Per essere computato nel calcolo del Tfr, il lavoro straordinario deve essere costante e sistematico per un apprezzabile periodo di tempo

L'affermazione della continuita' del lavoro straordinario reso per un certo tempo non puo' fondarsi sull'accertamento di una semplice reiterazione delle prestazioni eccedenti l'orario normale, potendo essa trovare giustificazione solo allorche' il carattere costante e sistematico di queste ultime venga individuato nella duplice condizione di una verificata regolarita' o frequenza o periodicita' della prestazione e di una ragionata esclusione dei caratteri di occasionalita', transitorieta' o saltuarieta'. In particolare, si e' aggiunto, occorre misurare la riconoscibilita' di regolarita', frequenza o anche mera periodicita' di una prestazione eccedente l'orario ordinario con riguardo al suo ripetersi con costanza ed uniformita' "per un apprezzabile periodo di tempo", cosi' da divenire abituale ne quadro dell'organizzazione del lavoro (vedi, ex multis: Cass. 21 giugno 2006, n. 14325; Cass. 14 ottobre 2004 n. 20278; Cass. 10 marzo 2005 n. 5234; Cass. 11 marzo 2005 n. 5362). Per tale ragione, perché venga computato nel calcolo del Tfr, il lavoro straordinario deve essere costante e sistematico per un apprezzabile periodo di tempo.

Corte di Cassazione Sezione Lavoro Civile, Sentenza del 23 settembre 2011, n. 19402



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIDIRI Guido - Presidente

Dott. DE RENZIS Alessandro - Consigliere

Dott. DI CERBO Vincenzo - Consigliere

Dott. TRIA Lucia - rel. Consigliere

Dott. BALESTRIERI Federico - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 5365/2007 proposto da:

SA. FR. , elettivamente domiciliato in ROMA, VIA GIULIO ARISTIDE SARTORIO 60, presso lo studio dell'avvocato CAMARDA MARCO, rappresentato e difeso dagli avvocati VASTO Antonio, RICCHIUTI MARILENA, giusta delega in atti;

- ricorrente -

contro

EN. PR. S.P.A., in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE REGINA MARGHERITA 125, presso lo studio dell'avvocato PAPA Maria Stefania, che lo rappresenta e difende unitamente all'avvocato D'AMORE CARLO, giusta delega in atti;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 351/2006 della CORTE D'APPELLO di LECCE, depositata il 23/02/2006 r.g.n. 1524/05;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del 10/05/2011 dal Consigliere Dott. LUCIA TRIA;

udito l'Avvocato MARCO CAMARDA per delega MARILENA RICCHIUTI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. APICE Umberto, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1. - La sentenza attualmente impugnata (depositata il 23 febbraio 2006) in sede di rinvio disposto da Cass. 5 giugno 2004, n. 10712 rigetta il ricorso in riassunzione di Sa.Fr. nei confronti di EN. Pr. s.p.a., diretto ad ottenere la condanna della societa' alla riliquidazione del TFR e al pagamento delle differenze dovute per il computo del compenso per il lavoro straordinario prestato nel periodo maggio 1981-maggio 1982.

La Corte d'appello di Lecce precisa che:

a) e' infondata l'eccezione di nullita' del ricorso introduttivo per indeterminatezza dello stesso proposta dalla societa', in quanto il Sa. nella domanda ha esposto in modo piu' che esauriente tutti gli elementi in fatto e in diritto a sostegno delle proprie pretese;

b) ugualmente infondata e' l'eccezione di prescrizione, perche' il diritto del lavoratore alla riliquidazione del TFR non puo' che maturare alla data di cessazione del rapporto, dalla quale comincia a decorrere il termine prescrizionale quinquennale per far valere eventuali diritti connessi al TFR;

C) ne' vale in contrario il fatto che, nella specie, si sia inteso rivendicare una quota di TFR maturata il 31 maggio 1982, visto che tale rivendicazione poteva essere effettuata solo alla data di cessazione del rapporto di lavoro;

d) quanto al merito, va sottolineato che, dagli articoli 43 e 44 del c.c.n.l. del 25 gennaio 1983, si desume che il lavoro straordinario, se prestato con carattere continuativo e non occasionale e collegato alle normali esigenze dell'azienda (programmate e ricorrenti nel tempo), deve essere computato ai fini del calcolo del TFR;

e) tuttavia, il Sa. non ha provato - come doveva - di avere svolto lo straordinario per esigenze programmate dell'azienda, essendosi limitato, nel ricorso introduttivo, a dichiarare la sua qualifica di A/1 presso la Centrale termica di Bari, nonche' di aver espletato "un consistente numero di ore di straordinario per provvedere alla manutenzione eccezionale e a quella ordinaria degli impianti della Centrale";

f) nulL'altro ha specificato, neppure in risposta alla specifica contestazione sul punto dell'EN. .

2.- Il ricorso di Sa.Fr. domanda la cassazione della sentenza per un unico, articolato motivo; resiste con controricorso EN. Pr. s.p.a..

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. - Il Collegio raccomanda la motivazione semplificata.

2. - Con l'unico, articolato motivo, si denuncia: a) in relazione all'articolo 360 cod. proc. civ., n. 3, violazione e falsa applicazione della 2697 cod. civ., articoli 115 e 116 cod. proc. civ. (omessa pronuncia su un punto decisivo della controversia); b) in relazione all'articolo 360 cod. proc. civ., n. 5, omesso esame in ordine a un punto decisivo della controversia.

3. - Il ricorso non e' fondato.

Pronunciando in analoghe controversie, questa Corte ha gia' avuto modo di precisare che l'affermazione della continuita' del lavoro straordinario reso per un certo tempo non puo' fondarsi sull'accertamento di una semplice reiterazione delle prestazioni eccedenti l'orario normale, potendo essa trovare giustificazione solo allorche' il carattere costante e sistematico di queste ultime venga individuato nella duplice condizione di una verificata regolarita' o frequenza o periodicita' della prestazione e di una ragionata esclusione dei caratteri di occasionalita', transitorieta' o saltuarieta'.

In particolare, si e' aggiunto, occorre misurare la riconoscibilita' di regolarita', frequenza o anche mera periodicita' di una prestazione eccedente l'orario ordinario con riguardo al suo ripetersi con costanza ed uniformita' "per un apprezzabile periodo di tempo", cosi' da divenire abituale ne quadro dell'organizzazione del lavoro (vedi, ex multis: Cass. 21 giugno 2006, n. 14325; Cass. 14 ottobre 2004 n. 20278; Cass. 10 marzo 2005 n. 5234; Cass. 11 marzo 2005 n. 5362).

Nella specie, la Corte d'appello, nell'escludere il reclamato diritto del Sa. al pagamento delle differenze retributive per lo straordinario, si e' uniformata ai suddetti principi, avendo escluso - con congrua e logica motivazione - l'esistenza della continuita' dello straordinario, fondata mera asserzione che lo straordinario prestato era legato ad una stabile necessita' dell'impresa di provvedere all'erogazione dell'energia elettrica senza interruzioni, sospensioni o disfunzioni, senza uno specifico accertamento idoneo a dimostrare il ripetersi delle prestazioni straordinarie con costanza e uniformita' lungo un apprezzabile arco temporale.

3. - In sintesi, il ricorso deve essere respinto. Le spese, liquidate come da dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente alle spese del presente giudizio di legittimita', liquidate in euro 40,00 per esborsi, euro 2.500,00 per onorari, oltre I.V.A., C.P.A. e spese generali.

INDICE
DELLA GUIDA IN Lavoro

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 1695 UTENTI