Il lavoratore non ha diritto alla retribuzione se non fornisce prova di aver offerto la prestazione lavorativa

Sebbene la messa a disposizione da parte del lavoratore delle energie lavorative a favore del datore non richieda specifici requisiti formali e possa esser realizzata anche per fatti concludenti, occorre ad ogni modo che essa sia indirizzata al datore di lavoro il quale ne risulti (o possa risultarne) edotto, mentre quando, per la situazione concretamente verificatasi, la conoscenza o la possibilita' di conoscenza sono escluse, il lavoro eventualmente effettuato non da diritto alla retribuzione, non potendo affermarsi che il datore di lavoro abbia accettato una prestazione del cui svolgimento nulla sapeva o poteva sapere.



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SENESE Salvatore - Presidente

Dott. MIANI CANEVARI Fabrizio - Consigliere

Dott. ROSELLI Federico - Consigliere

Dott. DE RENZIS Alessandro - Consigliere

Dott. CURCURUTO Filippo - rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

CA. DI. CU. VI. OR. S.R.L. IN LIQUIDAZIONE, in persona dei suoi liquidatori pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA VIA CARLO MIRABELLO 26, presso lo studio dell'avvocato IANNUCCILLI PASQUALE, rappresentata e difesa dagli avvocati PIGRINI ENEA, SORICE SALVATORE, giusta delega in atti;

- ricorrente -

contro

CO. GI. , elettivamente domiciliata in ROMA, presso LA CANCELLERIA DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dagli avvocati COCCHIARO RAFFAELE, COMUNE FRANCESCO, giusta delega in atti;

- controricorrente -

contro

RA. CA. , DE. PR. MA. , domiciliate in ROMA presso LA CANCELLERIA DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentate e difese dall'avvocato COCCHIARO RAFFAELE, giusta delega in atti;

- controricorrenti -

avverso la sentenza n. 3089/04 della Corte d'Appello di NAPOLI, depositata il 20/08/04 R.G.N. 1223/00 + altre;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 27/03/08 dal Consigliere Dott. Filippo CURCURUTO;

udito l'Avvocato PIGRINI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. MATERA Marcello che ha concluso per l'accoglimento del ricorso per quanto di ragione.

RITENUTO IN FATTO

1. De. Pr.Ma. , Ra.Ca. e Co. Gi. convennero in giudizio la Ca. di. Cu. Vi. Or. s.r.l., in liquidazione, della quale erano dipendenti, chiedendone la condanna a corrispondere loro la retribuzione per il periodo dal settembre 1993 al marzo 1994. La convenuta, costituitasi a resistere, contesto' la pretesa deducendo che nel periodo indicato la clinica era stata occupata dalle dipendenti, costituitesi in assemblea permanente.

2. La domanda, rigettata dal primo giudice, fu accolta dalla Corte d'appello di Napoli, in base a considerazioni cosi' riassumibili.

3. Secondo accertamenti dei carabinieri di (OMESSO), fra il (OMESSO) la Cl. Vi. Or. s.r.l., priva sia di pazienti che di medici, era stata costantemente occupata dai dipendenti per protesta contro il rischio di perdita del posto di lavoro, conseguente alla mancate sovvenzioni da parte della USL. La presenza dei dipendenti non trovava quindi ragion d'essere nella necessita' di espletamento di attivita' lavorativa.

4. Tuttavia, per quanto riguarda specificamente le parti attrici, premesso che il rapporto dei carabinieri aveva rappresentato la situazione generale dell'azienda senza effettuare una ricognizione di attivita' eventualmente proseguite, le risultanze dell'istruttoria conducevano ad affermare che le attrici avevano messo, in sostanza, a disposizione della controparte la loro prestazione, sia pure in via informale e per fatti concludenti.

4.1. Le tre dipendenti, infatti, erano addette alle pulizie ed erano state viste nella clinica con la apposita divisa da lavoro. D'altra parte i locali della clinica, durante il periodo di agitazione, erano rimasti puliti, e le tre lavoratrici, approfittando della mancanza dei pazienti, avevano effettuato le ed. grandi pulizie. Inoltre, una volta terminato lo stato di agitazione, le lavoratrici, diversamente dagli altri colleghi, che avevano abbandonato la clinica, avevano continuato a svolgere secondo appositi turni i loro compiti di pulizia.

4.2. In conclusione, poteva presumersi che esse avessero offerto la loro prestazione, non continuativamente ma comunque in termini adeguati alla situazione verificatasi.

