Non è revocabile come donazione il negozio fiduciario con cui un soggetto trasferisce somme di denaro a un altro affinché li impieghi per investimenti prestabiliti

Il negozio fiduciario e' il negozio con il quale un soggetto (il fiduciante) trasferisce ad un altro soggetto (il fiduciario) la titolarita' di un diritto, il cui esercizio viene limitato da un accordo tra le parti (pactum fiduciae) per uno scopo che il fiduciario si impegna a realizzare, ritrasferendo poi il diritto allo stesso fiduciante o ad un terzo beneficiario. La fattispecie si sostanzia in un accordo tra due soggetti, con cui il primo trasferisce (o costituisce) in capo al secondo una situazione giuridica soggettiva (reale o personale) per il conseguimento di uno scopo pratico ulteriore, ed il fiduciario, per la realizzazione di tale risultato, assume l'obbligo di utilizzare nei tempi e nei modi convenuti la situazione soggettiva, in funzione strumentale, e di porre in essere un proprio comportamento coerente e congruo. Trattandosi di fattispecie non espressamente disciplinata dalla legge, e, in mancanza di una disposizione espressa in senso contrario, il factum fiduciae non puo' che essere affidato al principio generale della liberta' della forma.

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile, Sentenza 27 agosto 2012, n. 14654



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ODDO Massimo - Presidente

Dott. MAZZACANE Vincenzo - Consigliere

Dott. MATERA Lina - Consigliere

Dott. BERTUZZI Mario - Consigliere

Dott. SCALISI Antonino - rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 18437-2006 proposto da:

(OMISSIS) C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell'avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all'avvocato (OMISSIS);

- ricorrente -

contro

(OMISSIS) C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell'avvocato (OMISSIS) per proc. spec. del 4/6/201C rep. n. (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente all'avvocato (OMISSIS) per proc. spec. del 30/5/2010 rep. n. (OMISSIS);

- resistente con procura -

avverso la sentenza n. 25/2006 della CORTE D'APPELLO di BRESCIA, depositata il 09/01/2006;

udita l'Avv. (OMISSIS) difensore della resistente che ha chiesto il rigetto del ricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. FUCCI Costantino che ha concluso per il rigetto del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

(OMISSIS), con atto di citazione del 1 settembre 1993, conveniva in giudizio davanti al Tribunale di Cremona, la cognata (OMISSIS) e, premesso di essere erede insieme al fratello (OMISSIS) della madre (OMISSIS), chiedeva che venisse accertata la nullita', ai sensi dell'articolo 782 cod. civ., della cessione di alcuni titoli di credito, operata dalla madre sul conto bancario della convenuta e che, pertanto, la convenuta fosse condannata alla restituzione nella misura della meta' corrispondente alla quota ereditaria ad esso attore della somma di lire 150.000.000, nonche', analoga pronuncia nel caso di accertamento, nel corso dell'istruttoria della trasmissione di ulteriori somme dalla madre alla sig.ra (OMISSIS). Precisava l'attore che la madre nei 1992 aveva disposto l'accredito sul conto corrente aperto presso il (OMISSIS) intestato alla nuora (OMISSIS) del valore dei titoli di credito a suo nome scaduti. Assumeva che tale operazione integrava gli estremi di un mutuo, ovvero, di una donazione nulla per difetto di forma.

Si costituiva (OMISSIS) contestando la ricorrenza di un'ipotesi di mutuo o di donazione in quanto aveva ricevuto tali titoli in esecuzione di disposizione fiduciaria.

Il Tribunale di Cremona con sentenza n. 554 del 2002, ritenuto non provato il titolo di mutuo o di donazione sottostante il trasferimento delle somme di denaro, respingeva la domanda proposta dall'attore e compensava interamente le spese giudiziali tra le parti.

Con atto di citazione, notificato sia alla (OMISSIS) che alla (OMISSIS), (OMISSIS), proponeva appello avverso la sentenza del Tribunale di Cremona e avverso l'ordinanza camerale dello stesso Tribunale del 18 aprile 2002 con la quale era stato respinto il reclamo da lui proposto avverso il diniego di sequestro documentale, chiedendone la integrale riforma.

(OMISSIS) restava contumace, mentre la (OMISSIS) si costituiva rilevando la sua estraneita' al giudizio.

La Corte di Appello di Brescia con sentenza n. 25 del 2006 dichiarava inammissibile la citazione della (OMISSIS), respingeva l'appello e confermava integralmente la sentenza del Tribunale di Cremona. A sostegno di questa decisione, la Corte bresciana osservava: a) che la (OMISSIS), non poteva essere parte nel giudizio di appello perche' non era mai stata parte nel giudizio di primo grado; b) che incombeva su (OMISSIS) l'onere di provare non solo il fatto oggettivo della cessione di titoli senza corrispettivo, ma anche l'animus donandi considerato che non ogni attribuzione patrimoniale gratuita integra una donazione ma solo quella fatta per spirito di liberalita'. Tale prova non era stata raggiunta, mentre risultava l'esistenza di una pluralita' di rapporti economici tra le parti astrattamente idonei a giustificare il trasferimento di somme di denaro al di fuori dell'ipotesi di donazione.

La cassazione della sentenza della Corte di Appello di Brescia e' stata chiesta da (OMISSIS), con ricorso affidato ad un motivo. (OMISSIS) regolarmente intimata, in questa fase non ha svolto alcuna attivita' difensiva.

