Gli atti conservativi relativi ai diritti inerenti alle parti comuni spettano spettano, in linea di massima, all'assemblea dei condomini e rientrano tra le competenze affidate all'amministratore del condominio

Gli atti conservativi relativi ai diritti inerenti alle parti comuni spettano, in linea di massima, all'assemblea dei condomini e rientrano tra le competenze affidate all'amministratore del condominio. Quanto precede, peraltro, non esclude che ciascun condomino è titolare di un diritto proprio di godimento sui beni comuni e può tutelare tale diritto sia nei confronti degli altri condomini sia nei confronti di terzi, quando ritenga che il suo diritto sia in qualche modo violato, impedito o limitato nella sua esplicazione. Nella specie alcuni condomini avevano convenuto in giudizio un terzo perché fosse dichiarato che costui aveva impiantato una siepe di gelsomini in violazione delle distanze legali. Opponendo il convenuto la carenza di legittimazione attiva degli attori, il giudicante ha rigettato, sulla base dei rilievi esposti sopra, tale eccezione. (Giudice di Pace Bologna Sezione 4 Civile, Sentenza del 12 febbraio 2008)

INDICE
DELLA GUIDA IN Condominio

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 1663 UTENTI