Penale: Guide e Consulenze Legali

Consulenza legale

Ricevi una consulenza in Diritto Penale
in 48 ore comodamente tramite email

Si configura il reato di concorso in omicidio colposo per il primario che, presente in sala operatoria come chirurgo, non interviene sull'errore dell'anestesista

L'apposizione di un sondino naso-gastrico - quale presidio terapeutico indispensabile -, l'omesso differimento dell'intervento chirurgico e la mancanza di altri accorgimenti atti ad evitare l'ingestione di materiale gastro-enterico determinavano la responsabilità del chirurgo per omissione, anche delle attività più propriamente riconducibili alle competenze del medico anestesista. Si configura il reato di concorso in omicidio colposo per il primario che, presente in sala operatoria come chirurgo, non interviene sull'errore dell'anestesista. Vige infatti l'obbligo del controllo preventivo da parte del primario chirurgo al quale resta, nel dubbio, la facoltà di rinviare l'intervento se il malato non corre un pericolo immediato di vita.

Corte di Cassazione, civile, Sentenza 3 settembre 2012, n. 33615



- Leggi la sentenza integrale -

L’apposizione di un sondino naso-gastrico – quale presidio terapeutico indispensabile -, l’omesso differimento dell’intervento chirurgico e la mancanza di altri accorgimenti atti ad evitare l’ingestione di materiale gastro-enterico determinavano la responsabilità del chirurgo per omissione, anche delle attività più propriamente riconducibili alle competenze del medico anestesista.
Si configura il reato di concorso in omicidio colposo per il primario che, presente in sala operatoria come chirurgo, non interviene sull'errore dell'anestesista. Vige infatti l'obbligo del controllo preventivo da parte del primario chirurgo al quale resta, nel dubbio, la facoltà di rinviare l'intervento se il malato non corre un pericolo immediato di vita.

INDICE
DELLA GUIDA IN Penale

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 1853 UTENTI