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Con l'unico motivo (OMISSIS), lamenta l'omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio ex articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5 nonche' la violazione e falsa applicazione dell'articolo 116 c.p.c. in relazione all'articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3. Avrebbe errato la Corte bresciana, secondo il ricorrente, nell'aver ritenuto non provato la spirito di liberalita' mentre sarebbe parsa plausibile la tesi circa l'intestazione fiduciaria che delle somme in questione la convenuta (OMISSIS) avrebbe fatto alla (OMISSIS), perche' avrebbe trascurato di considerare che, mentre esisteva piena e sicura prova dei trasferimenti di somme di denaro dalla (OMISSIS) alla (OMISSIS), nulla di ragionevolmente plausibile era emerso circa il negozio in virtu' del quale quelle somme di denaro sarebbe fiduciariamente intestate alla (OMISSIS). In verita', specifica il ricorrente, i Giudici del merito avrebbero fondato il loro convincimento sulle deposizioni rese dal marito e dalla madre della convenuta le quali affermavano che (OMISSIS) avrebbe investito somme di denaro (circa un centinaio di milioni) in titoli intestando il dossier alla madre (scilicet (OMISSIS)). Ora, ritenere provato, sempre secondo il ricorrente - "sulla mera scorta di tale risultanze istruttorie, l'assunto della (OMISSIS) circa la pretesa intestazione fiduciaria alla (OMISSIS) delle somme che da quest'ultima, invece, sono documentalmente risultate trasferite alla (OMISSIS), non puo' non apparire del tutto privo di logica giuridica onde inoppugnabilmente viziata in radice ex articolo 116 c.p.c., comma 1 ne risulterebbe la conclusione cui e' pervenuta la Corte del merito".

1.1. Il motivo e' infondato e non puo' essere accolto, non solo perche' si risolve nella richiesta di una nuova e diversa valutazione delle risultanze istruttorie che non puo' essere proposta nel giudizio di cassazione, ma, soprattutto, perche' la sentenza impugnata indica sufficientemente le ragioni di fatto e di diritto poste a fondamento della decisione e comunque una razionale, articolata e convincente valutazione dei dati processuali acquisiti.

1.1.a). A bene vedere, nel caso in esame, l'istruttoria, in una sua considerazione unitaria evidenziava che (OMISSIS) "quando l'attivita' del maglificio (OMISSIS) andava molto bene (...) aveva investito somme di denaro (circa un centinaio di milioni) in titoli intestando il dossier alla madre che tra la (OMISSIS) e la (OMISSIS) e (OMISSIS) intercorrevano rapporti anche economici plurimi, che la (OMISSIS) convivente con il figlio e la nuora aiutava nel negozio (della (OMISSIS)) e si occupava anche dell'acquisto di capi di abbigliamento, la cui gestione economico - contabile del negozio, tuttavia, faceva capo a (OMISSIS). Sicche' appare del tutto convincente ritenere - come ha chiarito la Corte bresciana che da un verso l'istruttoria non evidenziava alcun elemento a sostegno della tesi della dazione di denaro per spirito di liberalita' e, al contrario, anche in via presuntiva indicava l'esistenza degli estremi di un negozio con pactum fiduciae tra (OMISSIS), (OMISSIS) e la (OMISSIS).

1.1.b). Come e' opinione anche della dottrina dominante, il negozio fiduciario e' il negozio con il quale un soggetto (il fiduciante) trasferisce ad un altro soggetto (il fiduciario) la titolarita' di un diritto, il cui esercizio viene limitato da un accordo tra le parti (pactum fiduciae) per uno scopo che il fiduciario si impegna a realizzare, ritrasferendo poi il diritto allo stesso fiduciante o ad un terzo beneficiario. La fattispecie si sostanzia in un accordo tra due soggetti, con cui il primo trasferisce (o costituisce) in capo al secondo una situazione giuridica soggettiva (reale o personale) per il conseguimento di uno scopo pratico ulteriore, ed il fiduciario, per la realizzazione di tale risultato, assume l'obbligo di utilizzare nei tempi e nei modi convenuti la situazione soggettiva, in funzione strumentale, e di porre in essere un proprio comportamento coerente e congruo. Trattandosi di fattispecie non espressamente disciplinata dalla legge, e, in mancanza di una disposizione espressa in senso contrario, il factum fiduciae non puo' che essere affidato al principio generale della liberta' della forma.

1.1.c). Ora, nel caso in esame l'attribuzione di somme di denaro dalla (OMISSIS) alla (OMISSIS) solo apparentemente era senza alcuna ragione giustificativa, perche' i rapporti tra le parti interessate - come e' stato indicato dalla prova testimoniale - chiariva che quell'attribuzione, ragionevolmente, era effettuata in ragione e in forza di un obbligo che la (OMISSIS) aveva assunto con il fiduciante (OMISSIS) e non invece, per spirito di liberalita'.

In definitiva, il ricorso va rigettato e il ricorrente, in ragione del principio di soccombenza ex articolo 91 c.p.c., condannato ai pagamento delle spese del presente giudizio di cassazione che verranno liquidate con il dispositivo.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese giudiziali che liquida in euro 2.200,00, di cui euro 2.000,00 per onorari, oltre spese generali e accessori come per legge.

INDICE
DELLA GUIDA IN Testamento

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 2598 UTENTI