Il condominio non è responsabile della cattiva coibentazione del solaio

Ai fini dell'attribuzione della responsabilita' prevista dall'articolo 2051 cod. civ. e' necessaria una relazione tra la cosa in custodia e l'evento dannoso (sent. 10 marzo 2009 n. 5741). Pertanto non è responsabile il Condoinio dell'inconveniente lamentato dai ricorrenti e consistenza nella circostanza che a causa della insufficiente coibentazione del solaio divisorio tra il loro appartamento ed il sottostante portico, nel periodo invernale si verifica una dispersione di calore di tale entita' da provare una differenza di temperatura di oltre 8/9 gradi fra quella rilevabile ad altezza di pavimento e quella ad altezza d'uomo ed ancor piu' a soffitto.

Corte di Cassazione Sezione 2 Civile, Sentenza del 18 febbraio 2011, n. 4012



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIOLA Roberto Michele - rel. Presidente

Dott. D'ASCOLA Pasquale - Consigliere

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria - Consigliere

Dott. CARRATO Aldo - Consigliere

Dott. SCALISI Antonino - Consigliere

ha pronunciato la seguente:



SENTENZA

sul ricorso proposto da:

FE. EL. C.F. (OMESSO), BE. LU. in FE. C.F. (OMESSO), elettivamente domiciliati in ROMA, VIA G. PISANELLI 2, presso lo studio dell'avvocato DI MEO STEFANO, che li rappresenta e difende unitamente all'avvocato CASINI PARIDE;

- ricorrenti -

e contro

COND (OMESSO);

- intimato -

e sul ricorso 22284-2005 proposto da:

COND. REGINA VIA NEWTON 35 43 MODENA P.I. (OMESSO) in persona dell'Amm.re pro tempore Rag. Gi. Ga. C.F. (OMESSO), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA A. DEPRETIS 86, presso lo studio dell'avvocato CAVASOLA PIETRO, che lo rappresenta e difende unitamente all'avvocato GUIDOTTI OTTAVIO;

- controricorrente e ricorrente incidentale -

e contro

FE. EL. , BE. LU. ;

- intimati -

avverso la sentenza n. 812/2004 della CORTE D'APPELLO di BOLOGNA, depositata il 25/05/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 26/01/2011 dal Presidente Dott. TRIOLA ROBERTO MICHELE;

udito l'Avvocato Di Meo Stefano difensore dei ricorrenti che si riporta agli atti;

udito l'Avv. Guidotti Ottavio difensore del resistente che si riporta agli atti;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. VELARDI Maurizio che ha concluso per l'accoglimento del ricorso principale e l'assorbimento dell'incidentale per le spese.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione notificato il 19 giugno 1997 Fe.El. e Be.Lu. convenivano davanti al Tribunale di Modena il condominio (OMESSO) e premesso di essere proprietari di un appartamento al primo piano soprastante il portico comune, chiedevano la condanna del condominio alla esecuzione dei lavori necessari ad eliminare l'inconveniente costituito dal fatto che a causa della insufficiente coibentazione del solaio divisorio tra il loro appartamento ed il sottostante portico, nel periodo invernale si verificava una dispersione di calore di tale entita' da provare una differenza di temperatura di oltre 8/9 gradi fra quella rilevabile ad altezza di pavimento e quella ad altezza d'uomo ed ancor piu' a soffitto.

Il condominio, costituitosi, contestava il fondamento della domanda.

Con sentenza in data 8 agosto 2001 il Tribunale di Modena condannava il condominio ad eseguire una chiusura mediante vetrata avente determinate caratteristiche dalla porzione di portico scoperto sottostante all'appartamento degli attori, secondo quanto consigliato dal C.T.U.

Il condominio proponeva appello, che veniva accolto dalla Corte di appello di Bologna, con sentenza in data 25 maggio 2004, la quale riteneva impraticabile la soluzione adottata dai giudici di primo grado, in considerazione della alterazione che la stessa comportava per il decoro architettonico dell'edifico condominale (inconveniente minimizzato dal C.T.U.) e della sua innegabile rilevanza urbanistica (inconveniente non preso in esame dal C.T.U.).

L'unica soluzione praticabile era quella costituita dalla apposizione di uno strato isolante sulla volta del soffitto del portico, in corrispondenza dell'appartamento degli attori.

La relativa spesa, pero', non poteva essere posta a carico del condominio, in applicazione dell'articolo 2043 cod. civ.

Contro tale decisione hanno proposto ricorso per cassazione, con un unico motivo, Fe.El. e Be.Lu. .

Resiste con controricorso il condominio, che ha anche proposto ricorso incidentale, con un unico motivo, con il quale si duole della compensazione parziale delle spese.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Va preliminarmente disposta la riunione dei ricorsi.

Con il primo motivo del ricorso principale Fe.El. e Be. Lu. insistono nel sostenere che l'inconveniente per cui e' causa comportava una responsabilita' del condominio ex articolo 2051 cod. civ.

Il motivo e' infondato.

A prescindere da alcune affermazioni criticabili contenute nella sentenza impugnata, la soluzione alla quale la stessa e' pervenuta va condivisa.

A prescindere dalla considerazione che nella specie gli inconvenienti denunciati dagli attuali ricorrenti derivano dalla insufficiente coibentazione di un solaio intermedio di cui gli stessi ai sensi dell'articolo 2051 cod. civ. e' necessaria una relazione tra la cosa in custodia e l'evento dannoso (sent. 10 marzo 2009 n. 5741) e che nella specie il danno lamentato non e' una conseguenza diretta delle modalita' costruttive del predetto solaio, ma dal fatto che le stesse, in determinate condizioni climatiche ed ove il riscaldamento condominiale venga effettuato rispettando la normativa in tema di risparmio energetico, secondo quando dedotto dagli stessi originari attori, non garantisce una comoda vivibilita' del loro l'appartamento degli attuali ricorrenti.

Con l'unico motivo del ricorso incidentale il condominio si lamenta del fatto che, senza alcuna motivazione, pur essendo esse risultato totalmente vincitore, sia stato condannato a rimborsare per meta' le spese di giudizio agli attori soccombenti.

Il motivo e' fondato, in quanto, essendo pacifico che l'esito della lite e' stato in toto favorevole al condominio, la condanna parziale delle spese a carico dello stesso deve ritenersi illegittima.

In definitiva, va rigettato il ricorso principale mentre va accolto il ricorso incidentale, con cassazione della sentenza impugnata sul punto e rinvio, per un nuovo esame ad altra sezione della Corte di appello di Bologna, che provvedera' anche in ordine alle spese del giudizio di legittimita'.

P.Q.M.

LA CORTE

riunisce i ricorsi; rigetta il ricorso principale; accoglie il ricorso incidentale e per l'effetto cassa la sentenza impugnata, con rinvio ad altra sezione della Corte di appello di Bologna anche per quanto riguarda le spese del giudizio di cassazione.
 

INDICE
DELLA GUIDA IN Condominio

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 1713 UTENTI