L'acquisizione gratuita dell'opera abusiva al patrimonio disponibile del Comune non è incompatibile con l'ordine di demolizione emesso dal giudice, le cui spese sono a carico del condannato

L'acquisizione gratuita dell'opera abusiva al patrimonio disponibile del Comune, ai sensi dell'art. 31, 3° comma, del D.P.R. n. 380/2001, non è incompatibile con l'ordine di demolizione emesso dal giudice penale ed eseguito dal pubblico ministero. Infatti, nella prima parte del comma 5 dello stesso articolo, si stabilisce che l'opera acquisita al patrimonio comunale deve essere demolita con ordinanza del dirigente o responsabile dell'ufficio tecnico comunale, a spese del responsabile dell'abuso. Si avrebbe incompatibilità soltanto se, con deliberazione consiliare, a norma della seconda parte dello stesso comma 5, si fosse statuito di non dovere demolire l'opera acquisita [Cass., Sez. III: 31.1.2008, n. 4962, P.G. in proc. Mancini e altri; 23.1.2007, n. 1904, Turianelli; 29.11.2005, n. 43294, Gambino ed altro; 13.10.2005, n, 37120, Morelli; 20.5.2004, n. 23647, Moscato ed altro, 30.9.2003, n. 37120, Bommarito ed altro; 20.1.2003, n. 2406, Gugliandolo; 7.11.2002, n. 37222, Clemente; 17.12.2001, Musumeci ed altra; 29.12.2000, n. 3489, P.M. in proc. Mosca]. Sicché, l'acquisizione gratuita, in via amministrativa, é finalizzata essenzialmente alla demolizione, per cui non si ravvisa alcun contrasto con l'ordine demolitorio impartito dal giudice penale, che persegue lo stesso obiettivo. Il destinatario di tale ordine, a fronte dell'ingiunzione del P.M., allorquando sia intervenuta l'acquisizione amministrativa a suo danno, non potrà ottemperare all'ingiunzione medesima soltanto se il Consiglio comunale abbia già ravvisato (ovvero sia sul punto di deliberare) l'esistenza di prevalenti interessi pubblici al mantenimento delle opere abusive. In caso contrario, ha come sbocco unico ed obbligato la demolizione a spese del responsabile dell'abuso. Va rilevato, infine, che l'ordine di demolizione di cui all'art. 31, comma 9, del T.U. n. 380/2001, pur costituendo una statuizione sanzionatoria giurisdizionale, ha natura amministrativa, sicché ad esso non si estende il beneficio della sospensione condizionale della pena, che è applicabile, al contrario, alle pene accessorie. (Amb.Dir.)

Corte di Cassazione Sezione 3 Penale, Sentenza del 8 settembre 2010, n. 32952



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPO Ernesto - Presidente

Dott. LOMBARDI Alfredo Maria - Consigliere

Dott. FIALE Aldo - rel. Consigliere

Dott. MARINI Luigi - Consigliere

Dott. SARNO Giulio - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

1) DE. SO. GU. , N. IL (OMESSO);

avverso l'ordinanza n. 378/2009 TRIBUNALE di NAPOLI, del 22/09/2009;

sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. ALDO FIALE;

lette le conclusioni del PG, il quale ha chiesto il rigetto del ricorso.

FATTO E DIRITTO

A De. So. Gu. e' stata applicata pena concordata ex articolo 444 c.p.p. - per reati edilizi commessi in (OMESSO) - con sentenza 2.5.2008 del Tribunale monocratico di Napoli, avente autorita' di cosa giudicata dal 24.6.2008.

Con la stessa sentenza e' stata ordinata la demolizione delle opere abusive, ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001, articolo 31, comma 9, (Testo Unico) (gia' Legge n. 47 del 1985, articolo 7, u.c.).

Nella fase esecutiva il P.M. competente ha ingiunto la demolizione, ma il De. So. non vi ha ottemperato ed ha rivolto al giudice dell'esecuzione istanza di annullamento dell'ingiunzione demolitoria, prospettando che non avrebbe potuto legittimamente uniformarsi ad essa, essendosi gia' verificata l'acquisizione gratuita dell'immobile abusivo al patrimonio del Comune.

Il Tribunale monocratico di Napoli, quale giudice dell'esecuzione, all'esito del procedimento in camera di consiglio di cui all'articolo 666 c.p.p. - con ordinanza del 22.9.2009 - ha rigettato l'istanza sul rilievo che, anche nelle ipotesi in cui le opere abusive siano state effettivamente acquisite al patrimonio del Comune, opera tuttavia il potere-dovere del giudice penale di eseguire la demolizione disposta ex articolo 31, comma 9, del cit. Testo Unico, che puo' escludersi nei soli casi in cui sia intervenuta la deliberazione del Consiglio comunale che abbia dichiarato l'esistenza di prevalenti interessi pubblici, ovvero, comunque, l'ordine di demolizione medesimo risulti assolutamente incompatibile con atti amministrativi dell'autorita' competente, che abbiano conferito all'immobile altra destinazione o abbiano provveduto alla sua sanatoria.

