutazione di attendibilita' del dichiarato della minore ed al rigetto della richiesta di rinnovazione della perizia sulle dichiarazioni della bambina.

In particolare, la sentenza del Tribunale aveva ritenuto l'attendibilita' della parte offesa analizzando i contenuti delle dichiarazioni dalla stessa rese in sede di incidente probatorio e ritenendo ulteriormente che la valutazione di attendibilita' fosse confermata dall'esame testimoniale delle psicologhe che avevano avuto in cura Je. , le quali avevano riferito come la stessa denotasse indicatori di abuso. Con l'atto di appello, tuttavia, si era evidenziata la scorrettezza del metodo prescelto, per la conduzione dell'esame, dalla dottoressa Pi. , la quale, ponendo domande in modo marcatamente suggestivo, aveva apertamente violato le linee guida della "Carta di Noto". In proposito, la sentenza impugnata, ignorando le obiezioni difensive, e pur non negando che quelle violazioni vi fossero state, aveva richiamato per relationem la pronuncia di primo grado, senza apprezzare l'incidenza delle suddette violazioni sulla formazione della prova e non fornendo alcuna risposta ai motivi di gravame. Sotto altro aspetto, la conferma del giudizio di attendibilita' della minore risultava basato su di un ragionamento del tutto illogico: infatti, sostenere che, in presenza di domande suggestive, le risposte dimostravano comunque la loro genuinita', era un assunto recante in se' profili di illogicita'.

Anche la cosiddetta autonomia del racconto, ritenuto dai giudici di merito elemento di riscontro alla genuinita' ed attendibilita' della minore, avendo la stessa fornito risposte svincolate dalle domande suggestive postele, non era stata correttamente apprezzata, in quanto le risposte fornite erano, in realta', frutto del fatto che la bambina aveva narrato i fatti di causa in altre occasioni, a diversi psicologi oltre che ai genitori, limitandosi, pertanto, a ripeterne il contenuto in sede di incidente probatorio. Per tali motivi sarebbe stata necessaria la rinnovazione dell'istruzione dibattimentale, al fine di procedere all'espletamento di una nuova perizia sulle dichiarazioni della minore;

2.2) inosservanza ed erronea applicazione della legge penale avuto riguardo al disposto di cui all'articolo 499 c.p.p., comma 3, in considerazione del non corretto approccio con la minore da parte della dottoressa Pi. , la quale, attraverso domande suggestive, aveva interferito sulla genuinita' della prova. Si chiedeva l'annullamento della sentenza.

MOTIVI DELLA DECISIONE

3 - Il ricorso va rigettato, essendo infondate le censure che lo sorreggono.

3.1) In particolare, destituita di fondamento e' la prima doglianza (cfr. 2.1). Secondo la giurisprudenza di questa Corte, in tema di valutazione probatoria: la deposizione della persona offesa dal reato, anche se quest'ultima non e' equiparabile a quella del testimone estraneo, puo', tuttavia, essere da sola assunta come fonte di prova, ove venga sottoposta ad un'indagine positiva sulla credibilita' soggettiva ed oggettiva di chi l'ha resa (cfr., ex multis, Cass. 7/11/2006 n. 2007; Cass. Sez. 3, 10/8/2005 n. 30422; Sez. 3, 29/1/2004 n. 3348);

la valutazione del contenuto delle dichiarazioni del minore - parte offesa in materia di reati sessuali, in considerazione delle complesse implicazioni che la materia stessa comporta, deve contenere un esame sia dell'attitudine psicofisica del teste ad esporre le vicende in modo esatto, sia della sua posizione psicologica rispetto al contesto delle situazioni interne ed esterne;

- nel caso di dichiarazioni accusatorie formulate da minori, il Giudice ha l'obbligo, al fine di escludere ogni possibilita' di dubbio o di sospetto che esse siano conseguenti ad un processo di auto o eterosuggestione, di sottoporre le accuse medesime ad attenta verifica, onde accertare se le stesse trovino obiettivo riscontro tra loro o con altri elementi di convalida gia' acquisiti, si' da poter escludere che esse possano derivare dalla immaturita' psichica o dalla facile suggestionabilita' del soggetto.

