Contratti: Guide e Consulenze Legali

Chiedi un contratto

Redigiamo il tuo contratto sulle tue esigenze
in 48 ore a soli 98 euro!

Nel contratto di lotteria istantanea, il rivenditore in caso di errore di stampa non è obbligato nei limiti del montepremi ma solo per l'importo del costo del biglietto

Nel contratto di lotteria istantanea (nel caso di specie, lotteria sette e vinci) disciplinato dal regolamento ministeriale emanato con decreto ministeriale 19 gennaio 1996, avente natura contrattuale, e riconducibile al contratto di lotteria disciplinato dall'articolo 1935 del Cc, la vincita non è subordinata all'evento futuro e incerto dell'estrazione del numero del biglietto vincente, ma si verifica quando il giocatore viene in possesso di un biglietto che non soltanto deve recare la combinazione vincente, ma deve anche presentare un codice di validazione corrispondente a uno dei codici segreti preindividuati e inseriti nelle liste depositate presso un notaio. Ne consegue che, se per un errore di stampa un biglietto riporti la combinazione vincente ma non sia fornito del codice di validazione, il gestore della lotteria istantanea, che risponde verso gli acquirenti dei biglietti solo nei limiti del montepremi messo a disposizione, non è tenuto a corrispondere il premio al possessore del tagliando apparentemente vincente, ma risponde nei suoi confronti a titolo di inadempimento contrattuale, e può pertanto essere tenuto al solo risarcimento dei danni pari al costo del biglietto stesso, salvi gli ulteriori danni che questi assumesse e provasse, come conseguenza dell'errore di stampa.

INDICE
DELLA GUIDA IN Contratti

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 2917 UTENTI