Contratti: Guide e Consulenze Legali

Chiedi un contratto

Redigiamo il tuo contratto sulle tue esigenze
in 48 ore a soli 98 euro!

Non è nullo il contratto preliminare stipulato dall'assegnatario di un alloggio costruito da una cooperativa edilizia con il contributo dello stato prima dello scadere del decennio dall'assegnazione

Il contratto preliminare stipulato dall'assegnatario di un alloggio costruito da una cooperativa edilizia con il contributo dello stato prima dello scadere del decennio dall'assegnazione, con il quale l'assegnatario si obbliga a trasferire a terzi la proprieta' dell'alloggio, non ha efficacia reale ma meramente obbligatoria, e pertanto non e' nullo per contrasto con le norme imperative contenute nelle leggi sull'edilizia residenziale sovvenzionata, anche quando sia convenuto l'anticipato trasferimento de possesso del bene" (Cass. Sez. 3, Sentenza n. 1701 del 27/01/2010; Cass. n. 12749 del 26/9/2000)". Nel caso poi in cui l'obbligo di trasferimento della proprieta' dell'immobile debba essere adempiuto dal promittente venditore prima della scadenza del predetto termine decennale, la relativa clausola e' nulla, ma non determina la nullita' dell'intero contratto..." (Cass. n. 12749 del 26/9/2000).

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile, Sentenza 2 febbraio 2012, n. 1484



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PICCIALLI Luigi - Presidente

Dott. BURSESE Gaetano Antonio - rel. Consigliere

Dott. BUCCIANTE Ettore - Consigliere

Dott. MANNA Felice - Consigliere

Dott. CARRATO Aldo - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 4954-2010 proposto da:

C. R. (OMESSO), elettivamente domiciliato in (OMESSO), presso lo studio dell'avvocato SE. BR. , che lo rappresenta e difende;

- ricorrente -

contro

PE. PE. GI. (OMESSO), CO. SA. , CO. LU. , SO. AN. , S. M. (OMESSO), S. P. (OMESSO), CO. CR. , CO. NU. CR. RO. SRL, BA. AN. ;

- intimati -
Nonche' da:

S. P. (OMESSO), S. M. (OMESSO), elettivamente domiciliati in (OMESSO), presso lo studio dell'avvocato DO. GI. , che li rappresenta e difende;

- controricorrenti e ricorrenti incidentali -

contro

PE. PE. GI. (OMESSO), elettivamente domiciliato in (OMESSO), presso lo studio dell'avvocato PO. RO. , che lo rappresenta e difende;

- controricorrente all'incidentale -

e contro

C. R. (OMESSO), CO. SA. , CO. LU. , SO. AN. , CO. CR. , CO. NU. CR. RO. SRL in persona del legale rappresentante pro tempore, BA. AN. ;

- intimati -

avverso la sentenza n. 3437/2009 della CORTE D'APPELLO di ROMA, depositata il 10/09/2009;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 20/01/2012 dal Consigliere Dott. GAETANO ANTONIO BURSESE;

udito l'Avvocato SE. Br. , difensore del ricorrente che ha chiesto accoglimento del ricorso e sul rilievo preliminare del Consigliere relatore produce avviso di ricevimento relativo alla notifica all'intimato SO. e fa presente che la Cooperativa e' estinta;

