L'androne condominiale utilizzato per l'accesso veicolare è funzionalmente destinato anche alla sosta temporanea con veicoli

L'androne o cortile condominiale, comunemente utilizzato per l'accesso veicolare alle singole proprietà private, è funzionalmente destinato anche alla sosta temporanea con veicoli, trattandosi di uso accessorio al passaggio.
(Corte di Cassazione Sezione 2 Civile, Sentenza del 7 maggio 2008, n. 11204)



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CORONA Rafaele - Presidente

Dott. COLARUSSO Vincenzo - Consigliere

Dott. TRIOLA Roberto Michele - Consigliere

Dott. MALPICA Emilio - rel. Consigliere

Dott. MAZZACANE Vincenzo - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

CA. EL., in qualita' di erede di CA. AM., elettivamente domiciliata in ROMA LUNGOTEVERE MARZIO 1, presso lo studio dell'avvocato MACARIO FRANCESCO, che la difende, giusta delega in atti;

- ricorrente -

contro

NI. MI., elettivamente domiciliato in Roma VIALE PARIOLI 43, presso lo studio dell'avvocato D'AYALA VALVA FRANCESCO, che lo difende, giusta delega in atti;

- controricorrente -

e contro

PE. PA. FR., SC. GI., DI. GI. AN., EREDI DI D'. AN. nelle persone di TR. AU. AN., TR. BA., TR. AN., TR. PA. IO., TR. MA., TR. ST., AM. AL. in proprio e per i figli minori T. M., T. A.;

- intimati -

avverso la sentenza n. 826/03 della Corte d'Appello di BARI, depositata il 04/09/03;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 28/02/08 dal Consigliere Dott. MALPICA Emilio;

udito l'Avvocato MACARIO Francesco, difensore del ricorrente che ha chiesto accoglimento del ricorso;

udito l'Avvocato CORLEO Roberto con delega dell'Avvocato D'AYALA VALVA Francesco, difensore del resistente che ha chiesto il rigetto del ricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. FUZIO Riccardo, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il tribunale di Foggia, con sentenza 22.5.2000, accolse la domanda proposta da Ca. Am. nei confronti di Ni. Mi., riconoscendo al solo attore il diritto di ingresso carrabile nell'androne del palazzo di abitazione comune sito in (OMESSO), autorizzando il medesimo ad apporre all'ingresso un'asta metallica di sbarramento. Il giudizio si era svolto nel contraddittorio dei condomini Pe. Pa., che si era costituito, e D'. An., Sc. Gi. e Di. Gi. An., rimasti contumaci.

Avverso la sentenza propose appello Ni. Mi.; si costituirono in giudizio sia l'appellato Ca. Am. - il quale propose appello incidentale sulla regolazione delle spese - sia Pe. Pa. Fr., il quale aderi' all'appello principale. All'esito del giudizio, la corte di Bari, con sentenza n. 826 del 2003, accolse l'appello principale e quello incidentale adesivo del Pe., rigettando la domanda del Ca. e compensando le spese.

A fondamento della decisione, osservo' la corte territoriale che le deduzioni dell'appellante erano parzialmente fondate, sicche' si imponeva la riforma della sentenza. Infatti, premesso che l'azione del Ca. rivolta a inibire ai condomini la sosta dei veicoli nell'androne non era sostenuta dall'allegazione di un titolo di acquisto a proprio favore di una servitu' di passaggio, ne' dalla richiesta di accertamento giudiziale dell'acquisto per altra causa, andava da un lato condivisa la pronuncia implicita del tribunale che, in motivazione, aveva escluso il diritto di servitu' di "sosta" in favore del Ni., non essendo stato prodotto un titolo che consentisse al predetto di unire il possesso di un dante causa al proprio ai fini dell'usucapione (accessione necessaria in quanto non erano decorsi venti dall'acquisto della proprieta' in capo al nominato); per altri versi doveva riconoscersi che l'uso dell'androne per sosta dei veicoli non poteva implicare un mutamento della destinazione originaria, poiche', assolvendo l'androne alla funzione di consentire l'accesso alle proprieta' individuali, in assenza di contrarie determinazioni del condominio non poteva escludersi l'accesso veicolare, con la conseguenza che tra le funzioni dell'androne doveva riconoscersi anche quella di sosta temporanei dei veicoli. L'uso comune dell'androne non consentiva, inoltre, che il Ca. potesse apporre una sbarra che impedisse agli altri il transito.

Per la cassazione della sentenza ha proposto ricorso Ca. El., quale erede di Ca. Am., affidato a due motivi; resiste con controricorso Ni. Mi..

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo la ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione dell'articolo 1102 c.c.; deduce che la corte territoriale, prima di affermare la liceita' dell'uso del bene comune praticato dalle controparti, avrebbe dovuto indagare sulla destinazione del bene stesso. La corte aveva ignorato le ampie argomentazioni del Giudice di primo grado che, attraverso una ricostruzione storica dell'uso dell'androne dell'edificio in questione - risalente al secolo 17 - aveva escluso che detto spazio potesse essere destinato a parcheggio di auto, individuando invece la destinazione quale spazio per il transito dei condomini alle proprieta' esclusive con le modalita' conformi alle destinazioni delle proprieta' medesime.