I Giudici di merito, nella fattispecie in esame, risultano essersi attenuti correttamente agli anzidetti principi, poiche' hanno;

- valorizzato, in primo luogo, la genesi della notizia di reato, emersa in modo del tutto spontaneo ed imprevedibile. In particolare, i genitori della bambina, Nu. Gi. e De. Ve. Lu. , riferivano che la sera del (OMESSO) la figlia Je. , che all'epoca aveva (OMESSO) anni, aveva lasciato una lettera per il padre, nella quale diceva che l'indomani doveva raccontargli una cosa molto importante, per la quale stava soffrendo tantissimo. Il giorno successivo, la bambina raccontava che lo zio la toccava, indicando le proprie parti intime ed, inoltre, che, in un'occasione, lo zio si era masturbato davanti a lei. La minore raccontava anche che il Co. le faceva vedere delle videocassette a contenuto pornografico, tra le quali anche alcuni video amatoriali in cui erano filmati rapporti sessuali tra l'imputato e la moglie, e che la rassicurava dicendo che queste erano cose "normali", che potevano essere fatte anche dallo zio con la nipote. Gli incontri erano avvenuti, per lo piu', nel garage del Co. , che le aveva anche offerto del denaro per convincerla ad avere rapporti con lui. Dopo il racconto ai genitori, la bimba era stata colta da uno stato di intensa agitazione ed aveva accusato una crisi di nervi. I genitori riferivano anche che, in precedenza, nell'estate del (OMESSO), Je. aveva detto alla madre - che poi lo aveva riferito al marito - che lo zio la "toccava", ma nessuno dei due aveva dato importanza alla cosa, pensando che la bambina scherzasse ed anche perche' enorme era la fiducia riposta nel prevenuto, "zio" acquisito della minore, avendo sposato la sorella del Nu. .

2) Hanno adeguatamente valutato l'esame della minore nel corso dell'incidente probatorio, esame condotto con l'ausilio della dottoressa Pi.Lu. , esperto di psicologia infantile nominato dal giudice per le indagini preliminari. Alla dottoressa Pi. , la minore raccontava anche di un rapporto anale avvenuto in campagna, a casa della nonna, all'interno di un magazzino. Je. narrava anche che il Co. le mostrava dei fogli presi da internet tramite un computer che aveva nell'ufficio del campo di calcio, gestendo - l'imputato - una squadra di calcio a (OMESSO);

3) hanno congruamente considerato le risultanze della relazione della dottoressa Pi. , la quale aveva affermato che Je. non presentava alcuna patologia di rilievo, essendo scomparsi i disturbi attentivi ed ipercinetici - manifestati a scuola - e per i quali la minore era stata seguita, nell'autunno del (OMESSO), dalla dottoressa To. , neuropsichiatra infantile presso il policlinico (OMESSO). Identico giudizio di attendibilita' era stato formulato, oltreche' dalla dottoressa To. , dalla dottoressa Lu. , anch'essa neuropsichiatra infantile, la quale aveva riferito che i tests somministrati alla bambina denotavano un livello intellettivo nella norma ed un'adeguata aderenza alla realta'. Tutte avevano riferito che Je. era una bambina assolutamente normale sotto il profilo della maturita' e delle cognizioni intellettive, come pure buono era il contatto con la situazione reale;

4) si sono soffermati sulla intrinseca coerenza e sulla reiterazione del narrato di Je. , ritenendo significativi degli abusi subiti alcuni sintomi (diarrea, pavor nocturnus, insonnia, depressione, tosse stizzosa), manifestati dalla bambina proprio a partire dall'estate del (OMESSO).

La Corte di Appello, pur dando atto di talune domande suggestive poste dalla dottoressa Pi. alla minore nel corso dell'incidente probatorio, ha ritenuto, tuttavia, di condividere l'impostazione del Tribunale, secondo cui il pur non sempre corretto approccio con la bambina da parte del consulente tecnico, era comunque superato dall'autonomia e dalla spontaneita' dimostrate dalla parte offesa nel rispondere alle domande: segno evidente che la stessa non era stata per nulla suggestionata dalle domande, non adagiandosi sulle stesse ed, anzi, negando che taluni fatti fossero accaduti.

Lamenta la difesa ricorrente che la psicologa, ponendo domande marcatamente suggestive, aveva apertamente violato le linee guida della "Carta di Noto", con conseguente vizio motivazionale della sentenza che su quelle dichiarazioni aveva fondato il proprio convincimento di colpevolezza.

