Equiparati figli legittimi e figli naturali

In data 16/03/07 è stato approvato dal Consiglio dei Ministri un disegno di legge conferisce al Governo la delega a eliminare dall’ordinamento ogni residua discriminazione in materia di filiazione, in coerenza con una tendenza ormai recepita dai più avanzati ordinamenti civili europei e con Accordi internazionali quali la Convenzione di New York su diritti del fanciullo (1989), la Convenzione europea sulla salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, la Convenzione europea di Strasburgo (1996) nonché con i Regolamenti comunitari in materia. Il disegno di legge interverrà sul Codice Civile, attraverso la modifica dell’art. 315 e l’introduzione dell’art. 315 bis, e sulla normativa correlata, al fine di equiparare i figli “legittimi” con quelli con quelli fino ad oggi definiti “naturali”. Tali espressioni verranno espunte dall’ordinamento ed esisterà un unico stato di figlio basato su due aspetti: verità biologica e assunzione delle responsabilità rispetto al minore. Non esisterà più alcuna discriminazione nei riguardi di figli incestuosi la cui posizione giuridica non può essere condizionata dalla buona o mala fede dei genitori

INDICE
DELLA GUIDA IN Divorzio

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 1229 UTENTI