Per stabilire la divisibilita' o no di un'area comune a due fabbricati il giudice deve valutare la diminuzione del valore dell'area dopo la divisione

Al fine di stabilire la divisibilita' o meno di un'area comune a due fabbricati, appartenenti a diversi proprietari e destinata all'accesso ai fabbricati stessi, in due porzioni distinte da attribuire in proprieta' esclusiva a ciascuna delle parti, il giudice di merito deve tener conto della diminuzione del valore complessivo dell'area a seguito della divisione, nonche' degli effetti di tale divisione sulla efficienza, funzionalita' e comodita' fra le parti, mentre e' irrilevante, ai predetti fini, la deduzione di frequenti dissidi fra le parti cosi' da rendere impossibile l'uso comune dell'area (Cass. n. 937/1982; n. 6890/83).

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile, Sentenza 8 aprile 2015, n. 7044



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ODDO Massimo - Presidente

Dott. BUCCIANTE Ettore - Consigliere

Dott. NUZZO Laurenza - rel. Consigliere

Dott. MAZZACANE Vincenzo - Consigliere

Dott. ORICCHIO Antonio - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 20625/2009 proposto da:

(OMISSIS) (OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell'avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all'avvocato (OMISSIS);

- ricorrente -

contro

(OMISSIS) nata a (OMISSIS), (OMISSIS) nato a (OMISSIS), elettivamente domiciliati in (OMISSIS), presso lo studio dell'avvocato (OMISSIS), rappresentati e difesi dall'avvocato (OMISSIS);

- controricorrenti -

avverso la sentenza n. 1253/2008 della CORTE D'APPELLO di PALERMO, depositata il 02/10/2008;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 17/02/2015 dal Consigliere Dott. LAURENZA NUZZO;

udito l'Avvocato (OMISSIS), con delega dell'Avvocato (OMISSIS)- (OMISSIS), difensore del ricorrente che ha chiesto l'accoglimento del ricorso;

udito l'Avvocato (OMISSIS), con delega dell'Avvocato (OMISSIS), difensore dei resistenti che ha chiesto il rigetto del ricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CAPASSO Lucio, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione notificato il 25.7.2006 (OMISSIS) conveniva in giudizio, innanzi al Tribunale di Termini Imerese, i coniugi (OMISSIS) e (OMISSIS) per chiedere lo scioglimento della comunione sull'immobile con sovrastante fabbricato, sito in (OMISSIS), in catasto alle partite (OMISSIS), fg. 23, particelle 440-235. Lamentava l'attore che i convenuti non avevano voluto formalizzare,mediane atto pubblico, la divisione di detto immobile secondo il frazionamento predisposto dal Geom. (OMISSIS) di comune accordo.

Si costituivano in giudizio i coniugi (OMISSIS) - (OMISSIS) aderendo alla domanda di scioglimento della comunione ma opponendosi alla divisione secondo detto progetto.

Espletata C.T.U., con sentenza del 6.5.2002 il Tribunale adito dichiarava lo scioglimento della comunione dell'immobile aderendo al progetto di divisione indicato nella C.T.U. per arch. (OMISSIS) del 10.4.2000 ed attribuendo ai coniugi (OMISSIS) - (OMISSIS) la quota "A" ed al (OMISSIS) la quota "B"; disponeva che quest'ultimo versasse ai convenuti la somma di euro 781,79 a titolo di conguaglio, nonche' che ciascuno dei condividenti contribuisse, in ragione della meta', alla spesa di euro 3.615,2 per la realizzazione di un accesso autonomo, in favore del fondo dei convenuti; dichiarava interamente compensate fra le parti le spese del giudizio.

Avverso tale sentenza i coniugi (OMISSIS) - (OMISSIS) proponevano appello cui resisteva il (OMISSIS) chiedendo il rigetto dell'appello ed, in via incidentale, la riforma della statuizione riguardante la compensazione delle spese di lite. Espletata nuova C.T.U., con sentenza depositata il 2.10.2009, la Corte d'Appello di Palermo, in parziale riforma della sentenza di primo grado, disponeva lo scioglimento della comunione dell'immobile e del fabbricato su di esso insistente, secondo il primo progetto di divisione predisposto con la C.T.U. per arch. (OMISSIS) depositata il 10.4.2000 ed attribuiva la quota A ai coniugi (OMISSIS) - (OMISSIS) e la quota B a (OMISSIS), disponendo il versamento, a carico di quest'ultimo ed in favore dei coniugi stessi, della somma di euro 2.560,00 a titolo di conguaglio, secondo i calcoli eseguiti dal C.T.U. ing. (OMISSIS); revocava la statuizione del primo giudice, laddove veniva disposto che ciascuno dei condividenti contribuisse, in ragione della meta', alla spesa di euro 3.615,2 "per la realizzazione dell'accesso autonomo in favore del fondo dei convenuti".