udito l'Avvocato DO. Gi. , difensore del resistente che ha chiesto il rigetto del ricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. DEL CORE Sergio che ha concluso per la sospensione del giudizio, in subordine accogliere il terzo motivo del ricorso principale, assorbiti i primi due; dichiarare il ricorso incidentale inammissibile in ulteriore subordine rimettere gli atti al Primo Presidente per eventuale rimessione alle Sezione Unite.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto notificato in data 3.1.1990 i coniugi S.M. e S.P. citavano in giudizio C.R. , Ba.An. , Co.Sa. , Co.Lu. e Co.Cr. nella loro qualita' di eredi di Co. Ca. , nonche' il notaio Pe.Gi. Pe. e l'ufficiale giudiziario So.An. , oltre la Co. Ed. Nu. Cr. Ro. srl. Esponevano gli attori di aver concluso in data (OMESSO) con C.R. un contratto preliminare di compravendita dell'unita' immobiliare sita in (OMESSO), che era stato a quest'ultimo assegnata in proprieta' dalla convenuta Cooperativa edilizia per atto notaio Pe. Pe. del (OMESSO). Il S. , promissario acquirente - che aveva iniziato a pagare l'acconto e le rate di mutuo relativi all'immobile - apprendeva successivamente che lo stesso era gravato da procedure esecutive promosse dalla societa' costruttrice ( Ed. ) e della Ca. di. Ri. di. Ro. e che non era possibile stipulare il contratto definitivo per una serie di inadempienze ed irregolarita' anche urbanistiche che non erano state sanate; che in ogni caso il C. , assegnatario dell'immobile, non avrebbe potuto disporre del bene se non dopo cinque anni dall'acquisto. All'esito della procedura esecutiva iniziata dalla Ca. di. Ri. di. Ro. (di cui il C. aveva taciuto esistenza all'attore) il villino oggetto del compromesso era venduto all'asta ed acquistato da Co.Ca. . Successivamente a seguito di accordi intercorsi tra il S. e il C. con il Co. , aggiudicatario dell'asta, quest'ultimo si impegnava a trasferire l'immobile al C. o a persona da nominare (previa restituzione delle somme da lui versate), il quale a sua volta lo avrebbe dovuto poi cedere al S. . Il Co. , tuttavia, non rispettava gli impegni assunti, ed iniziava l'esecuzione per il rilascio dell'immobile contro gli attori a mezzo dell'ufficiale giudiziario So.An. il quale proseguiva nella procedura esecutiva, nonostante gli fosse rammostrato il titolo autonomo in base a quale gli attori legittimamente detenevano l'immobile (il contratto a tre; C. - Co. - S. ). Poste tali premesse gli attori svolgevano varie domande nei confronti di ciascuno dei convenuti, chiedendo in specie che fosse accertato e dichiarato l'obbligo del Co. di trasferire l'immobile al C. e su disposizioni di questi a S.M. , in comunione dei beni con S.P. ; che fosse condannato il C. al risarcimento dei danni conseguenti all'evizione; in subordine: che fosse accertata e dichiarato l'illegittimita' dell'atto notar Pe. Pe. del (OMESSO), in considerazione del peso determinante che esso aveva avuto nella decisione del S. di acquistare l'immobile, con la conseguente condanna dello stesso notaio al risarcimento dei danni. Si costituivano in giudizio l'ufficiale giud. So.An. , il notaio Pe. Pe. ed il C. opponendosi alla domanda avversaria. Non si costituivano il Co. e la Cooperativa.

L'adito tribunale di Roma, con sentenza n. 72/04 del 5.1.2004 rigettava tutte le domande attrici, regolando in vario modo le spese processuali.

Riteneva, in particolare, in relazione alla domanda formulata contro il C. che questi avesse adempiuto alle obbligazioni assunte con il preliminare, sia evidenziando i vincoli esistenti, sia pagando le rate di mutuo, per cui la vendita all'asta dell'immobile era ascrivibile al comportamento dei coniugi acquirenti che non avevano onorato le rate di muto scadute. Rigettava la domanda proposta contro il notaio, atteso che questi aveva elencato nell'atto gli oneri di cui era gravato il bene assegnato dalla cooperativa; disattendeva la domanda avanzata contro i Co. che ben poteva acquistare l'immobile nell'ambito della procedura esecutiva che lo riguardava.

Avverso la predetta sentenza proponevano appello i coniugi S. - S. contro tutte le parti. Resistevano gli appellati C. , gli eredi di Co. Ca. e il Pe. Pe. , che formulava altresi' appello incidentale; rimanevano contumaci le altre parti.