Avverso tale ordinanza il De. So. ha proposto ricorso ed ha lamentato, con principale doglianza, che esso ingiunto non puo' considerarsi legittimato passivo nel procedimento di esecuzione, poiche' la costruzione abusiva ed il terreno in cui sorge sono diventati di proprieta' del Comune, a norma del Decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001, articolo 31, comma 3 ed il giudice penale non puo' comunque compromettere le ulteriori scelte discrezionali dell'Amministrazione comunale (demolizione di ufficio o utilizzazione a fini pubblici).

Ha lamentato altresi', che:

- non sarebbe stato possibile impartire l'ordine di demolizione, di cui all'articolo 444 c.p.p.;

- il beneficio della sospensione condizionale, a lui concesso, estenderebbe i suoi effetti anche alla sanzione demolitoria applicata;

- la ingiunzione esecutiva di demolizione avrebbe dovuto essere impartita non dal pubblico ministero ma dall'ufficio tecnico della Regione o dal Genio Civile.

Il ricorso deve essere rigettato, perche' infondato.

1. Secondo la giurisprudenza ormai costante di questa Corte Suprema, l'ordine di demolizione di cui all'articolo 31, comma 9, del cit. Testo Unico deve essere emesso, qualora ne ricorrano i presupposti, anche nei casi di applicazione della pena su richiesta delle parti, ex articolo 444 c.p.p. (vedi Cass.: Sez. Unite 15.5.1992 e, tra le decisioni piu' recenti, Sez. 3: 7.3.2008, Caccioppoli).

Alla sentenza di "patteggiamento", infatti, sono ricollegabili tutti gli effetti di una sentenza di condanna, ad eccezione di quelli espressamente indicati dall'articolo 445 c.p.p., comma 1, fra i quali non e' compresa la sanzione in oggetto (non trattandosi di pena accessoria ne' di misura di sicurezza).

A nulla rileva che l'ordine medesimo non abbia formato oggetto dell'accordo intercorso tra le parti, in quanto esso costituisce atto dovuto per il giudice, non suscettibile di vantazioni discrezionali e sottratto alla disponibilita' delle parti stesse, di cui l'imputato deve tenere comunque conto nell'operare la scelta del patteggiamento (vedi Cass., Sez. 3, 3.7.2000, n. 7617, Pusateri; 18.2.1998, n. 64, P.M. in proc. Corrado; 25.10.1997, n. 3107, P.M. in proc. Di Maro).

L'ordine di demolizione in oggetto, inoltre, resta eseguibile, qualora sia stato impartito con la sentenza di "patteggiamento", anche nel caso di estinzione del reato conseguente al decorso del termine di cui all'articolo 445 c.p.p., comma 2 (vedi Cass., Sez. 3, 6.7.2000, Callea e 12.1.2000, Giusta).

2. L'ordine di demolizione impartito dal giudice penale, assolvendo ad un'autonoma (unzione ripristinatoria del bene giuridico leso, ha natura di provvedimento accessorio rispetto alla condanna principale e costituisce esplicitazione di un potere sanzionatorio, non residuale o sostitutivo ma svincolato rispetto a quelli dell'autorita' amministrativa, attribuito dalla legge al giudice penale (vedi Cass., Sez. Unite, 24.7.1996, n. 15, rie. PM in proc. Monterisi; nonche' Cass., Sez. 3, 12.12.2006, De Rosa).

Deve ritenersi definitivamente superata, infatti, in materia urbanistica, "la visione di un giudice supplente dell'Amministrazione pubblica": lo stesso territorio costituisce l'oggetto della tutela posta dalla normativa penale urbanistica ed a tale tutela sostanziale si riconnette l'attribuzione al giudice del potere di disporre provvedimenti ripristinatoli specifici qualora perduri la situazione offensiva dell'interesse protetto dalla norma penale.

Se, dunque, il potere di ordinare la demolizione, attribuito al giudice penale pur essendo di natura amministrativa, e' rivolto al ripristino del bene tutelato in virtu' di un interesse (anche di prevenzione) correlato all'esercizio della potesta' di giustizia, il provvedimento conseguente compreso nella sentenza passata in giudicato, al pari delle altre statuizioni della sentenza medesima, e' assoggettato all'esecuzione nelle forme previste dall'articolo 655 e segg. c.p.p..

L'organo promotore dell'esecuzione va identificato, pertanto, nel pubblico ministero e non in altri organi amministrativi.

3. L'acquisizione gratuita dell'opera abusiva al patrimonio disponibile del Comune, ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001, articolo 31, comma 3, non e' incompatibile con l'ordine di demolizione emesso dal giudice penale ed eseguito dal pubblico ministero;

infatti, nella prima parte del comma 5 dello stesso articolo, si stabilisce che l'opera acquisita al patrimonio comunale deve essere demolita con ordinanza del dirigente o responsabile dell'ufficio tecnico comunale, a spese del responsabile dell'abuso.