Osservava la Corte di merito, per quanto ancora rileva nel presente giudizio, che andava disattesa la pretesa del (OMISSIS) di sciogliere la comunione con riguardo a tutto il fondo, compreso il comune spiazzo di ingresso all'immobile, in quanto tale scioglimento "richiederebbe la realizzazione di altro ingresso carrabile, per consentire l'accesso al fondo (OMISSIS) - (OMISSIS), che - data la sua peculiare posizione, interamente confinante per tre lati, colla strada provinciale, che sul punto forma una curva, che circonda quasi interamente il terreno in questione-comporterebbe consistenti costi economici, soprattutto in vista della necessita' di realizzare un ingresso non pericoloso per chi lo deve utilizzare e per la circolazione stradale". Per la cassazione di tale sentenza propone ricorso (OMISSIS) sulla base di due motivi.

Resistono con controricorso i coniugi (OMISSIS) - (OMISSIS).

Le parti hanno depositato memoria.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorrente deduce:

1) violazione e falsa applicazione degli articoli713 e 1111 c.c., in combinato disposto con l'articolo 720 c.c., per avere la Corte di Appello, in riforma della sentenza di primo grado, imposto il mantenimento della comunione su una parte dell'immobile relativa all'area di ingresso ai fondi rispettivamente attribuiti ai condividenti, in difetto delle condizioni per una sua comoda divisibilita', pur dando atto che "in linea teorica la comunione sulla piazzola d'ingresso, astrattamente, potrebbe essere sciolta".

Sul punto viene formulato il quesito di diritto: "se integri violazione delle norme sullo scioglimento della comunione, di cui al combinato disposto degli articoli 713 - 1111 e 720 c.c., l'esclusione dallo scioglimento e dalla divisione di una parte dell'immobile da dividere con conseguente imposizione al partecipante, che abbia instaurato l'azione di scioglimento, del mantenimento dello stato di comunione sulla parte stessa, pur nella oggettiva e dimostrata sussistenza dei presupposti di comoda divisibilita' del bene, ovvero in assenza di cause ostative al frazionamento e alla formazione di cause ostative al frazionamento e alla formazione di quote suscettibili di pieno ed autonomo godimento";

2) omessa, insufficiente e comunque contraddittoria motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio, per avere la Corte di merito escluso dallo scioglimento della comunione la "piazzola d'ingresso", ravvisando la non comoda divisibilita' dell'immobile di cui all'articolo 720 c.c., nei costi per la realizzazione di un ingresso carrabile; la C.T.U. espletata in primo grado aveva, invece, ritenuto la divisione della piazzola d'accesso come soluzione tecnicamente preferibile, anche in considerazione della elevata conflittualita' dei rapporti tra i partecipanti ed aveva descritto le opere occorrenti per effettuare la divisione; tale soluzione avrebbe evitato l'imposizione di una notevole limitazione al fondo del (OMISSIS) in quanto la piazzola comune ricadeva esclusivamente all'interno della quota di proprieta' (OMISSIS).

A conclusione della censura viene sottoposto al Collegio il quesito: se integri un vizio di motivazione l'esclusione dello scioglimento della comunione della piazzola di accesso oggetto della divisione, motivata solo con riferimento alla spesa occorrente per la realizzazione di un ingresso carrabile, nonostante risulti ammessa dalla stessa Corte di merito la possibilita' di sciogliere detta comunione e nonostante che le spese per realizzarla siano state ritenute congrue dal C.T.U. anche in considerazione dei vantaggi oggettivi che ne deriverebbero ai partecipanti alla comunione.

Il ricorso e' infondato.