La corte avrebbe, pertanto, errato nel valutare la destinazione del luogo ai fini dell'applicazione dell'articolo 1102 c.c., senza tener conto dell'incidenza che sulla destinazione dell'androne producono "le (potenzialmente diverse) destinazioni delle proprieta' esclusive dei condomini interessati all'uso dell'androne comune". Le ridotte dimensioni dell'androne e la destinazione delle proprieta' individuabile cui attraverso l'androne si accede, avrebbero dovuto far escludere che fosse possibile la sosta su detto spazio, mentre non poteva ritenersi che l'uso da esso fatto dell'androne - per accedere con automezzi alla proprieta' esclusiva posta nel cortile - fosse precluso dall'articolo 1102 c.c., perche' detto uso piu' intenso non comporta nessun pregiudizio all'uso normale degli altri proprietari, in quanto il divieto di sosta delle auto era stato disposto dal tribunale con riferimento a tutti i comproprietari per salvaguardare le esigenze di accesso di ciascuno.

Con il secondo motivo il ricorrente denuncia insufficienza e contraddittorieta' di motivazione in relazione alla ritenuta destinazione dell'androne condominiale.

Assume che la corte, nel dissentire circa l'affermazione del tribunale che aveva escluso la destinazione dell'androne a sosta dei veicoli, non ha fornito alcuna motivazione, limitandosi ad una mera asserzione della ricordata destinazione, smentita dagli atti di causa e dalla stessa documentazione fotografica acquisita. La motivazione sarebbe inoltre in contraddizione con lo stesso dispositivo, laddove da un lato si afferma che la funzione dell'androne e' quella di consentire l'accesso dei condomini alle rispettive proprieta', e poi, precludendo ad esso ricorrente di apporre la sbarra metallica all'ingresso dell'androne, si impedisce che egli possa utilizzare il proprio locale sito nel cortile secondo la sua originaria destinazione di ricovero dell'autoveicolo, come effetto del prevedibile intasamento dell'androne per le auto ivi parcheggiate.

I motivi del ricorso, da esaminare congiuntamente per la loro connessione, sono destituiti di fondamento.

Premesso che le censure sulla erronea valutazione della destinazione del cortile comune da parte della corte territoriale sono sostanzialmente generiche e afferenti al merito, si osserva, comunque, che il Giudice d'appello ha fornito una valutazione logicamente evolutiva della funzione assolta dall'androne, non essendo possibile al detto fine fare riferimento alla funzione espletata sin dall'origine, trattandosi di un fabbricato che il ricorrente medesimo ascrive al 17 secolo; la valutazione del Giudice d'appello appare formulata alla stregua dell'uso effettivamente impresso, quale emerso nel corso del giudizio. Accertato, infatti che l'androne era utilizzato per l'accesso anche veicolare alle rispettive proprieta' private, la corte territoriale ha ritenuto - con argomentazione scevra da illogicita' o contraddittorieta' - che, nei limiti consentiti dalle dimensioni dell'area, non poteva ritenersi estranea anche la destinazione di essa a sosta temporanea dei veicoli, che i testi avevano affermato sempre avvenuta, sia pure sulla sola parte destra dell'androne al fine di non ostruire il passaggio.

Le contrarie deduzioni del ricorrente non sembrano idonee a smentire tale ricostruzione, atteso che il passaggio dei veicoli - che lo stesso ricorrente ha sempre praticato per accedere al proprio locale garage - e' gia' di per se' significativo di una evoluzione dell'uso originario dell'androne, sicche' non appare illogica la deduzione della corte di merito secondo cui, in assenza di contrari determinazioni del condominio, la destinazione dell'androne a sosta veicolare temporanea e occasionale, nei limiti idonei a salvaguardare la funzione di passaggio anche veicolare per l'accesso alle proprieta' individuali, potesse considerarsi "accessoria" all'utilizzazione dello stesso per il transito.

Alla stregua delle esposte considerazioni appare evidente la inesistenza di qualsivoglia contraddittorieta' della sentenza nella parte in cui riconoscendo la funzione di via di transito veicolare dell'androne, ha escluso il diritto del Ca. ad apporre la sbarra di chiusura, atteso che la corte espressamente ha segnalato che la legittimita' della sosta non deve precludere il transito, ma questo deve poter avvenire, anche ai fini della sosta temporanea, per tutti i condomini in applicazione del disposto dell'articolo 1102 c.c.. Il ricorso va, pertanto, rigettato, con la conseguente condanna del ricorrente alla rifusione delle spese del giudizio, liquidate come in dispositivo.

P.Q.M.

La corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente alla rifusione delle spese del giudizio in favore della controparte, liquidate in euro 1.100,00, di cui euro 100,00, per esborsi, oltre accessori di legge.

INDICE
DELLA GUIDA IN Condominio

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 465 UTENTI