I terreni vicino a stazioni ferroviarie, strade ed autostrade sono detassati

In tema di espropriazione per pubblica utilita' sulle aree site in fascia di rispetto ferroviario, ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 11 luglio 1980, n. 753, articolo 49 e stradale o autostradale ai sensi della Legge 17 agosto 1942, n. 1150, articolo 41 septies (cd. legge urbanistica) e successive modifiche, si traduce in un divieto assoluto di edificazione che rende le aree legalmente inedificabili e che incide direttamente sul valore del bene senza possibilita' di deroga da parte di provvedimenti amministrativi, con la conseguenza che le suddette aree, essendo sprovviste delle possibilita' legali di edificazione, ai sensi della Legge 8 agosto 1992, n. 359, articolo 5 bis, comma 4, devono essere equiparate a quelle agricole ai fini del calcolo delle indennita' di esproprio e di occupazione, secondo il criterio di cui alla Legge 22 ottobre 1971, n. 865, articoli 16 e 20, ancora in vigore per i suoli agricoli.

Corte di Cassazione Sezione Tributaria Civile, Sentenza del 15 aprile 2011, n. 8609



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PIVETTI Marco - Presidente

Dott. BERNARDI Sergio - Consigliere

Dott. FERRARA Ettore - Consigliere

Dott. POLICHETTI Renato - rel. Consigliere

Dott. VIRGILIO Biagio - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

VA. FR. , rappresentato e difeso, come da procura in calce al ricorso, dall'Avv. Segarelli Umberto, presso il cui studio in Roma, via G.B. Morgigni 2/a domicilia;

contro

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE e AGENZIA DELLE ENTRATE, entrambi rappresentati e difesi dall'Avvocatura Generale dello Stato, presso la cui sede in Roma via dei Portoghesi n. 12, sono domiciliati avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale dell'Umbria sezione 1 n. 95/91/2004 depositata il 22.12.2004 e non notificata.

udita la relazione del Consigliere Dott. Renato Polichetti;

udite per il ricorrente le conclusioni dell'Avvocato Umberto Segarelli;

udite per le resistenti le conclusioni dell'avvocato Tidore Barbara;

udite le conclusioni scritte del P.G. Basile Tommaso che ha chiesto che venisse dichiarato l'inammissibilita' del ricorso e in subordine il rigetto.

CONSIDERATO

quanto segue:

La presente controversia riguarda la tassabilita' di un terreno confinante con la linea Fe. Ce. Um. .

Sia la Commissione Tributaria Provinciale che la Commissione Tributaria regionale ritenevano che il suddetto terreno dovesse essere sottoposto a tassazione completa in quanto compreso in una particella catastale riconosciuta come edificabile nonostante lo stesso fosse compreso nella zona di rispetto di cui al Decreto del Presidente della Repubblica n. 753 del 1980, articolo 49.

Avverso la suddetta sentenza viene dalla ricorrente proposto ricorso innanzi a questa Corte con il quale viene eccepita l'impossibilita' che un terreno adiacente ad una linea ferroviaria possa essere considerato edificabile.

Si e' costituita l'Avvocatura Generale dello Stato, per le Amministrazioni in epigrafe indicate, sostenendo che la sentenza di secondo grado sarebbe conforme alla normativa che doveva essere applicata al caso concreto.

Il ricorso e' fondato e deve essere accolto.

In base alla pluriennale e consolidata giurisprudenza di questa Corte: "In tema di espropriazione per pubblica utilita' sulle aree site in fascia di rispetto ferroviario, ai sensi del Legge 22 ottobre 1971, n. 865, articoli 16 e 20, ancora in vigore per i suoli agricoli. Nella specie la S.C. ha cassato la sentenza impugnata che aveva riconosciuto la destinazione edificatoria del terreno solo perche' incluso all'intero del Piano regolatore industriale, senza preventivamente considerare che tale destinazione era preclusa dalla collocazione del fondo in una area di rispetto ferroviarie e stradale" (Cass. sentenza n. 8121 del 03.04.2009. Conforme sentenze 10.11.2008 n. 26899; 15.09.2004 n. 18563; 04.02.2000 n. 1220).

Pertanto la sentenza deve essere cassata e non essendo necessari ulteriori accertamenti puo' essere decisa nel merito con l'accoglimento del ricorso del ricorrente.

Sussistono giusti motivi per compensare le spese del merito in quando le commissioni tributaria hanno del tutto ignorato la suddetta consolidata giurisprudenza.

Viceversa deve essere condannata la controparte alle spese del presente giudizio liquidate come in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso cassa la sentenza impugnata e decidendo nel merito accoglie il ricorso del ricorrente, compensa le spese del merito e liquida quelle di cassazione in euro 3.200, oltre spese vive ed esborsi.
 

INDICE
DELLA GUIDA IN Urbanistica

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 463 UTENTI