Penale: Guide e Consulenze Legali

Consulenza legale

Ricevi una consulenza in Diritto Penale
in 48 ore comodamente tramite email

Non commette alcun reato il padre che dona al figlio il bene pignorato se la donazione è stata trascritta prima del pignoramento

Ai fini del pignoramento immobiliare, la trascrizione assume un’importanza determinante per dare vita al vincolo d’indisponibilità relativa a favore del creditore pignorante e dei creditori che intervengono nell’esecuzione. Proprio perché l’essenza del pignoramento consiste nel creare tale vincolo d’indisponibilità, la trascrizione ha in questo caso funzione costitutiva e non meramente dichiarativa, con l’effetto che il pignoramento, anche tra creditore e debitore, si perfeziona solo dal momento della trascrizione e non da quello anteriore della notificazione. Ciò posto, non può ritenersi che l’immobile donato dall’imputato – debitore al proprio figlio sia stato sottratto al pignoramento, in quanto tale atto introduttivo dell’esecuzione forzata, al momento della donazione, non era stato ancora perfezionato. (Corte di Cassazione Sezione 6 Penale, Sentenza del 28 settembre 2009, n. 38099)



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SESTA SEZIONE PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.:

Dott. LATTANZI GIORGIO PRESIDENTE

1. Dott. AGRO' ANTONIO CONSIGLIERE

2. Dott. MILO NICOLA "

3. Dott. IPPOLITO FRANCESCO "

4. Dott. CONTI GIOVANNI "

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

1) (Omissis) N. IL (...)

visti gli atti, la sentenza ed il ricorso

udita in PUBBLICA UDIENZA la relazione fatta dal Consigliere MILO NICOLA

udito il P.G. in persona del dr. A. Mura, che ha concluso per l'inammissibilità del ricorso;

non è comparso il difensore.

Fatto e diritto

La Corte d'Appello di Caltanissetta, con sentenza 3/6/2008, confermava la pronuncia di condanna 23/10/2007 emessa dal Tribunale di Gela nei confetti di (Omissis) dichiarato colpevole del reato di cui all'art. 388/3° c.p., perché, dopo la notifica, in data 13/10/2001, dell'atto di pignoramento immobiliare del locale sito in via Pa. n. (...) di Ge., aveva donato detto bene al figlio con atto notarile del 19/10/2001.

Il Giudice distrettuale, pur rilevando che il pignoramento, promosso dal fratello (Omissis) dell'imputato per il recupero di un credito per prestazioni professionali, non era stato trascritto prima dell'atto di donazione dell'immobile, riteneva sussistente il reato, perché comunque si era creato un ostacolo al regolare e tempestivo espletamento della procedura esecutiva.

Ha proposto ricorso per cassazione, tramite il proprio difensore, l'imputato, lamentando l'erronea applicazione della legge penale, con riferimento all'art. 388/3° c.p., sotto il profilo che la donazione dell'immobile di cui si discute era assolutamente inidonea a sottrarre il bene al pignoramento, considerato che, a norma dell'art. 2913 c.c., non poteva avere effetto in pregiudizio del creditore pignorante.

Il ricorso è fondato.

Osserva la Corte che assume importanza centrale quanto, in punto di fatto, accertato in sede di merito: l'atto di pignoramento immobiliare, il c.d. "libello", risulta essere stato notificato al debitore il 13/10/2001, senza essere, però, trascritto; l'atto di donazione dell'immobile è del successivo giorno 19 e risulta essere stato tempestivamente trascritto.

Alla luce di tale realtà fattuale, devono trarsi le conclusioni in diritto che seguono.

Ai fini del pignoramento immobiliare, la trascrizione assume un'importanza determinante per dare vita al vincolo d'indisponibilità relativa a favore del creditore pignorante e dei creditori che intervengono nell'esecuzione. Proprio perché l'essenza del pignoramento consiste nel creare tale vincolo d'indisponibilità, la trascrizione ha in questo caso funzione costitutiva e non meramente dichiarativa, con l'effetto che il pignoramento, anche tra creditore e debitore, si perfeziona solo dal momento della trascrizione e non da quello anteriore della notificazione (cfr. art. 2693 c.c. in relazione agli art. 2913 e ss. c.c.)

Ciò posto, non può ritenersi che l'immobile donato dall'imputato-debitore al proprio figlio sia stato sottratto al pignoramento, in quanto tale atto introduttivo dell'esecuzione forzata, al momento della donazione, non era stato ancora perfezionato (cfr., in senso conforme, Cass. sez. VI 6/5/2008 n. 35854).

La condotta ascritta all'imputato non può, d'altra parte, inquadrarsi neppure del primo comma dell'art. 388 c.p., che punisce colui che compie sui propri beni atti simulati o fraudolenti, per sottrarsi all'adempimento degli obblighi civili nascenti da una sentenza di condanna, nozione nella quale deve farsi rientrare anche il decreto ingiuntivo esecutivo che a quella è assimilabile e che, nel caso in esame, costituisce il titolo in forza del quale fu attivata la procedura di esecuzione forzata. Difetta, infatti, nella condanna del prevenuto la modalità simulatoria deve, pertanto, essere annullata senza rinvio perché il fatto non sussiste.

P.Q.M.

Annulla senza rinvio la sentenza impugnata, perché il fatto non sussiste.

INDICE
DELLA GUIDA IN Penale

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 133 UTENTI