Il marchio italiano: la registrazione

L'acquisto del diritto all'uso esclusivo di un marchio.

Con la registrazione si acquista il diritto all’uso esclusivo di un marchio.
Il marchio può essere registrato presso l’ufficio italiano dei Brevetti e Marchi (UIBM), il quale si limita ad un controllo generico senza entrare nel merito delle sue caratteristiche.
Pertanto la registrazione non impedisce l’impugnativa di nullità da parte di ogni interessato qualora sia illecito oppure quando esso possa generare problemi di confondibilità.
La registrazione dura dieci anni, salvo rinuncia, e può rinnovarsi ogni decennio.

Caratteristiche del marchio registrabile

Requisiti per la registrazione di un marchio:

  1. novità: ciò significa che sul mercato non devono esserci prodotti o servizi contraddistinti
    da un segno uguale o simile. La novità peraltro non difetta qualora un marchio anteriore
    sia scaduto, per mancato rinnovo, da oltre due anni (tre se trattasi di un marchio
    collettivo) o sia decaduto a causa del mancato uso per un periodo di oltre cinque anni;

     
  2. capacità distintiva: consiste nella capacità di distinguere un prodotto o servizio da
    quello di altri; il marchio non deve consistere in una parola, figura o segno di uso
    generico o in una denominazione o indicazione che descriva il prodotto;

     
  3. liceità: significa che il marchio non deve essere contrario all’ordine pubblico e al buon costume
    Di conseguenza l’immagine se si tratta di marchio emblematico o la denominazione se si tratta di marchio denominativo non deve essere contraria a norme imperative, ai principi fondamentali dell’ordinamento giuridico italiano nonché alla morale e buon costume.
Cosa non può essere registrato

Non possono costituire oggetto di registrazione i seguenti:

  • gli stemmi e gli altri segni considerati nelle convenzioni internazionali vigenti in materia, nonché i segni contenenti simboli, emblemi e stemmi che rivestano un interesse pubblico, a meno che l’autorità competente non ne abbia autorizzato la registrazione;
  • i segni idonei ad ingannare il pubblico, in particolare circa la natura, la qualità o la provenienza geografica del prodotto o servizio;
  • i ritratti delle persone senza il consenso delle medesime, i nomi di persona diversi da quello del richiedente se il loro uso sia tale da ledere la fama ed il decoro di chi ha il diritto di portare tali nomi;
  • i segni identici o simili ad un segno già noto come ditta, denominazione o ragione sociale,se da ciò possa determinarsi un rischio di confusione per il pubblico a causa dell’affinità di prodotti o servizi;
  • i segni come ditta, denominazione o ragione sociale e insegna uguali o simili ad un marchio anteriore, per prodotti o servizi non affini, quando quest’ultimo goda nello Statomembro di notorietà;
  • i segni che possono costituire una violazione di un altrui diritto d’autore, di proprietà industriale o di altro diritto esclusivo;
  • indicazioni descrittive compresi quelli divenuti di uso comune nel linguaggio corrente onegli usi costanti del commercio;
  • i segni costituiti esclusivamente dalla forma imposta al prodotto dalla natura.

INDICE
DELLA GUIDA IN Registra Marchio

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 253 UTENTI