L'adita Corte d'Appello di Roma, con sentenza n. 3437/09 depositata in data 10.9.2009, in riforma della sentenza impugnata, in parziale accoglimento dell'appello formulato contro il C. , dichiarava nullo il contratto de quo e condannava il C. a restituire agli attori la somma di lire 77 milioni, pari ad euro 39767,18. Rigettava tutte le altre impugnazioni, nonche' l'appello incidentale avanzato da Pe. Pe. , regolando variamente le spese processuali. Riteneva la Corte capitolina che il preliminare dovesse ritenersi radicalmente nullo in quanto posto in essere in violazione della norma imperativa di cui alla Legge n. 1518 del 1949, articolo 9, comma 2 il quale vieta l'alienazione del bene prima del decorso di 10 anni dalla data di assegnazione; trattandosi di nullita' comune alle parti contraenti, non era dovuto alcun tipo di risarcimento, ma solo la restituzione delle somme versate in quanto ormai prive di causa. Quanto al notaio, la Corte sottolineava come egli non avesse ricevuta dal S. alcun incarico professionale per la stipula del contratto di assegnazione, nel quale peraltro egli aveva elencate tutte le formalita' pregiudizievoli.

Per la cassazione della predetta decisione ricorre C. R. sulla base di 3 censure. Resistono con controricorso i S. e S. proponendo a loro volta ricorso incidentale per quanto riguarda la posizione del notaio Pe. Pe. , che a sua volta resiste con controricorso. Gli altri intimati non hanno svolto attivita' difensiva.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Ricorso principale.

Sotto il profilo logico-giuridico e' opportuno esaminare il terzo motivo del ricorso principale con il quale gli esponenti denunciando la violazione e falsa applicazione degli articoli 112 e 101 c.p.c., articoli 1418 e 1483 c.c.; articolo 111 Cost. sostengono che il giudice a quo non poteva dichiarare d'ufficio la nullita' del contratto perche' mai sollecitata dalle parti interessate, atteso che i coniugi S. - S. ".... non avevano mai formulato o tanto meno prospettato nel corso del giudizio, ipotesi o profili di nullita' del contratto preliminare stipulato con il C. ...", nei cui confronti essi si erano limitati a chiedere la condanna "al risarcimento dei danni conseguenti all'evizione del bene, danni da precisarsi in corso di causa" Peraltro gli attori non avevano neanche insistito nella domanda d'adempimento del contratto, cio' che avrebbe consentito la pronuncia di nullita' anche d'ufficio,in considerazione del potere del giudice di verificare la sussistenza delle condizioni dell'azione promossa, cio' che non gli e' consentito quando la domanda fosse diretta a far dichiarare l'invalidita' del contratto ovvero la risoluzione per inadempimento.

La doglianza non ha pregio. Invero il rilevo d'ufficio della nullita' e' possibile anche nel caso di domanda riguardante la risoluzione o la rescissione del contratto, un vizio cioe' non genetico, ma sopravvenuto al suo nascere. In tal caso il giudice puo' dichiarare la riscontrata nullita' del negozio, con l'unico limite dell'eventuale formazione di un giudicato interno.

Ed invero, secondo la giurisprudenza di questo S.C. "Il giudice puo' rilevare d'ufficio la nullita' di un contratto, a norma dell'articolo 1421 c.c., anche se sia stata proposta la domanda di annullamento (o di risoluzione o di rescissione) del contratto, senza incorrere nel vizio di ultrapetizione, atteso che in ognuna di tali domande e' implicitamente postulata l'assenza di ragioni determinanti la nullita' del contratto medesimo; ne consegue che il rilievo di quest'ultima da parte del giudice da luogo a pronunzia non eccedente i limiti della causa, la cui efficacia resta commisurata nei limiti della domanda proposta, potendo quindi estendersi all'intero rapporto contrattuale se questa lo investa interamente (Cass. Sez. 3, n. 2956 del 07/02/2011; Sez. 3, n. 23674 del 15/09/2008; Sez. 3, n. 18540 del 20/08/2009).