Si avrebbe incompatibilita' soltanto se, con deliberazione consiliare, a norma della seconda parte dello stesso comma 5, si fosse statuito di non dovere demolire l'opera acquisita vedi Cass, Sez. 3: 31.1.2008, n. 4962, P.G. in proc. Mancini e altri; 23.1.2007, n. 1904, Turianelli; 29.11.2005, n. 43294, Gambino ed ahto; 13.10.2005, n. 37120, Morelli; 20.5.2004, n. 23647, Moscato ed altro, 30.9.2003, n. 37120, Bommarito ed altro; 20.1.2003, n. 2406, Gugliandolo; 7.11.2002, n. 37222, Clemente; 17.12.2001, Musumeci ed altra; 29.12.2000, n. 3489, P.M. in proc. Mosca.

L'acquisizione gratuita, in via amministrativa, e' finalizzata essenzialmente alla demolizione, per cui non si ravvisa alcun contrasto con l'ordine demolitorio impartito dal giudice penale, che persegue lo stesso obiettivo: il destinatario di tale ordine, a fronte dell'ingiunzione del P.M., allorquando sia intervenuta l'acquisizione amministrativa a suo danno, non potra' ottemperare all'ingiunzione medesima soltanto se il Consiglio comunale abbia gia' ravvisato (ovvero sia sul punto di deliberare) l'esistenza di prevalenti interessi pubblici al mantenimento delle opere abusive.

Ove il Consiglio comunale non abbia deliberato - invece - il mantenimento dell'opera, il procedimento sanzionatorio amministrativo (per le opere realizzate in assenza di permesso di costruire, in totale difformita' o con variazioni essenziali) ha come sbocco unico ed obbligato la demolizione a spese del responsabile dell'abuso.

Non si comprende, dunque, perche' il condannato non possa chiedere al Comune (divenuto frattanto proprietario) l'autorizzazione a procedere ad una ineludibile demolizione a proprie cura e spese ovvero perche', indipendentemente dalla proposizione o dalla sorte di una richiesta siffatta, l'autorita' giudiziaria non possa provvedere a quella demolizione che autonomamente ha disposto, a spese del condannato, restando comunque costui spogliato della proprieta' dell'area gia' acquisita al patrimonio disponibile comunale e con l'ulteriore conseguenza che i materiali risultanti dall'attivita' demolitoria (es. porte, impianti igienici, infissi, serrande etc.) spetteranno al Comune.

Trattasi di modalita' esecutive, che si affiancano alle procedure di cui all'articolo 41 del cit. Testo Unico, ed escludono qualsiasi interferenza dell'autorita' giudiziaria nella sfera della discrezionalita' amministrativa. Qualora si argomentasse in senso contrario si perverrebbe all'illogica conclusione che il giudice penale non potrebbe ordinare, in caso di condanna, la demolizione delle opere abusive tutte le volte in cui l'amministrazione comunale abbia ingiunto la demolizione e questa non sia stata eseguita dal responsabile dell'abuso nel termine di 90 giorni dalla notifica, tenuto conto che l'acquisizione avviene a titolo originario ed "ope legis", per il solo decorso del tempo, con il conseguente carattere meramente dichiarativo del successivo provvedimento amministrativo, che e' atto dovuto, privo di qualsiasi contenuto discrezionale.

E' ben difficile, del resto, ipotizzare si possa pervenire alla conclusione anche del primo grado di un procedimento penale in un periodo piu' breve o pari a quello la cui decorrenza comporta l'acquisizione automatica del bene.

4. Nella fattispecie in esame, il Consiglio comunale di Napoli non ha escluso (Decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001, ex articolo 31, comma 5, Testo Unico) la necessita' di procedere alla demolizione dell'immobile abusivo in oggetto, ne' ha ravvisato resistenza di prevalenti interessi pubblici al suo mantenimento previo accertamento di una situazione di inesistente contrasto con rilevanti interessi urbanistici ed ambientali.

Non risulta, infine, l'assunzione di provvedimenti ostativi dalla giurisdizione amministrativa.

5. Va rilevato, infine, che l'ordine di demolizione di cui all'articolo 31, comma 9, del cit. Testo Unico, pur costituendo una statuizione sanzionatori'a giurisdizionale, ha natura amministrativa, sicche' ad esso non si estende il beneficio della sospensione condizionate della pena, che e' applicabile, al contrario, alle pene accessorie (vedi, da ultimo, Cass., sez. 3, 5.7.2007, Moretti).

6. A norma dell'articolo 616 c.p.p., al rigetto del ricorso segue l'onere del pagamento delle spese del procedimento.

P.Q.M.

La Corte Suprema di Cassazione, visti gli articoli 607, 611 e 616 c.p.p., rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.

 

INDICE
DELLA GUIDA IN Urbanistica

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 209 UTENTI