L'assunto e' infondato. Questa Corte ha piu' volte osservato, in tema di esame testimoniale dei minorenni - parti offese nei reati di natura sessuale, che le prescrizioni contenute nella c.d. "Carta di Noto", pur essendo tale atto di autorevolissima rilevanza nella interpretazione delle norme che disciplinano l'audizione dei minori, rappresentano delle mere indicazioni metodologiche non tassative, con la conseguenza che l'eventuale inosservanza di dette prescrizioni non comporta la nullita' dell'esame, sia perche', in virtu' del principio di tassativita' delle nullita' vigente nel codice di rito, l'inosservanza di tali prescrizioni non e' riconducibile ad alcuna delle previsioni delineate dall'articolo 178 c.p.p., sia perche', come si e' detto, ai principi posti dalla "Carta di Noto" non puo' riconoscersi alcun valore normativo, trattandosi di "suggerimenti diretti a garantire l'attendibilita'... delle dichiarazioni" del minore e la "protezione psicologica" dello stesso, come si legge nella premessa della Carta stessa (cfr. Cass. Sez. 3, 14/12/2007 n. 6464, Granillo; Sez. 3, 10/4/2008 n. 20568, Gruden ed altro).

Nel caso di specie, il motivo e' comunque destituito di fondamento, in quanto gia' oggetto di specifica e puntuale valutazione da parte della Corte di merito, che ha diffusamente elencato le ragioni che militavano per la genuinita' ed attendibilita' della minore, al di la' del metodo di ascolto, non sempre appropriato e corretto.

3.2) Lamenta ancora la difesa che, anche a voler ammettere che la violazione delle prescrizioni contenute nella "Carta di Noto" non comporti alcuna nullita' dell'esame testimoniale, si pone, in ogni caso, il problema della sua utilizzabilita', trattandosi di atto assunto in violazione dell'articolo 499 c.p.p., comma 3 (cfr. 2.2).

Ritiene il Collegio che il motivo sia infondato.

L'articolo 499 c.p.p., comma 3, prevede che "nell'esame condotto dalla parte che ha chiesto la citazione del testimone e da quella che ha un interesse comune sono vietate le domande che tendono a suggerire le risposte".

A tale riguardo, vanno svolti due ordini di considerazioni: 1) la violazione del disposto di cui all'articolo 499 c.p.p., con riferimento alle caratteristiche delle domande che devono essere poste ai testimoni, non e' sanzionata da nullita', con la conseguenza che, per il principio di tassativita' vigente in materia di esame del teste condotto mediante la formulazione di domande non pertinenti o suggestive, la suddetta violazione non determina la nullita' dell'esame e, tanto meno, la inutilizzabilita', riferendosi, tale sanzione, alle prove vietate dal codice e non i certamente alla regolarita' della assunzione di quelle consentite; 2) l'inutilizzabilita' della testimonianza si verifica solo allorche' essa venga assunta in presenza di un divieto legislativo. Ora, il legislatore, mentre ha vietato in modo assoluto la formulazione di domande nocive, ossia quelle che tendono a condizionare con ogni mezzo la libera determinazione del teste, anche se poste dal giudice, ha circoscritto il divieto delle domande suggestive a quelle formulate dalla parte che ha chiesto l'esame e da quella che ha un interesse comune. Il divieto non vale, dunque, per il giudice, tenuto alla ricerca della verita' sostanziale, e neppure per l'ausiliario.

In tale ultimo caso, l'eventuale vizio di acquisizione delle dichiarazioni effettuate dal minore non integra un problema di utilizzabilita', ma potra' formare oggetto di gravame sotto il profilo della attendibilita' del risultato della prova a causa delle modalita' della sua assunzione. Nella specie, peraltro, anche tale profilo di censura e' destituito di fondamento, avendo, la sentenza impugnata, offerto corretta ed esaustiva motivazione in punto di ritenuta attendibilita' della parte offesa, tenendo adeguatamente conto dei rilievi difensivi, che gia' nella sede di merito avevano censurato le ritenute illegittime modalita' di ascolto della minore.

Cio' posto, destituita di fondamento e' anche la doglianza relativa al difetto di motivazione in punto di mancata rinnovazione dell'istruzione dibattimentale al fine di procedere a nuova perizia sulla parte offesa.

Secondo le costanti pronunce di questa Corte, la rinnovazione dell'istruzione dibattimentale in appello e' consentita, ai sensi dell'articolo 603 c.p.p., comma 1, solo quando il giudice di quel grado non sia in grado di decidere allo stato degli atti. Si palesa, quindi, evidente, che la motivazione della gravata sentenza implica la assoluta esaustivita' del materiale probatorio acquisito ai fini del decidere.

4 - Il ricorso va, conclusivamente, rigettato, con conseguente condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali.

Il Co. va, inoltre, condannato alla rifusione delle spese di parte civile, liquidate in euro 2.500,00, oltre accessori di legge.

P.Q.M.

La Corte Suprema di Cassazione rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali ed alla rifusione delle spese di parte civile, che liquida in euro 2.500,00, oltre accessori di legge.

INDICE
DELLA GUIDA IN Penale

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 2824 UTENTI