Ha osservato ancora questa Corte che "...Nel caso in cui le parti di un contratto, ascrivendosi reciproci inadempimenti, chiedano ciascuna nei confronti dell'altro la risoluzione ai sensi dell'articolo 1453 cod. civ., il giudice puo' rilevare d'ufficio la nullita' del contratto stesso (nella specie, per difetto di forma scritta prescritta "ad substantiam") in ogni stato e grado del giudizio, col solo limite della formazione del giudicato interno (Cass. Sez. 3, n. 23674 del 15/09/2008).

Tanto premesso e considerato, e passando all'esame degli altri motivi, rileva il Collegio che, con il 1 motivo del ricorso l'esponente denuncia la violazione e falsa applicazione della Legge n. 408 del 1949, articolo 9, Decreto Legge n. 1022 del 1965, articoli 4-12 bis; articoli 1418, 1362 e 1376 c.c.; nonche' il vizio di motivazione. Assume l'esponente che il contratto preliminare concluso dalle parti non era nullo per supposta violazione della Legge n. 408 del 1949, articolo 9 con riguardo al divieto di alienazione dell'immobile assegnato. La corte distrettuale invero non aveva accertato l'esistenza di due necessari presupposti: a) che ci si fosse davanti ad una cessione e/o alienazione d'immobile; b) che l'assegnazione di tale immobile fosse stata fatta da una cooperativa edilizia che rientrava nel novero di quelle menzionate nella normativa richiamata dalla Legge n. 408 del 1949, articolo 9 e cioe' su una cooperativa che avesse usufruito del concorso o contributo statale (che si trattasse cioe' di assegnazione d'alloggio di edilizia convenzionata e non meramente agevolata). Nella fattispecie la cooperativa non godeva di alcun contribuito della Stato, ma solo di un'agevolazione creditizia.

Peraltro la violazione del vincolo d'inalienabilita' del bene non comporta affatto la nullita' dell'atto di trasferimento nella sua interezza, ma solo la decadenza dalle agevolazioni (v. Legge n. 1179 del 1965, articolo 12 bis, secondo cui: "L'inosservanza delle disposizioni degli arti. 8 e 12 importa la risoluzione del diritto del contratto di mutuo contemplato all'articolo 4 della presente legge e la decadenza da ogni altro beneficio).

La doglianza e' fondata.

Non v'e' dubbio che la corte capitolina avrebbe dovuto esaminare, prima di decidere, le fondamentali questioni prospettate dal ricorrente. Prima d'ogni altra cosa era necessario accertare, ai fini della configurabilita' della sanzione della nullita' dell'atto, se nel caso di specie si trattava di cooperativa convenzionata con il contributo dello Stato, ovvero semplicemente agevolata (come ritenuto dal ricorrente) ed in proposito la Corte romana nulla ha detto. D'altra parte e' opportuno sottolineare che, in ipotesi, la violazione della norma suddetta con comporta la nullita' assoluta dell'atto, come erroneamente sostiene la corte, ma solo della clausola invalida, che preveda l'anticipato trasferimento del cespite.

Va comunque precisato che "una cooperativa edilizia e' qualificabile come "sovvenzionata dallo Stato" e pertanto soggetta alla speciale disciplina di cui al Regio Decreto 28 n. 1165 del 1938, solo se effettivamente sovvenzionata dallo Stato, nel senso che abbia in concreto conseguito il contributo dello Stato, restando irrilevante la semplice previsione statuaria della possibilita' del ricorso al finanziamento pubblico" (Cass. n. 11311 del 16.05.2007). Su questo punto, come si e' detto, manca in sostanza la pronuncia della Corte capitolina, la quale inoltre non ha posto nel giusto rilevo i fatto che le parti avessero concluso un contratto preliminare, con effetti non reali, ma meramente obbligatori.

