Separato con due figli minori da due diverse relazioni. ...

Attenzione: ogni consulenza viene modificata per rendere irriconoscibile l’autore

Quesito risolto:
Separato con due figli minori da due diverse relazioni. Non sono mai stato sposato,ma fino al novembre ---- ho condiviso un nucleo familiare composto da me ,la mia ex compagna ---- e nostro figlio che oggi ha - anni .Nel ---- appunto,tra me e la mia ex vi e' stata separazione consensuale e ci siamo rivolti, in comune accordo,al Tribunale dei minori di per avviare le procedure per l' affido condiviso di nostro figlio . Il provvedimento di condivisione prevede il mio contributo mensile alle spese di mantenimento, pari a€ ---,piu la partecipazione del --%alle spese scolastiche,ricreative e di carattare medico. Inoltre fino a meno di un anno fa, ho contribuito al pagamento delle spese di affitto ,della casa in dove loro risiedono dopo la separazione,nella misura del --% ( € ---),il tutto per cercare di andare incontro il piu' possibile alle necessita'e all'assestamento della loro nuova situazione. Per farla breve,ho versato per oltre - anni ,un contributo mensile di oltre ------- euro (indicizzato istat)senza contare tutte le spese extra che sostengo quando il bambino e' con me ;il bambino sta con me due giorni infrasettimanali(lunedi e giovedì pernottamento ,pasti,accompagnamento a scuola ) e trascorre due weekend alterni ogni mese (dal venerdì uscita scuole fino al lunedi mattina)...totale --;-- giorni al mese in mia compagnia dove io provvedo a tutti i suoi bisogni. Nel frattempo ,da una relazione sentimentale parallela,ho avuto un secondo figlio piu' piccolo di nome , che si appresta a compiere - anni...avendolo riconosciuto,ho convenuto con la madre di contribuire alla sua crescita con un versamento di € --- mensile,piu'visite periodiche che cerco di organizzare lavoro e tempo permettendo...purtroppo,vivono a e la manovra diventa per me dispendiosa ,in sostanza vivo tutto questo con grandi fatiche ed enormi sacrifici,ma sono tutti e due miei figli...Come se non bastasse sono da alcuni anni senza lavoro ,senza assegno di disoccupazione,senza assegni familiari.. Ora, certo non vado a rubare,ma vivo di lavori occasionali che mi riesco a inventare ,giorno per giorno,ma sempre senza nessuna certezza ,garanzia e tutela nei riguardi della mia persona e per la sopravvivenza dei miei figli. Concludendo,io non intendo declinare i miei doveri,voglio continuare a fare il padre come ho fatto finora,ma mi sono visto costretto a ridurre l'assegno di mantenimento di mio figlio da €--- a € --- ,come per l'altro figlio poiché il mio tenore di vita non mi consente alternativa. Morale.malgrado una raccomandata A:R inviata alla madre di lo scorso mese di settembre ----,dove la informavo delle mie difficolta' e della riduzione dell'assegno,la stessa, esige adesso, la differenza non percepita durante questi ultimi mesi che ammonta a circa ---- €.... Io chiedo a voi,cosa devo fare per formalizzare qs mia nuova situazione e mettere fine alle contestazioni di parte : devo chiedere una revisione del provvedimento al tribunale? posso rivolgermi direttamente io di persona al tribunale,oppure devo farlo mediante assistenza legale ? Esiste un organo assistenziale che puo' aiutarmi in questa procedura senza dover incorrere in grosse spese? Io soldi non ne ho e quei pochi che accumulo sono per i miei - figli---------------ringrazio la vostra collaborazione, distinti saluti
Inviato: 1632 giorni fa
Materia: Divorzio
Pubblicato il: 11/09/2014

Il cliente ha inserito una integrazione quesito iniziale: 1633 giorni fa
volevo aggiungere un ultima domanda;Quando un figlio si trova in mia compagnia per un periodo consecutivamente lungo,dove sono io,padre,a provvedere all'alimentazione e al benessere dello stesso; esempio alcune settimane o piu' per trascorrere le vacanze assieme,è obbligo per me padre dover comunque versare alla madre la consueta retta mensile per gli alimenti?
expert
Il Professionista ha risposto: 1632 giorni fa

Riscontro la sua richiesta di consulenza come appresso.
Nel suo messaggio mi riferisce che le è stato imposto il pagamento di un contributo di mantenimento dal Tribunale dei Minori in favore di suo figlio, che con il passare del tempo la situazione è cambiata nel senso che lei ora ha un altro figlio, nato da una nuova relazione; che quant'innanzi non le consente di far fronte come un tempo all'esborso delle somme richieste dalla sua ex moglie; che, conseguentemente, ha ridotto il versamento.
Mi chiede come tutelarsi.
Va subito premesso che poiché le somme sono dovute in dipendenza dell'ordine giudiziale del Tribunale dei Minori, fino a quando non viene emesso un altro ordine, che modifichi il precedente, lei è tenuto a pagare nello stesso ammontare.
Ciò per evitare un recupero forzato del credito da parte della madre di suo figlio.
Le consiglio pertanto di proporre ricorso al Tribunale ordinario, oggi competente, per conseguire la modifica del provvedimento finalizzata ad ottenere la riduzione dell'assegno di mantenimento.
Dovrebbe sostenere nella istanza di modifica che vi sono delle nuove situazioni, come la nascita di un altro figlio, sopravvenute rispetto a quelle esistenti al tempo della emanazione del provvedimento.
Secondo la giurisprudenza della Suprema Corte ove, a sostegno della richiesta di diminuzione dell'assegno, siano allegati sopravvenuti oneri familiari dell'obbligato, il giudice deve verificare se si determini un effettivo depauperamento delle sue sostanze in vista di una rinnovata valutazione comparativa della situazione delle parti, salvo che la complessiva situazione patrimoniale dell'obbligato sia di tale consistenza da rendere irrilevanti i nuovi oneri (Cass. civ., sezione -, n. ----- del -- novembre ----).
Occorre sostenere che nel suo caso, la costituzione di una nuova famiglia rappresenta presupposto che impone la rideterminazione dell'assegno di mantenimento (cass n.----/----
Parimenti dovrebbe far valere anche la circostanza che alcuni periodi suo figlio li trascorre con lei sicchè l'assegno deve essere ridotto in considerazione del minor peso economico posto a carico della madre.

Resto a disposizione per eventuali richieste di chiarimenti ed assistenza

» Fai la tua domanda ai nostri avvocati esperti in Divorzio

INDICE
DELLA GUIDA IN Divorzio

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 316 UTENTI