La separazione non comporta la perdita del diritto di soggiorno del coniuge extracomunitario se il matrimonio è durato almeno tre anni

Il divorzio e l'annullamento del matrimonio con il cittadino dell'Unione non comportano la perdita del diritto di soggiorno dei familiari del cittadino dell'Unione non aventi la cittadinanza di uno stato membro, a condizione che il matrimonio sia durato almeno tre anni, di cui almeno un anno nel territorio nazionale, prima dell'inizio del procedimento di divorzio o di annullamento. E' quanto prescritto dal sopravvenuto del Decreto Legislativo n. 30 del 2007, articolo 12, comma 2, lettera a) (non modificato in parte qua dal Decreto Legislativo n. 32 del 2008).

Corte di Cassazione Sezione 1 Civile, Ordinanza del 20 settembre 2010, n. 19893



- Leggi la sentenza integrale -

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME' Giuseppe - Presidente

Dott. DI PALMA Salvatore - Consigliere

Dott. ZANICHELLI Vittorio - Consigliere

Dott. SCHIRO' Stefano - rel. Consigliere

Dott. DIDONE Antonio - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:

VI. SA. CA. CE. , elettivamente domiciliata in Roma, Via Bruxelles 59, presso lo studio dell'avv. Giorgio Robioni, rappresentata e difesa dall'avv. PESCE Pierluigi, del Foro di Savona, per procura in atti;

- ricorrente -

contro

MINISTERO DELL'INTERNO, in persona del Ministro pro tempore;

- intimato -

avverso il provvedimento della Corte d'appello di Genova in data 13 ottobre 2007 nel procedimento n. 330/07 V.G.;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 22 aprile 2010 dal relatore, Cons. Dott. Stefano Schiro';

alla presenza del Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Generale, Dott. PRATIS Pierfelice, che nulla ha osservato.

La Corte:

A) rilevato che e' stata depositata in cancelleria, ai sensi dell'articolo 380 bis c.p.c., la seguente relazione, comunicata al Pubblico Ministero e notificata all'avvocato della ricorrente:

"Il Consigliere Relatore, letti gli atti depositati.

RITENUTO IN FATTO

CHE:

1. Vi. Sa.Ca. Ce. , cittadina dell'(OMESSO), ha proposto ricorso per cassazione, sulla base di due motivi, nei confronti del Ministero dell'Interno avverso il decreto della Corte di appello di Genova in data 13 ottobre 2007, che ha rigettato il reclamo dalla medesima proposto contro il decreto del Tribunale di Genova in data 18 settembre 2006, che ha respinto la sua opposizione avverso il decreto del Questore di Genova che, a sua volta, ha respinto la richiesta dell'interessata di rinnovo del permesso di soggiorno, sul presupposto che era cessata, per separazione coniugale, la sua convivenza con un cittadino italiano, con il quale aveva contratto matrimonio nel (OMESSO) e dal quale si era separata nel gennaio 2006;

1.1. il ricorso per cassazione, gia' notificato al Ministero dell'Interno presso l'Avvocatura distrettuale dello Stato di Genova, e' stato successivamente notificato presso l'Avvocatura generale dello Stato il 30 marzo 2009, in esecuzione dell'ordinanza collegiale di questa Corte in data 24 febbraio 2009 e nel rispetto del termine di quaranta giorni stabilito dal collegio; il Ministero intimato non ha svolto difese.

OSSERVA IN DIRITTO

2. appare manifestamente fondato il primo motivo, con assorbimento del secondo, in quanto la Corte di appello di Genova non ha applicato, come espressamente richiesto dalla reclamante, il sopravvenuto del Decreto Legislativo n. 30 del 2007, articolo 12, comma 2, lettera a) (non modificato in parte qua dal Decreto Legislativo n. 32 del 2008), in forza del quale il divorzio e l'annullamento del matrimonio con il cittadino dell'Unione non comportano la perdita del diritto di soggiorno dei familiari del cittadino dell'Unione non aventi la cittadinanza di uno stato membro, a condizione che il matrimonio sia durato almeno tre anni, di cui almeno un anno nel territorio nazionale, prima dell'inizio del procedimento di divorzio o di annullamento; nel caso di specie e' pacifico in atti - risultando le relative circostanze dallo stesso decreto della Corte di appello qui impugnato - che la ricorrente si e' unita in matrimonio con il cittadino italiano Ro. nell'(OMESSO), separandosi poi di fatto da lui nel (OMESSO) e venendo successivamente omologata nel gennaio 2006 la separazione consensuale dei coniugi; e' da ritenersi pertanto che la Vi. Sa. , coniugata per oltre cinque anni in Italia con un cittadino italiano, abbia diritto al rinnovo del permesso di soggiorno, ai sensi del citato articolo 12, comma 2, lettera a), applicabile, data l'identita' di ratto, anche nell'ipotesi di intervenuta separazione coniugale;

3. alla stregua delle considerazioni che precedono e qualora il collegio condivida i rilievi formulati, si ritiene che il ricorso possa essere trattato in Camera di consiglio ai sensi degli articoli 375 e 380 bis c.p.c.";

B) osservato che non sono state depositate conclusioni scritte o memorie ai sensi dell'articolo 380 bis c.p.c., e che, a seguito della discussione sul ricorso tenuta nella Camera di consiglio, il collegio ha condiviso le considerazioni esposte nella relazione in atti;

considerato che le argomentazioni che precedono conducono

all'accoglimento del primo motivo, con assorbimento del secondo, e che di conseguenza il provvedimento impugnato deve essere annullato in ordine alla censura accolta;

ritenuto che, non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, la causa puo' essere decisa nel merito, ai sensi dell'articolo 384 c.p.c., comma 2, con l'accoglimento dell'opposizione proposta da Vi. Sa.Ca. Ce. avverso il provvedimento in data 14 giugno 2005, con il quale il Questore di Genova ha rigettato l'istanza di rinnovo del permesso di soggiorno dalla medesima presentata e con l'annullamento di detto provvedimento, alla luce delle argomentazioni svolte nella relazione in atti e sopra riportate;

che le spese del doppio grado del giudizio di merito e quelle del giudizio di cassazione, da liquidarsi come in dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte accoglie il primo motivo di ricorso, assorbito il secondo. Cassa il decreto impugnato e, decidendo nel merito, accoglie l'opposizione proposta dalla ricorrente Vi. Sa. Ca. Ce. avverso il provvedimento in data 14 giugno 2005, con il quale il Questore di Genova ha rigettato l'istanza di rinnovo del permesso di soggiorno dalla medesima presentata, e annulla il provvedimento medesimo.

Condanna l'Amministrazione soccombente al pagamento delle spese del giudizio di primo grado, che si liquidano in euro 1.200,00, di cui euro 600,00 per onorari e euro 100,00 per esborsi, di quelle del giudizio di appello, che si liquidano in euro 1.200,00, di cui euro 600,00 per onorari e euro 100,00 per esborsi, nonche' delle spese del giudizio di cassazione, che si liquidano in euro 1.200,00, di cui euro 1.100,00 per onorari, oltre a spese generali e accessori di legge per ciascuna fase del processo.
 

INDICE
DELLA GUIDA IN Divorzio

OPINIONI DEI CLIENTI

Vedi tutte

ONLINE ADESSO 165 UTENTI