Secondo questa S.C. "Il contratto preliminare stipulato dall'assegnatario di un alloggio costruito da una cooperativa edilizia con il contributo dello stato prima dello scadere del decennio dall'assegnazione, con il quale l'assegnatario si obbliga a trasferire a terzi la proprieta' dell'alloggio, non ha efficacia reale ma meramente obbligatoria, e pertanto non e' nullo per contrasto con le norme imperative contenute nelle leggi sull'edilizia residenziale sovvenzionata, anche quando sia convenuto l'anticipato trasferimento de possesso del bene" (Cass. Sez. 3, Sentenza n. 1701 del 27/01/2010; Cass. n. 12749 del 26/9/2000)". Nel caso poi in cui l'obbligo di trasferimento della proprieta' dell'immobile debba essere adempiuto dal promittente venditore prima della scadenza del predetto termine decennale, la relativa clausola e' nulla, ma non determina la nullita' dell'intero contratto..." (Cass. n. 12749 del 26/9/2000).

Con il 2 motivo del ricorso si denuncia la violazione e falsa applicazione degli articoli 1376, 1362 e 1353 c.c.; si contesta quanto affermato dalla Corte capitolina secondo cui il C. non fosse proprietario dell'immobile in quanto non aveva stipulato il mutuo individuale. In realta' con l'assegnazione si attua il trasferimento dell'immobile a titolo di proprieta' e non e' necessario il contestuale preventivo frazionamento del muto, cio' che stato introdotto da una successiva normativa introdotta con una legge del 2005.

Anche tale doglianza e' fondata.

Secondo questa S.C. "...L'assegnazione in favore del socio dell'alloggio realizzato da una societa' cooperativa edilizia e', al pari di una compravendita, un contratto ad effetti reali che si perfeziona con il consenso delle parti e che determina il trasferimento all'acquirente della proprieta' del bene immobile che ne e' oggetto: un trasferimento pieno e definitivo, essendo da escludere che solo con la definitiva liquidazione della cooperativa quel passaggio di proprieta' si perfezioni e si consolidi in capo al socio..." (Cass. Sez. 1, n. 5724 del 23/03/2004).

Conclusivamente dev'essere accolto il ricorso principale nei sensi come sopra specificato.

Passando all'esame del ricorso incidentale con esso i S. - S. denunziano la violazione dell'articolo 334 c.p., della Legge Professionale notarile n. 89 del 1913, articolo 28; disapplicazione dell'articolo 2043 c.c.; lamentano che la corte ha ritenuto di escludere la responsabilita' del notaio nella considerazione che non vi fosse diretta responsabilita' con essi coniugi S. . Sottolineano che il rogito non poteva essere redatto dal notaio per vari motivi (l'immobile era sottoposto procedura esecutiva, a vendita giudiziaria, era gravato da pignoramento, non era stato frazionato il mutuo). L'esistenza di tale atto illegale - sostengono gli esponenti - aveva "determinato nei coniugi S. l'errato convincimento di poter legittimamente acquisire e senza problemi, il bene in questione con tutte le conseguenze dannose conseguenti alla perdita del bene e del danaro sborsato per acquistarlo".

Il ricorso incidentale e' inammissibile, non essendo stata censurata la ratio decidendi secondo cui il notaio non aveva ricevuto l'incarico professionale dai S. , del tutto estranei all'atto pubblico rogato asseritamente in violazione di norme anche penali. D'altra parte la sentenza non aveva affermato affatto che l'atto notarile fosse "fidefaciente erga omnes".

Conclusivamente il ricorso incidentale dev'essere disatteso. Le spese relative seguono la soccombenza e sono poste a carico dei S. - S. . L'accoglimento del ricorso principale comporta la cassazione della sentenza impugnata in ragione dei motivi accolti, con il rinvio della causa, anche per le relative spese, ad altra sezione della Corte d'Appello di Roma.

P.Q.M.

la Corte accoglie il ricorso principale nei sensi di cui in motivazione, rigetta il ricorso incidentale; cassa la sentenza impugnata in relazione alle censure accolte e rinvia la causa, anche per le relative spese, ad altra sezione della Corte d'Appello di Roma; condanna i ricorrenti incidentali al pagamento, in favore del Pe. Pe. , delle spese processuali che liquida in euro 2.700,00, di cui euro 2.500,00 per onorario, oltre spese generali ed accessori come per legge.

 

INDICE
DELLA GUIDA IN Contratti

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 1367 UTENTI