In ordine al primo motivo va rilevato, al di la' della genericita' del quesito, non correlato alle ragioni della decisione, che la statuizione in ordine al mantenimento della comunione dello spiazzo in questione, e' rispondente alla giurisprudenza di questa Corte che, in materia, ha affermato il principio secondo cui, al fine di stabilire la divisibilita' o meno di un'area comune a due fabbricati, appartenenti a diversi proprietari e destinata all'accesso ai fabbricati stessi, in due porzioni distinte da attribuire in proprieta' esclusiva a ciascuna delle parti, il giudice di merito deve tener conto della diminuzione del valore complessivo dell'area a seguito della divisione, nonche' degli effetti di tale divisione sulla efficienza, funzionalita' e comodita' fra le parti, mentre e' irrilevante, ai predetti fini, la deduzione di frequenti dissidi fra le parti cosi' da rendere impossibile l'uso comune dell'area (Cass. n. 937/1982; n. 6890/83).

Va aggiunto che la divisione di un bene, ai sensi dell'articolo 1112 c.c., non puo' comportare limitazioni al contenuto dei diritti precedentemente esercitati o comunque spettanti ad uno dei condividenti, ipotesi che si verificherebbe, nel caso in esame, ove la divisione venisse ad incidere sull'area originariamente utilizzata da entrambi i condividenti sulla intera superficie dello spiazzo comune e per una destinazione (accesso agli immobili di entrambe le parti con adeguato spazio di manovre) che verrebbe meno nella sua originaria consistenza.

Orbene, nella specie, la Corte di Appello, con motivazione immune da vizi logici e giuridici ed in linea al principio suddetto, ha ravvisato l'esigenza di mantenere la comunione della piazzola "di fatto gia' utilizzata dalle parti per accedere ai rispettivi fondi", evidenziando che, secondo quanto accertato mediante C.T.U., lo scioglimento della comunione dello spiazzo "richiederebbe la realizzazione di altro ingresso carrabile, per consentire l'accesso al fondo (OMISSIS) - (OMISSIS), che - data la sua peculiare posizione, interamente confinante, per tre lati, colla strada provinciale, che sul punto forma una curva, che circonda quasi interamente il terreno in questione-comporterebbe consistenti oneri economici, soprattutto in vista della necessita' di realizzare un ingresso non pericoloso per chi lo deve utilizzare e per la circolazione stradale". Tale apprezzamento e' stato correttamente effettuato in concreto e non solo in astratto ed attiene, peraltro, ad un accertamento in fatto che postula un giudizio di merito insindacabile in sede di legittimita' ove sorretto da motivazione sufficiente e non contraddittoria (Cass. n. 1738/2002).

La seconda censura e' inammissibile in quanto con riferimento al vizio motivazionale denunciato, occorreva, ex articolo 366 bis c.p.c., applicabile nella specie ratione temporis, non gia' la formulazione del quesito di diritto ma del "momento di sintesi". Com'e' noto, infatti, i motivi del ricorso per cassazione devono essere accompagnati, a pena di inammissibilita', da un esplicito quesito di diritto nei casi previsti dall'articolo 360, comma 1, nn. 1), 2), 3) e 4), e, qualora il vizio sia denunciato anche ai sensi dell'articolo 360 c.p.c., n. 5, il motivo deve contenere in modo specifico la questione di diritto che la Corte di legittimita' e' chiamata a risolvere.

Al riguardo questa Corte ha precisato che l'onere di indicare chiaramente il fatto controverso deve essere adempiuto non gia' e non solo illustrando il relativo motivo di ricorso, ma anche formulando al termine di esso, una indicazione sintetica, che costituisca un "quid pluris" rispetto alla illustrazione del motivo, cosi' da consentire al Giudice di valutare immediatamente l'ammissibilita' del ricorso ed il nesso eziologico tra la lacuna motivazionale denunciata ed il fatto ritenuto determinante ai fini della decisione. Ne' tale sintesi si identifica con il requisito di specificita' del motivo ex articolo 366 c.p.c., comma 1, n. 4 (Cass. n. 5858/2013).

In conclusione il ricorso va rigettato. Consegue, in base al criterio della soccombenza, la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali, liquidate come da dispositivo.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali che si liquidano in euro 3.700,00 di cui euro 200,00 per esborsi oltre accessori di legge.

INDICE
DELLA GUIDA IN Condominio

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 1639 UTENTI