5. La. Ca. di. Cu. Vi. Or. s.r.l. in liquidazione chiede la cassazione della sentenza sulla base di due motivi di ricorso.

6. Le intimate resistono con controricorso.

CONSIDERATO IN DIRITTO

7. Con il primo motivo di ricorso e' denunziata omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia.

Si addebita alla sentenza impugnata di aver ipotizzato una prestazione lavorativa delle contro ricorrenti dopo aver accertato una situazione di fatto, quale lo sciopero e la successiva occupazione, nella quale per definizione cessano l'obbligazione lavorativa e il corrispondente obbligo retributivo.

Si addebita ancora alla sentenza di aver omesso di considerare che nel periodo di occupazione non vi era stata, ne' avrebbe potuto esservi, alcuna offerta formale della prestazione da parte delle lavorataci, o rifiuto della stessa da parte del datore, essendo emerso dall'istruttoria che nessuno degli amministratori, o dei medici, era mai rientrato nella clinica, divenuta del resto inagibile a causa dell'agitazione e pertanto del tutto priva di pazienti e non piu' in grado di perseguire i suoi fini di diagnosi e cura. Si addebita, infine, alla sentenza di non aver considerato che nel rapporto di lavoro una eventuale offerta di prestazione utile per il sorgere del diritto alla prestazione presuppone che il datore di lavoro ne sia consapevole e la rifiuti ingiustificatamente.

8. Con il secondo motivo di ricorso e' denunziata violazione e falsa applicazione degli articoli 1460, 2094 e 1206 e segg. c.p.c..

Si addebita alla sentenza impugnata di aver violato i principi in tema di sinallagmaticita' del contratto di lavoro, riconoscendo il diritto alla retribuzione in assenza di una offerta di prestazione lavorativa, o comunque di una offerta di prestazione comunicata alla controparte.

9. I due motivi, da esaminarsi congiuntamente perche' connessi, sono fondati.

La sentenza impugnata, accertata una situazione nella quale la struttura sanitaria dove le lavorataci avevano prestato servizio, era stata occupata dai dipendenti, postisi in stato di agitazione a tutela del posto di lavoro, e non poteva piu' espletare quindi i compiti suoi propri, ha ritenuto, in sostanza, che le lavorataci avessero continuato a frequentare la Clinica non in quanto occupanti ma per rendere la loro prestazione lavorativa, sia pure nei termini, ridotti, derivanti dalla situazione, onde mantenere determinati standards di igiene in vista di una ripresa dell'attivita'. In tal modo, secondo la sentenza, le lavorataci avrebbero offerto la propria prestazione per fatti concludenti, maturando quindi il diritto alla retribuzione.

Come ribadito da questa Corte, sia pure con riferimento al caso di cessazione dell'esecuzione delle prestazioni lavorative alla scadenza del termine illegittimamente apposto al contratto, il lavoratore non ha diritto alla retribuzione, finche' non provveda ad offrire la prestazione lavorativa determinando una "mora accipiendi" del datore di lavoro, al qual fine peraltro l'atto di costituzione in mora - ancorche' effettuabile da un terzo, da un "nuncius" o da un rappresentante - configura un atto giuridico in senso stretto a carattere recettizio, sicche' deve essere rivolto al datore di lavoro affinche' possa risultare formalizzato il rifiuto a ricevere la prestazione. (Cass. 2006/24886).

Puo' quindi affermarsi che sebbene la messa a disposizione da parte del lavoratore delle energie lavorative a favore del datore non richieda specifici requisiti formali e possa esser realizzata anche per fatti concludenti, occorre ad ogni modo che essa sia indirizzata al datore di lavoro il quale ne risulti (o possa risultarne) edotto, mentre quando, per la situazione concretamente verificatasi, la conoscenza o la possibilita' di conoscenza sono escluse, il lavoro eventualmente effettuato non da diritto alla retribuzione, non potendo affermarsi che il datore di lavoro abbia accettato una prestazione del cui svolgimento nulla sapeva o poteva sapere.

La sentenza impugnata non si e' conformata a tale principio e va quindi cassata. Inoltre, non essendovi necessita' di ulteriori accertamenti di fatto, la causa puo' esser decisa nel merito con rigetto della domanda. La Corte ritiene opportuno compensare le spese dell'intero processo.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e decidendo nel merito rigetta la domanda proposta dalle contro ricorrenti contro la Ca. di. Cu. Vi. Or. srl in liquidazione; compensa le spese dell'intero processo.

INDICE
DELLA GUIDA IN Lavoro

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 415 UTENTI